Il fango schizza anche su Saviano

E’ vero. L’esperienza di Tangentopoli in vent’anni non ha moralizzato gli italiani. Li ha solo resi più abili e più disposti a partecipare in massa al banchetto della corruzione con voti di scambio, appalti, favori e campagne elettorali pagate. Di pari passo ci sono i giudici. Una volta erano qua e là i Pacifico, gli Squillante o i Vittorio Metta a vendere sentenze. Oggi si federano direttamente in 16 negli uffici del loro “cliente” beneficiario dei loro verdetti tributari. Questo dicono le carte dell’inchiesta napoletana che ha portato in galera i fratelli Ragosta, proprietari dei marchi dell’Amaretto di Saronno e dei biscotti Lazzaroni. Erano proprio “i biscottini” che la double-face giudice-consulente Anna Maria D’Ambrosio prometteva al membro del Garante pregandolo di firmare la tal sentenza del suo assistito. Difficile ammettere che tale spudoratezza sia figlia di ingenuità. Difficile pure giudicare il ruolo del papà di Roberto Saviano e del suo ricorso da 6 mila euro, che secondo le dichiarazioni intercettate da uno degli indagati, è “un medico raccomandato del giudice Corrado Rossi che ha fatto le combine coi centri medici. Un mezzo imbroglioncello…“. Quando la corruzione è sistema diventa ostico evitare tutto e tutti. Il dopo Tangentopoli ci ha reso tutti un po’ più imbroglioncelli. La differenza la fanno nero su bianco le carte dei magistrati. Stiamo certi che Roberto spiegherà.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

2 Commenti a “Il fango schizza anche su Saviano”

  1. […] Quel “medico raccomandato del giudice Corrado Rossi che ha fatto le combine coi centri medici. Un mezzo imbroglioncello…“, ossia Luigi Saviano, non è il padre di Roberto, bensì un omonimo. I magistrati che indagano in un’inchiesta di raggiri nella giustizia tributaria, hanno totalmente scagionato il medico padre dello scrittore. Che, a questo punto, non ha più nulla da spiegare. […]

  2. […] Il blog di Daniele Martinelli Pubblicato: 20 marzo 2012 Autore: aggregatore Sezione: Politica e Attualità […]

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.