Udienza per la ‘Ndrangheta in Liguria

Udienza preliminare con 15 imputati al tribunale di Sanremo nell’ambito del processo per minacce a 2 ex assessori (assenti) della giunta di Bordighera, estorsione e sfruttamento della prostituzione coordinato dal procuratore Roberto Cavallone. Un imponente spiegamento di forze dell’ordine ha impedito l’ingresso in aula ai giornalisti, in cui c’erano familiari e conoscenti in qualità  di testimoni.
Alla sbarra Maurizio e Giovanni Pellegrino, di 38 e 40 anni (accusati pure di sfruttamento della prostituzione al night ‘La grotta del drago’ di Sanremo assieme a Domenico e Teodoro Valente per il night ‘Arcobaleno’ di Vallecrosia.), Francesco Barilaro di 63, accusato di minaccia aggravata e violenza a corpo politico con Roberto Pellegrino, 33 anni e Antonino Barilaro, 54, di Camporosso, che ha minacciato un Maresciallo dei Carabinieri per l’arresto del fratello Francesco. In aula anche Francesco Valenti, Paolo Staltari, Renato Bellicini, Maria Oltean, Attilio Bandiera, Massimiliano Burgisi e Giovanni Di Tano.

Nel merito delle presunte minacce agli ex assessori di Bordighera Marco Sferrazza e Ugo Ingenito per il via libera all’apertura delle sale giochi in Bordighera, il difensore Marco Bosio ha parlato di insussistenza della prerogativa di turbativa d’ambiente in quanto la questione, già  Consiglio Comunale e di competenza dell’ufficio commercio avrebbe comportato soltanto una denuncia di inizio attività  (senza licenza) che passata nell’ambito di 30 giorni senza richiami, sarebbe stata autorizzata secondo le formule del silenzio assenso. Secondo Bosio i 2 Pellegrino e il pregiudicato Barilaro si rivolsero a quei 2 assessori solo perché conoscenti di vecchia data. Dunque “un processo di tono suggestivo” a carico dei suoi assistiti per i quali Bosio ha chiesto la scarcerazione.
Il giudice deciderà  sul rinvio a giudizio il 6 dicembre, data della prossima udienza in cui si saprà  se alcuni degli imputati potranno uscire dal carcere. Per ora Francesco Barilaro, Rocco De Marte, Francesco Valenti, Maurizio e Giovanni Pellegrino rimangono in cella.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.