Corruzione, slogan elettorale del Pdl

La corruzione é un atto di disonestà  perpetrato per ottenere vantaggi personali. La giurisprudenza ne contempla alcune forme. Si va dalla corruzione semplice a quella politica, passando da quella di minore fino a quella in atti giudiziari. La più grave, soprattutto se a macchiarsene é un capo di governo come Silvio Berlusconi che scappa dai suoi giudici per non farsi processare. Corruttore. Domani la corte di cassazione di un tribunale italiano dirà  se David Mills é colpevole di aver ricevuto 600 mila dollari dagli uomini di Berlusconi per mentire ai processi Mediaset. Guarda caso dove ancora il corruttore Berlusconi é imputato di frode fiscale per tanti miliardi di fondi neri, creati all’estero tramite plusvalenze fittizie sui telefilm acquistati in America e trasmessi in Italia.

Il corruttore Berlusconi é quello che dice di voler cacciare i corrotti dal Pdl. Dovrebbe cominciare innanzitutto lui a togliersi dalle palle, anziché impegnare l’esecutivo per creargli leggi ad personam che danneggiano migliaia di parti offese in attesa di giustizia lasciando impuniti migliaia di delinquenti. Poi, a ruota, il ministro degli affari regionali Raffaele Fitto, imputato a Bari per peculato per il quale ci sarà  l’udienza proprio domani al tribunale del capoluogo pugliese. E ancora Marcello Dell’Utri, imputato nel processo d’appello a Palermo in concorso esterno in associazione mafiosa dopo una condanna in primo grado a 9 anni.
Le istituzioni dovrebbero liberarsi di Nicola Cosentino, sulla cui capoccia pende un mandato di cattura confermato dalla Cassazione perché sarebbe il cartello dei Casalesi in parlamento. Fuori dalle balle anche il senatore Nicola Di Girolamo, a quanto pare eletto con 25 mila preferenze false a firma del clan calabrese degli Arena in veste di “comitato elettorale” che avrebbero riempito col suo nome le schede bianche dei calabresi a Stoccarda, alle ultime elezioni politiche. Un colossale broglio elettorale.

Senza contare l’esercito di altri condannati e rinviati a giudizio che ammorbano regioni, province e comuni del partito del corruttore dei “basta corrotti“. Come tra i candidati alle regionali. In Liguria sono due i condannati in corsa, tra cui il sindaco di Alassio. In Lombardia batte i piedi il deputato Abelli in Gariboldi, già  assessore lombardo alla sanità  ed ex consulente pagato a nero dal più grande truffatore che la storia della sanità  lombarda ricordi: Poggi Longostrevi. E’ il pupillo di quel Formigoni uscente che sta girando i piccoli feudi leghisti a promettere soldi regionali che non arriveranno mai. Li promette da 15 anni. Domani sarà  ufficializzata la sua candidatura al quarto mandato, ma sono già  pronti i ricorsi, visto che Formigoni non può più fare il presidente in Lombardia.

Con tutta probabilità  sarà  ricandidato anche Gianluca Rinaldin, nei guai per una tangente di 50 mila euro spartita con l’ex assessore comasco Giorgio Bin, che ieri, dopo due anni, lo ha scagionato a voce. L’assessore Piergianni Prosperini é in galera per tangenti televisive. L’assessore Buscemi é ricandidato nonostante il chiacchierato rapporto in affari con la signora Abelli in Gariboldi, l’assessore provinciale di Pavia appena uscita di galera dopo aver restituito un milione e 200 mila euro nascosti a Montecarlo, frutto di mance da parte del signor Grossi, re delle bonifiche rinchiuso in cella.

Gennaro Mokbel era amico del killer della banda della Magliana Antonio D’Inzillo. E’ stato segretario del Lazio di “Alleanza federalista” ed era l’interlocutore degli Arena, E’ scritto agli atti della “truffa colossale” che riguarda i vertici di Fastweb e di Telecom Sparkle “utilizzate da un’associazione a delinquere per creare 2,2 miliardi di fondi all’estero“. Di Girolamo era chiamato al telefono “servo” da Mokbel. Come servi sono tutti quei deputati pidiellini che votano ciò che dice loro il corruttore di giudici Berlusconi.

La corruzione é lo slogan del Pdl di questa campagna elettorale. La corruzione morale é la caratteristica di tutti quegli esponenti candidati a queste regionali che difendono l’indifendibile. La stragrande maggioranza di cittadini che voterà  Pdl e Lega sono corrotti dalla disinformazione. Corrotti nella loro buona fede, disarmati dalla facoltà  di una serena valutazione dei fatti che possa indurre a una decisione consapevole. Spargiamo voce. Diffondiamo la rete. Pensiamoci bene prima di apporre la croce e la preferenza nelle urne delle prossime regionali.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

12 Commenti a “Corruzione, slogan elettorale del Pdl”

  1. Il pittore antimafia Gaetano Porcasi racconta la storia delle pagine buie dell’italia del dopoguerra.www.gaetanoporcasi.it

  2. Luca ha detto:

    Un primo modo per inasprire le pene per i reati di corruzione e per renderle più efficaci? far in modo che i giudici riescano ad applicarle!!!

  3. mirco ha detto:

    il giorno delle elezioni regionali possiamo fare qualcosa manifestando il nostro dissenso contro le classi politiche che ci governano…non si tratta di dare il voto al meno peggio…entrate nel seggio elettorale e fate mettere a verbale che non vi sentite rappresentati dai politici che stanno al governo o qualsiasi altra formula vi venga in mente…io l’ho già  fatto alle ultime elezioni e vi assicuro che si può fare…mi hanno fatto tornare la mattina del lunedì perché la domenica sera non conoscevano la procedura da seguire…e hanno verbalizzato il tutto…non é scheda bianca e non é scheda nulla…
    visto che votare dicono che sia un diritto e un dovere credo che ormai sia l’unico modo questo per dire la nostra…
    io insisto…

  4. mario ha detto:

    se si parla di corruzione, berlusca é il numero uno, almeno in europa…

  5. POLDO ha detto:

    Sei un gran simpaticone “Io Leggo Solo Feltri” ma dammi retta o cambi giornale o quì non ci postare proprio con ste argomentazioni perché e roba da favolieri o da merdaioli come Feltri.
    Sai quanta gente dell’attuale governo berlusconi é transumata nelle aule di tribunale… fatti un cultura:

    – Alemanno, Gianni (Alleanza nazionale)

    – Berruti, Massimo Maria (Forza Italia)

    – Biondi, Alfredo (Forza Italia)

    – Borghezio Mario (Lega Nord)

    – Bossi, Umberto (Lega nord)

    – Brancher, Aldo (Forza Italia)

    – Brigandì, Matteo (Lega nord)

    – Buonfiglio, Antonio (Alleanza nazionale)

    – Calderoli, Roberto (Lega nord)

    – Cantoni, Giampiero (Forza Italia)

    – Camber Giulio (PDL)

    – Ciarrapico Giuseppe (PDL)

    – Cicchitto, Fabrizio (Forza Italia)

    – Verdini, Denis (Forza Italia)

    – Cuffaro, Salvatore (Udc – ???)

    – Dell’Utri, Marcello (Forza Italia)

    – Farina Renato (FI)

    – La Malfa Giorgio (FI-PRI)

    – Maroni Roberto (Lega Nord)

    – Fitto, Raffaele (Forza Italia)

    – Firrarello, Giuseppe (Forza Italia)

    – Formigoni, Roberto (Forza Italia)

    – Frigerio, Gianstefano (Forza Italia)

    – La Loggia, Enrico (Forza Italia)

    – La Malfa, Giorgio (Forza Italia)

    – Letta, Gianni (Forza Italia)

    – Romani, Paolo (Forza Italia)

    E poi mi sono rotto i coglioni perché sono veramente troppi, ovviamente senza contare sua maestà  Silvio Berlusconi che intaserebbe il blog per postare tutto quello che ha fatto e le new entry degli ultimi mesi.

    Quindi lascia stare questi argomenti che marchi male. 😉

    E Silvio Berlusconi vorrebbe fare la legge anticorruzione nei partiti. Il suo allora chiude!

    Ma come cazzo si fa a dare retta ad un simile encefalitico come Berlusconi.

  6. francesco ( spagna ) ha detto:

    la corte di cassazione……………ma vaffanculo!

    l italia e una merda! non cambiera mai !

  7. giuseppe x ha detto:

    Mills: Cassazione, reato prescritto
    Dovra’ risarcire a Palazzo Chigi 250mila euro

    (ANSA) – ROMA, 25 FEB -Il reato di corruzione in atti giudiziari contestato all’avvocato David Mills e’prescritto. Lo hanno deciso le Sezioni Unite della Cassazione. La Cassazione ha poi confermato la condanna dell’avvocato David Mills a risarcire 250 mila euro a Palazzo Chigi per danno di immagine. David Mills era stato condannato nel precedente processo in appello a Milano a 4 anni e sei mesi di reclusione.

    Grazie NANO, grazie ancora una volta….gioisci mentre il disprezzo e l’avversione verso te e la Casta aumenta di minuto in minuto

  8. Io Leggo Solo Feltri ha detto:

    Tutti i paladini delle Mani Pulite nei guai con la Giustizia…

    * Candidati Presidente

    Agazio Loiero: rinviato a giudizio dalla procura della Repubblica di Catanzaro. Reato: abuso d’ufficio.

    Nichi Vendola: indagato dalla procura di Bari. Reato ipotizzato: concussione.

    Vincenzo de Luca: rinviato a giudizio dalla procura di Salerno. Reati: concorso in associazione a delinquere, truffa, falso.

    * Presidenti in carica

    Antonio Bassolino, presidente uscente della Campania, é stato rinviato a giudizio nel luglio di quest’anno per peculato e falso ideologico (vicenda rifiuti), condannato dalla Corte dei conti a risarcire 3 milioni e 200mila euro alla Regione per un call center mal gestito. Da novembre é indagato dalla procura di Napoli per i contratti di bonifica dei siti inquinati.

    * Ex Presidenti

    Renato Soru, ex presidente sardo del Pd, é rinviato a giudizio a Cagliari per abuso d’ufficio e turbativa d’asta per presunte irregolarità  nella gara d’appalto per la pubblicità  istituzionale della Regione Sardegna

    * Parlamentari

    Americo Porfidia, eletto nell’Italia dei Valori, ora gruppo Misto, é indagato dalla direzione distrettuale antimafia di Napoli.

    Antonio Papania, senatore Pd, nel 2002 ha patteggiato davanti al gip di Palermo una pena di 2 mesi e 20 giorni di reclusione per abuso d’ufficio.

    Giovanni Lolli, deputato Pd: rinviato a giudizio per favoreggiamento personale nel processo sulla missione Arcobaleno a Bari, un anno fa il gup ha disposto il non luogo a procedere per prescrizione

    Andrea Rigoni, deputato, é stato condannato a 8 mesi di reclusione in primo grado per un abuso edilizio sul monte di Porto Azzurro, all’isola d’Elba. In appello é scattata la prescrizione del reato.

  9. ANTIFEDE ha detto:

    IO LEGGO SOLO FELTRI,CAZ.. CHE CULTURA.

  10. Io Leggo Solo Feltri ha detto:

    E Vincenzo de Luca, lui invece può restare?

  11. francesco ( spagna ) ha detto:

    perdonatemi , commento fuori post.
    Il Comune di GOITO ( vicino Mantova ) va ringraziato perla figura di M. INTERNAZIONALE CHE CI HA FATTO FARE !
    FONTE EL PAIS ( SPAGNA )

    http://www.elpais.com/articulo/sociedad/Prohibida/entrada/judios/musulmanes/hijos/divorciados/elpepusoc/20100225elpepisoc_11/Tes

    Riassumendo; i figli di non cristiani non possono entrare negli asilo municipali! Perche e’ da 30 anni che le suore insegnano li, e che quindi i criteri di insegnamento sono inspirati al cristianesimo! e quindi,i figli di non cristiani o anche di divorziati dovrebbero sottostare a questa fede, dice il primo articolo del regolamento.
    pero c e da dire che gli asili municipali sono pubblici! di tutti i contribuenti! anche degli stranieri con altre fedi ,che ormai vivono da anni in italia e che per loro fortuna hanno un lavoro e pagano le tasse!
    ecco perchel ‘ italia e super impreparata al fenomeno degli stranieri!
    italia xenofoba per colpa dei principi della chiesa! e anche razzista per il momento! io sono italiano e vivo all estero ,e mi vergogno! laltro giorno una persona mi ha chiesto di dove ero , io rispondo italia, e lui dice :
    mmm razzsta! e di dove esattamente che citta?
    e io rispondo:
    Palermo!
    e lui dice:
    mmm Mafia!
    lo avrei dovuto mandare a quel paese , ma avvolte la miglor parola e quella che non si dice, poi cazzo ha anche raggione secondo i dati di fatto.!
    ciao daneile. e scusami se sono andato fuori post…..

  12. giuseppe x ha detto:

    Infatti caro Daniele: fuori dalle balle!!!
    E’ per questo che il mio voto non andrà  né al pdl tantomeno al pd!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.