La Manigolda

matteo renzi

Cosa rimane della sesta edizione della Leopolda? Rimane un’accozzaglia di chiacchiere di un premier non eletto che si autocelebra nel tentativo di rinvigorire i sondaggi. Matteo Renzi, dal palco, snocciola le sue imprese di presidente del Consiglio di un governo senza spina dorsale. Droga i numeri, enfatizza i provvedimenti di legge, bara sui risultati, attacca i giornali e difende una ministra dipinta come la Vergine Maria, (Maria Elena Boschi, travolta dal crac di Banca Etruria, che in un Paese normale farebbe al massimo la cassiera al supermercato). Insomma, più che Leopolda, la manifestazione andrebbe chiamata Manigolda.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.