Mortacci loro

Oggi é il giorno dei morti, il più propizio per buttare nel cesso il partito dell’amore col suo castello di carta igienica.
Ne abbiamo abbastanza di Bondi e dei suoi inviti in codice ai brigatisti a mezzo lettera al Corriere per invitarli a creare “caos” con attentati. Il ministro dei peni culturali scimmiotta Pansa sul Giornale quando evocava sangue di piazza per la bocciatura del listino di firme false di Formigoni alle regionali.  Volevano a tutti i costi Nicole Minetti o Mignotti non ricordo.
Ne abbiamo abbastanza del magnaccia di meteorine Emilio Fede e di sua moglie accanita deputata che difende il parruccone plurimputato trafficante di prostitute che fa il presidente del consiglio dei conigli come Fini. Di cui ne abbiamo abbastanza assieme ai suoi sortilegi patacca sul dolo alnano che tengono sospeso questo esecutivo di alleati di mafia. Il loro delinquere é illegittimo impedimento delle istituzioni democratiche. E’ illegittima paralisi della democrazia. Maroni é una bugia di Stato.
Non ne possiamo più delle riflessioni degli Adolfi Urso su futuro e impunità  a spese nostre.
Ne abbiamo abbastanza di Ignazio La Russa secondo cui il puttaniere che lo paga aveva diritto di corrompere il capo di gabinetto della questura di Milano.
Non ne possiamo più di Franceschini e Veltrusconi colpevoli complici di questo paese che ha ridotto all’orgia le istituzioni.
Non ne possiamo più di giornalisti diseducativi intrappolati dalla patetica asta al rialzo di una presunta sgualdrinella con le sembianze di trans per un’intervista.
Non ne possiamo più di un capo di governo che passa il tempo a fare festini a base di coca e che si avvale delle protesi marca Tarantini per pagare sottobanco prostitute con migliaia di euri. Non solo bionde D’Addario ma pure “brunette” senza portafoglio che fuggono dai riformatori Genovesi. Non solo Ruby, ma anche Perla che parla a quei pirla che rivoterebbero berlusconi solo perché lo idealizzano in questi finti sex gate.
Ma noi che per portarci a letto una donna abbiamo solo l’arma della personalità  non ne possiamo più berlusconi e del suo delinquere quotidiano. Lo attendiamo tra i 20 mila sfollati del Veneto sommerso dalle piene. Che se lo portino via i rifiuti di Napoli o di Palermo. Che lo ingoi una piena del Seveso o anche una frana massese con vista su Lunigiana del solito Bondi. Ecco il cerchio che si chiude in questo giorno di mortacci loro. Forza Italia! un altro colpo di reni ed é fatta.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

14 Commenti a “Mortacci loro”

  1. Alesio ha detto:

    Ero all’estero per disintossicarmi dal panorama piatto e ritrito ed ecco che la figura dei cioccolatai d’escremento equino la dobbiamo fare  a 360°.Mi sarei francamente rotto del coro da camomilla che copre il loro dio padrone ,e noto che anche i suoi fans stia aprendo quelle cose che avevano foderate di prosciutto !

  2. helena f. ha detto:

    Oh… e che succede… la nave sta affondando e i topi scappano…

    Veneziani su Il Giornale, Facci su Libero, Pigi Battista Corsera, Della loggia Corsera ( già  da un pò) stanno criticando il Berluska. Dicono che si sono stancati del suo privato che si confonde con il pubblico e che per questo il Governo non sta lavorando. 

     Ma và ?  Finalmente non fanno più finta di non accorgersene.  

  3. helena f. ha detto:

    Purtroppo la figura di m…. la facciamo anche noi con lui, perché tutto il mondo si chiede: – ma come fanno gli italiani a  volere un capo del governo del genere? –  Proprio quello che diceva ieri l’amico francese di Chicca. 
     
    http://www.repubblica.it/politica/2010/11/02/news/la_battuta_del_premier_fa_il_giro_del_mondo-8667298/?ref=HREA-1

    I più importanti siti di informazione stranieri riprendono l’ultima uscita del presidente del Consiglio. L’inglese Daily Mail: “Spacconeria macho”. I francesi: “Scivolone omofobo” 

    ROMA – “L’ennesima battuta di dubbio gusto”, pronunciata nel “classico stile berlusconiano”. Lo spagnolo ElPais.com é il primo sito d’informazione straniero a commentare le parole pronunciate da Berlusconi 1 alla fiera di Milano-Rho (“Meglio guardare le belle ragazze che essere gay”). Subito dopo, anche gli altri siti esteri riprendono l’uscita del premier, e il tenore é simile a quello del giornale spagnolo.

  4. babacesare ha detto:

    un magnifico post Daniele!
    L’italia é in coma informacologico da troppo tempo ormai…spero che il risveglio non sia troppo doloroso..
    continua così
    ciao

  5. Mik ha detto:

    A proposito dell’alluvione del Veneto e di VICENZA: a livello nazionale avete visto quasi nulla, tutto va ben…
    ma mi chiedo: dov’é la Prevenzione?, i sistemi di allerta?
    penso alle immagini di paesi nel vicentino e nel padovano con acqua che copre i garage, sicuremente potevano salvare almeno quello che si poteva spostare, ma mi risulta che non c’é stata alcuna allerta?
    Eppure ha piovuto tanto, e lo scirocco ha sciolto la neve caduta nei giorni precedenti, ma nessuno ha fatto 2+2 e dato l’allarme ai poveri cristi?
    E per finire, dov’é “il governador del veneto” onnipresente prezzemolo Zaia, sempre sui media quando si tratta di magniar, bere ed inaugurare. In questi giorni dov’é, in ferie?
    Non mi dite che lavora, perché ci sarebbero state le tv e i giornali di corte…..

  6. POLDO ha detto:

    Grande Helena!
    Complimenti per il collage! 😉

  7. POLDO ha detto:

    Più passa il tempo, più gli italiani si possono rendere conto di che razza di inetto coglione sia Berlusconi ma a quanto pare questo, ad una parte di italiani, piace.
    Probabilmente a questi italiani piace identificarsi in un demente poiché fondamentalmente dementi anch’essi.
     
    Non c’é molto da dire poiché non c’é giorno che Berlusconi non mostri la sua natura, ovvero l’evoluzione più distorta e deviata del “Sciur Brambilla”, quella dell’imprenditore corrotto, turpe e ignorante ma che allo stesso tempo ostenta un’arroganza tipica di coloro che bifolchi nell’animo credono che tutto ciò che li circonda stia sotto i suoi piedi.
    Non c’é da meravigliarsi delle affermazioni di Silvio Berlusconi e della sua stretta corte, che ragiona ad unisono e senza obiezione.
    Tutto ciò che distoglie gli italiani dalla ricetta mediatica e programmatica che nel corso degli anni ha preparato Silvio Berlusconi va smantellato, distrutto e delegittimato con ogni mezzo, gli italiani non devono sapere chi é Silvio Berlusconi, gli italiani devono continuare a dormire alimentadosi delle sue cazzate!
     
    Mentre all’estero i governi guardano al futuro noi gurdiamo alle puttane che Silvio Berlusconi piazza in politica in ogni dove. Nicole Minetti, igenista dentale (mentale!) del premier ha alle spalle una brillante carriera di culi e tette al vento, da Colorado Café a Scorie e ovunque ci fosse la possibibilità  di mostrare qualcosa. A furia di mostrare si é aggiudicata un posto in politica perché gli argomenti non gli mancano.
    Ma la lista di Puttane nella politica é lunga, Silvio Berlusconi ha di fatto promosso e legalizzato la mercificazione della donna per la carriera politica, lui é uno che rispetta le donne l’importante é che gliela diano e non rompano i coglioni. Le legislazioni di Silvio farebbero arrossire anche Cicciolina, lei era pornodiva, noi abbiamo il pornogoverno del puttaniere.
     
    Mi compiaccio dei tanti che ridono e sghignazzano alle becere e alquanto idiote battute del premier, vedrete che anche i vostri figli rideranno fra 20/30 anni quando , in Italia, non ci sarà  più niente per loro.
    Berlusconi non rispetta niente e nessuno e nemmeno capisce che il voto non é un dictat democratico, il voto fotografa l’intenzione dei cittadini in quell’istante, le foto invecchiano e si ingialliscono, quella di Berlusconi é completamente sbiadita quindi non ha più senso che rimanga esposta; va scattata un’altra foto con un’altra macchina fotografica.
     
    Silvio Berlusconi vive la sua vita politica di rappresentante delle istuzione e di un governo come un hobby, una sorta di lucroso dopolavoro dove approfittare del potere conferito dai cittadini per spianarsi la strada per il vero lavoro, quello che non ha mai lasciato, quello di imprenditore! E così come in un dopolavoro Silvio Berluaconi parla e straparla come in un’osteria sudicia.
     
    Che gli italiani si sveglino presto e si liberino del cancro Berlusconi prima che l’Italia muoia.
    http://stopthecensure.blogspot.com/2010/11/ruby-senza-censura-ecco-le-foto.html

  8. L'Eternauta ha detto:

    approvo ogni parola,Daniele,ma aggiungerei quanto segue :
    “mortacci loro E DE CHI NUN JELO DICE….”
     

  9. helena f. ha detto:

    Aiuto.   Chiamate la neuro.  

    Da ANSA.IT
    “NON LEGGETE PIU’ I GIORNALI, IMBROGLIANO” – “Non leggete più i giornali: vi imbrogliano”. Lo ha detto stamani Silvio Berlusconi all’inaugurazione del 68/o salone del ciclo e del motociclo di Milano

    “MEGLIO APPASSIONATI BELLE RAGAZZE CHE GAY” – “E’ meglio essere appassionati di belle ragazze che gay”. Lo ha detto Silvio Berlusconi questa mattina alla Fiera di Milano.
    “ABBIAMO MAGGIORANZA PER FINIRE LEGISLATURA” – “Il governo ha la maggioranza e andremo avanti fino alla fine della legislatura”. Lo ha detto Silvio Berlusconi durante l’inaugurazione del Salone Eicma. “La cosa più negativa e grave – ha aggiunto – sarebbe affrontare una campagna elettorale in cui tutti si affronterebbero con la massima ferocia e i cittadini avrebbero ragione a non andare a votare”.
    BERLUSCONI SCHERZA, AVREI DA SISTEMARE RUBY IN UNO STAND…– “Ho un problemino, avrei da sistemare una certa Ruby in uno di questi stand….”. Lo ha detto, scherzando, il premier Silvio Berlusconi all’ inaugurazione della 68/ma edizione del salone del ciclo e del motociclo di Milano. Berlusconi ha fatto riferimento alla ragazza oggetto delle polemiche degli ultimi giorni, duettando dal palco della inaugurazione del Salone di Milano con l’ex direttore generale della mostra Costantino Ruggiero. L’ex manager ha replicato alla richiesta del premier: “ci penso io”.
    RUBY: BERLUSCONI, TEMPESTA DI CARTA, DA ME SOLO SOLIDARIETA’ – “Tutto si risolverà  in una tempesta di carta: vedrete che alla fine verrà  fuori che non é stato altro che un atto di solidarietà  che mi sarei vergognato di non fare, e invece l’ho fatto, lo faccio continuamente perché sono fatto così da sempre”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi intervenendo sulla vicenda di Ruby. “Da sempre – ha proseguito il premier all’inaugurazione del salone del ciclo e motociclo – conduco una attività  ininterrotta di lavoro, se qualche volta mi succede di guardare in faccia qualche bella ragazza… meglio essere appassionati di belle ragazze che gay”.
    UE: BERLUSCONI, CON ESERCITO UNICO RISPARMI OLTRE 50% – Ricordando il “mare di gol” del governo in Europa, Berlusconi ha citato la proposta dell’esercito unico europeo: “se vogliamo risparmiare nel bilancio – ha affermato nel corso dell’inaugurazione del Salone del ciclo e motociclo – si può ridurre di oltre il 50% le spese per la difesa di ciascun paese, mettendo in campo una forza importante, più forte dell’esercito degli Usa, che possa contare insieme alla Russia e alla Cina nel mondo”.
    “RIPRESENTEREMO LEGGE SULLE INTERCETTAZIONI” – “Il governo intende ripresentare al Parlamento una legge per regolamentare le intercettazioni”. Lo ha detto Silvio Berlusconi sottolineando che “questo tema é nel cuore degli italiani: abbiamo dei sondaggi che lo dicono”. La legge, ha spiegato Berlusconi, conterrà  tre punti: “l’ ultilizzo di questo strumento dovrà  essere limitato al terrorismo internazionale, alle organizzazioni criminali, alla pedofilia e agli omicidi; le intercettazioni non potranno essere prodotte come prove né dalla accusa né dalla difesa; chi pubblicherà  il testo di intercettazioni dovrà  subire un fermo del suo media da 3 a 30 giorni”.
    RIFIUTI: BERLUSCONI, A NAPOLI RISOLTI PROBLEMI CREATI GIUNTA – ”Il governo ha risolto la situazione, non si puo’ attribuirgli colpe che non ha” e che invece ha ”la giunta di sinistra guidata dal sindaco Rosa Russo Iervolino”. E’ quanto sostiene il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che, inaugurando il Salone del ciclo e motociclo di Milano, e’ tornato sulla vicenda dei rifiuti partenopei. Dopo una lunga digressione sul trattamento necessario prima del conferimento in discarica dei rifiuti,
    Berlusconi ha spiegato che quel trattamento ”per evitare che le discariche emanino puzza, lo doveva fare l’azienda di smaltimento di Napoli guidata dalla giunta di sinistra del sindaco Rosa Russo Iervolino” che invece ”non ha fatto il lavoro di pulizia della spazzatura e lo ha immesso direttamente tutto in una cava”. Riferendosi al caso di Terzigno ”che abbiamo risolto”, Berlusconi ha spiegato che ”la cava diventera’ un grande parco, come la montagnetta di Milano, quando sara’ riempita, e il governo ha risolto la situazione, quindi non si puo’ attribuirgli colpe che non ha”. ”Questo governo – ha concluso – e’ concreto, pragmatico e capace e interviene in tutte le situazioni nazionali e internazionali”.
    ——————————————————————————————
    ARCIGAY, PREMIER SI SCUSI CON OMOSESSUALI E DONNE
    – Una battuta ”gratuita” e ”volgare” che offende ”non solo le persone omosessuali ma anche le donne” e per la quale Berlusconi si deve scusare. Cosi’ Paolo Patane’, presidente nazionale dell’Arcigay, commenta quanto detto dal presidente del Consiglio dei ministri stamani a Rho, dove ha sostenuto che ”e’ meglio essere appassionati di belle ragazze che gay”. ”Questa frase – ha spiegato Patane’ – e’ espressione di una cultura machista, arretrata e offensiva per le persone omosessuali ma anche per donne. Un frase che proviene da un atteggiamento di disprezzo nei confronti della dignita’ delle persone e che conferma il clima imbarazzante e grottesco in cui cui il presidente del Consiglio sta precipitando il Paese. Berlusconi – ha concluso Patane’ – si scusi con tutti, con le persone omosessuali e con donne per una frase dietro la quale c’e’ una visione del mondo femminile che non fa onore al capo del governo di un Paese dell’Unione europea”.
    Arcigay chiede quindi “le immediate scuse ufficiali” al presidente del Consiglio e “auspica un incontro che faccia chiarezza per una frase che offende gli omosessuali, le loro famiglie e i loro amici insieme e, nella sua concezione utilitaristica, tutte le donne”.

    DI PIETRO, SUO POSTO E’ UNA BETTOLA, NON P.CHIGI
    – “Il posto ideale per Berlusconi non é certo palazzo Chigi ma una bettola di periferia. Oggi, infatti, abbiamo avuto l’ennesima prova dell’inadeguatezza del signor Silvio Berlusconi a ricoprire il ruolo di presidente del Consiglio. Berlusconi vive ancora nell’età  della pietra, anzi, é peggio: vive nell’era delle discriminazioni razziali, sessuali, etniche e religiose”. Lo afferma in una nota il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro spiegando che “bisognerebbe ricordargli che, nel frattempo, il nostro Paese ha ratificato il trattato di Lisbona che ha riconosciuto il diritto alla non discriminazione basata anche sull’orientamento sessuale”. “Essere gay – aggiunge Di Pietro – é solo un diverso modo dell’essere e non una condizione di cui vergognarsi”.

  10. Andrea C. ha detto:

    Temo che il piduista non mollerà  tanto facilmente la presa,scatenerà  una guerra civile tanto, lui non ha niente da perdere anzi ha tutto da guadagnare.
    Spero di sbagliare, ma abbiamo visto tutti di cosa sono “capaci”(citazione?) ,lui e i suoi cortigiani!!!

  11. Mr. Tambourine ha detto:

    “L’Italia nel fango. E ora ci si mette pure il maltempo” (Diversamente Occupati).

  12. Luiggi ha detto:

    Bellissimo post, mi ricorda il monologo di Edward Norton alla fine della 25ma Ora, quando attacca tutta l’ipocrisia che circonda un mondo di falsi e, nel nostro caso, di vecchi bavosi malati di potere e senza un briciolo di dignità . Mi associo nell’augurare i meglio mortacci loro a questi topi di fogna che in pochi anni hanno ucciso sogni, speranze, certezze, ideali, ambiente, salute, economia e stato sociale come nemmeno le guerre mondiali sono riuscite a fare.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.