Putin pùtan? Tass for(bi)ce in Rete!

Ricordate la presunta love-story tra Vladimir Putin e la ginnasta Alina Kabaeva, che aveva indotto Berlusconi a puntare la mano a mo di mitra in faccia alla giornalista russa, che nel ridicolo clima da bagaglino osò chiedere lumi allo Zar durante la sua visita in Sardegna?
Ebbene, il parlamento di Mosca ha appena varato una Legge, molto simile ad una del 1922, che bolla controrivoluzionaria qualunque critica al sistema!
Il Cremlino non tollera le critiche, tanto meno i loro autori! Anna Politkovskaia e Ivan Safronov sono solo gli ultimi della lunga lista di giornalisti scomodi uccisi su commissione indiretta di Vladimir.
La lotta all’invadenza della Rete, nella Russia abituata a far tacere la mitica agenzia “Tass” é la nuova frontiera già  divelta. La polizia di Kirov, ad est di Mosca, il 23 aprile scorso, ha oscurato il sito del quotidiano Vjatskij Nabljudatel dopo che un ministro regionale si era incazzato per le critiche salaci rivoltegli sul forum.
Sul fronte dei giornalisti l’Unione Giornalisti della Russia, al suo recente congresso, ha spodestato dalla carica il segretario Igor Jakovenko, cronista inviso al Cremlino perché colpevole di difendere a spada tratta la libertà  di parola e la pluralità  dell’informazione.
Putin, dopo i fucili, per far “Tass” la critica il più possibile ha già  affilato le lame taglia web. Il Mafionano, morboso compagno di merende in visibilio per il russo, ha piazzato La Russa al ministero della difesa! Che dietro ci sia una love story o bombe al fosforo é tutto da scoprire.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

20 Commenti a “Putin pùtan? Tass for(bi)ce in Rete!”

  1. markfer ha detto:

    perché mi vengono cancellati i messaggi che invio

  2. Roberto G. ha detto:

    Il Caimano aggira la sentenza della Corte di Giustizia europea e quella della Corte Costituzionale italiana sul caso Rete4-Europa7 attraverso un emendamento.

    Come vedete dal suo blog Di Pietro si mobilita per protesta organizzando un sit in a piazza Montecitorio.

    Chi di voi é di Roma o dintorni e ne ha la possibilità  partecipi.

  3. markfer ha detto:

    Avviso a tutti i cittadini che domani mattina alle ore 11 si terrà  un sit in di protesta dell’ Italia dei Valori in piazza Montecitorio per il rispetto delle sentenze.

    Protestiamo cazzo

  4. markfer ha detto:

    che comprende anche misure sempre più severe contro camorra e mafia

  5. Roberto G. ha detto:

    @dolcenera

    Infatti cara dolcenera é proprio quello che penso anch’io da tempo.
    I blog fungono (anche) da sfogo per i delusi e gli arrabbiati come noi. Qui esprimi quello che ti rode insieme a chi la pensa più o meno come te e in qualche modo ti scarichi. Se non ci fossero magari ti verrebbe voglia di andare fuori ad organizzarti con altri per esprimere il dissenso in maniera più “rumorosa” e questo per il potere sarebbe assai peggio.
    Molto meglio quindi confinarci qui nella “riserva indiana” del blog dove in definitiva non diamo fastidio a nessuno.

  6. giuseppe ha detto:

    E ora iniziamo con le leggi a persona per evitare le condanne…
    maledetto….lui, chi lo ha creato e la sua stirpe….

  7. dolcenera ha detto:

    caro daniele e cari amici tutti
    diciamoci la verità , tanto tra noi possiamo essere onesti,
    più che sfogarci sul blog, più che dare la stura a tutti i sentimenti contrastanti che in questi giorni agitano le nostre menti ed i nostri cuori, non facciamo altro.
    il potere che ci sta fagocitando é tanto più grande di noi che siamo ridicoli se speriamo di combatterlo con le parole di uno sparutto gruppo di personcine educate e civili quali siamo
    non é un incitamento alla rivolta armata ma un’amara riflessione di chi si sente una pedina su una scacchiera dove per difetto di gioco ci sono più re e regine che pedoni ed alfieri

  8. Luigi Montinaro ha detto:

    @rastasardo
    @Federico Elmetti

    se vi riferite alle lettere che Barnard ha inviato a varie riviste e che ho letto in questo link:

    http://www.peacelink.it/mediawatch/a/24477.html

    si effettivamente le trovo un ottimo spunto di riflessione…
    soprattutto per il concetto espresso relativo alla “replica del sistema che si sta combattendo”…
    però dal canto mio, credo che sia inevitabile… é nella natura umana…
    per forza di cose… dei leaders ci saranno lo stesso
    perché é nell’indole umana…
    se qualcuno ti pone delle soluzioni al problema…
    ogni volta che c’é un problema simile…
    ti appoggi a lui… sempre che… ti continui a dare fiducia!
    e quindi il concetto della “casta dell’anti-casta” risulterà  oggettivamente vera ma non voluta (almeno spero!!!)
    ci sarebbero altri punti che si potrebbero analizzare… come a par mio, applicando il suo ragionamento (in parte giusto), porterebbe ad un paradosso, e cioé supponendo che tutti si interessino alle sue lettere e ai suoi dettami… a questo punto tutti quelli che combattono il sistema (per com’é fatto l’uomo) attenderebbero altre sue indicazioni, facendo si che diventasse lui il punto di riferimento e quindi diventando lui la “casta dell’anti-casta”…
    lo sò…
    faccio ragionamenti contorti!!!
    🙂

  9. Marco Corino ha detto:

    Dedicato a Daniele e a chi ama la libertà :

    “Cercarmi un protettore, eleggermi un signore, e dell’ellera a guisa, che dell’olmo tutore accarezza il gran tronco e ne lacca la scorza, arrampicarmi, invece di salire per forza? No, grazie! Dedicare, com’usa ogni ghiottone, dei versi ai finanzieri? Far l’arte del buffone pur di vedere alfine le labbra di un potente atteggiarsi a un sorriso benigno e promettente? No, grazie. Saziarsi di rospi? Digerire lo stomaco per forza dell’andare e venire? Consumar le ginocchia? Misurar le altrui scale? Far continui prodigi di agilità  dorsale? No, grazie! Accarezzare con mano abile e scaltra la capra e intanto il cavolo innaffiare con l’altra? E aver sempre il turibolo sotto de l’altrui mento per la divina gioia del mutuo incensamento? No, grazie! Progredire di girone in girone, diventare un grand’uomo tra cinquanta persone, e navigar con remi di madrigali, e avere per buon vento i sospiri di vecchie fattucchiere? No, grazie! Pubblicare presso un buon editore, pagando, i propri versi! No, grazie dell’onore! Brigar per farsi eleggere papa nei concistori che per entro le bettole tengono i ciurmatori? Sudar per farsi un nome su di un piccio! sonetto anzi che scriverne altri? Scoprire ingegno eletto agl’incapaci, ai grulli; alle talpe dare ali, lasciarsi sbigottire dal romor dei giornali? E sempre sospirare, pregare a mani tese:

    Pur che il mio nome appaia nel Mercurio francese? No, grazie! Calcolare, tremar tutta la vita, far più tosto una visita che una strofa tornita, scriver suppliche, farsi qua e là  presentare?… Grazie, no! grazie no! grazie no! Ma… cantare, sognar sereno e gaio, libero, indipendente, aver l’occhio sicuro e la voce possente, mettersi quando piaccia il feltro di traverso, per un sì, per un no, battersi o fare un verso! Lavorar, senza cura di gloria o di fortuna, a qual sia più gradito viaggio, nella luna! Nulla che sia farina d’altri scrivere, e poi modestamente dirsi: ragazzo mio, tu puoi tenerti pago al frutto, pago al fiore, alla foglia pur che nel tuo giardino, nel tuo, tu li raccolga! Poi, se venga il trionfo, per fortuna o per arte, non dover darne a Cesare la più piccola parte, aver tutta la palma della meta compita, e, disdegnando d’essere l’ellera parassita, pur non la quercia essendo, o il gran tiglio fronzuto salir anche non alto, ma salir senza aiuto!”

    Cyrano De Bergerac

  10. Biondo ha detto:

    @Giorgio 75: Il signoraggio é il secondo più grande lavoro di censura al mondo infatti.

    Ottimo il video che hai segnalato. 🙂

  11. Marisa ha detto:

    Sono contenta di vedere che anche Daniele, come Piero Ricca, non censura chi cita gli articoli di Paolo Barnard. In tutti i blog dovrebbe essere normale dare spazio alle critiche. Purtroppo Grillo ha preso tutt’altra strada!

  12. Federico Elmetti ha detto:

    @ rastasardo

    Ho letto l’articolo di Barnard su controinformazione.it. E’ molto interessante perché dà  molti spunti di riflesisone e con tante cose che dice sono anche d’accordo. Credo però che prenda una topica clamorosa quando si scaglia contro Travaglio, Barbacetto e tutti i giornalisti di denuncia dicendo che sono inutili e addirittura dannosi. Se risultano essere inutili oppure dannosi, seguendo il ragionamento di Barnard, la colpa non é loro, bensì degli Italiani. Siccome il loro sforzo é inutile, solo per questo dovrebbero smettere di informare? Siccome il loro sforzo é recepito male dalla gente, solo per questo dovrebbero smettere di informare? Il loro scopo non é mica quello di cambiare le coscienze, é quello di informare la gente. Che colpa ne hanno loro se gli Italiani sono degli imbecilli e alla fine votano sempre Berlusconi?

    http://verraungiorno.blogspot.com

  13. freeman ha detto:

    in un paese normale il mafionano sarebbe in galera da anni…ma siamo in italia…

  14. Gionata frau ha detto:

    ho appena guardato il video del nano che fa il gesto del mitra alla giornalista………….mi viene il vomito non ho parole!!!!

  15. Giorgio75 ha detto:

    Approposito di alieni, signoraggio e controllo…
    un bel video che induce alla riflessione:

    http://it.youtube.com/watch?v=Y6gw9XYcPM8#GU5U2spHI_4

  16. Se io Fossi Dio ha detto:

    Mi ricordo l’intervento di Corrado Guzzanti al teatro per la protesta su Rai Ot… nelle mitiche vesti del Gerarca Barbagli diceva “vogliono fare i fasciti, vogliono un regime e non hanno le palle per farlo alla luce del sole” (più o meno il senso era questo). Credo che il parlamento di Mosca abbia fatto alla luce del sole ciò che in Italia si cerca di fare nascondendosi… ammiro la coerenza, da vecchio KGB. Il resto del mondo starà  a guardare, come al solito.

  17. Biondo ha detto:

    Nella mia personalissima classifica degli argomenti più censurati senza dubbio il più importante é quello degli alieni.

    Io penso che Putin abbia ragione nel reagire male all’annuncio della prosecuzione del programma di difesa spaziale americano…quello che non so é perché gli USA vogliono militarizzare lo spazio. Le due cose sono sicuramente collegate.

    2 sono i filmati che ho visto di recente su youtube che vi incollo per condividere la riflessione:

    1) http://youtube.com/watch?v=HM7tSKK3CSE

    La prima volta, ed é un fatto storico, che le forze militari di un paese rivelano senza censurare, in aperta polemica con gli USA, i dettagli di una intercettazione di un UFO.

    2) http://youtube.com/watch?v=7vyVe-6YdUk

    Non ci sono parole per descrivere quello che si prova a sentire parlare queste persone…e guardate con che curriculum si presentano e quante sono.

  18. VENOM ha detto:

    Testa d’Asfalto che ha fatto la sua fortuna sciacquando la testa degli italiani con il pericolo comunista, ha come migliore amico politico il peggiore dei comunisti!!!

    Popolo di italioti dementi e anticomunisti, mi piacerebbe sapere la vostra, mi piacerebbe vedere come giustificate la cosa!!!

    Oggi il consiglio dei ministri a Napoli… hanno ripulito solo le vie attorno al palazzo reale e dove passeranno i mafiosi… i quartieri limitrofi sono invasi dalla immondizia, sono previste diverse manifestazioni, ma i TG tacciono, non si sente più tanta indignazione dall’opinione pubblica!!!

  19. Rastasardo ha detto:

    Buongiorno Daniele. Mi piacerebbe anche che parlassi di Paolo Barnard, visto che é censurato anche da chi parla contro la censura: anche Grillo!! Grillo é amico della Gabanelli quindi non interviene ed in più “banna” tutte le mail che dai suoi stessi meet up arrivano chiedendo spiegazioni.
    Mi chiedo, se la censura la fa un amico/a é meno censura di altre?

    Grazie Daniele

    http://www.disinformazione.it

  20. Marc Sarzi ha detto:

    L’inesorabile declino della liberta’ di espressione in Russia, aggravato dall’inesorabile propaganda nazionalistica che inebetisce le masse, e’ uno degli aspetti piu’ preoccupanti dell’arena internazionale. Il problema e’ che per via della nostra (dell’Italia e dell’EU) dipendenza energetica c’e’ poco che concretamente qualsivoglia governo Europeo sia pronto a denunciare apertamente, figuriamoci poi se si parla di azioni diplomatiche concrete.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.