Il puttaniere non si sputtana!

berlusconi-imbarazzato

Passare in rassegna le notizie locali ci si accorge di quanto sia cambiata la nostra società  in tema di libertà  di espressione. Contestazione e satira, strumenti di democrazia, in Italia si impediscono non soltanto in tivù, ma anche per strada. Soprattutto se riguardano un fantoccio come Silvio Berlusconi. Chi manifesta in libertà  la propria contrarietà  a qualsivoglia forma di politica del suo governo, deve fare i conti con la prepotenza dei militanti di partito locali, che hanno il compito di censurare senza pudore ogni forma di espressione politica. Di esempi ce ne sono tanti, ne elenco solo alcuni.

A Castiglione della Pescaia (Gr) i vincitori dell’ultima edizione del Palio remiero sono stati radiati dalla kermesse e si sono visti tagliare i fondi di otto mila euro. Si tratta della famiglia Giovannelli e alcuni vicini del rione vincitore “Portaccia”, tutti vogatori, che avrebbero vinto la kermesse stimolati dal retro delle loro magliette raffiguranti una beffarda caricatura di Berlusconi col simbolo del divieto.
La sindaca di Castiglione Monica Faenzi, deputata incompatibile del Pdl nota per aver dato del maleducato a Romano Prodi quando si recò in vacanza nel suo paesello senza averla salutata, ha detto che quei ragazzi “sono profanatori del Palio, che non é solo una gara, ma é una tradizione religiosa benedetta dal vescovo“. I vincitori sono simpatizzanti del Pd. Uno di loro, Mauro, 27 anni, idraulico neosposo e ideatore della beffa, motivando la mossa come una goliardata esterna alla politica, ha detto di temere di vivere in un regime. Sua madre Ilaria ha aggiunto che se su quelle magliette ci fosse stata la faccia di Prodi la sindaca avrebbe offerto una cena a tutti.

Il puttaniere “mascarato” non si può toccare nemmeno in maschera. All’edizione 2010 del carnevale di Viareggio non potranno sfilare i carri su Berlusconi, le veline e suoi rapporti con le prostitute. La commissione direttrice della sfilata ha con giustificato “motivi tecnici” il blocco di due bozzetti di carri chiedendo all’autore Enrico Vannucci di rivedere i progetti.
Per la stessa manifestazione la coppia francese Gilbert Lebigre e Corinne Roger, non ha avuto l’ok al bozzetto che irride la politica anti immigrazione della Lega prendendo di mira Roberto Calderoli, Roberto Maroni, Mario Borghezio e Matteo Salvini.

Nella civilissima Milano in questi giorni é stato emesso un comunicato così: “Si delibera l’interdizione perpetua dell’associazione dalla sagra annuale e la sua cancellazione per indegnità  dall’albo zonale“. Firmato consiglio di zona 7 di Milano Baggio, a maggioranza di centrodestra, che ha così cancellato dall’Albo l’associazione “Dimensioni Diverse” col divieto di partecipare alle sagre di quartiere. “L’interdizione per indegnità ” dopo aver esposto uno striscione che raffigura Bossi, Berlusconi e altri politici su una barca che affonda, “come critica ai respingimenti e alle campagne contro gli stranieri” e per aver contestato i progetti connessi a Expo 2015.
Niente più spazi comunali gratuiti e niente più fondi per l’associazione, che scompare dopo vent’anni. Tra le sue colpe quella di aver esposto uno striscione con scritto “Crisi, mafia, corruzione, il solo reato é l’immigrazione. Questa sicurezza é un pacco, mandiamola a picco“.
Le illazioni su Expo 2015, secondo la delibera del consiglio zonale milanese, stanno nel fatto che non si può portare la politica nelle feste di quartiere, tantopiù offendendo il presidente Berlusconi. Censurato anche uno striscione dedicato alla sindaca Moratti con scritto: “Il Parco agricolo Sud, tra speculazione e bene comune“.

In compenso in Italia si portano in palmo di mano corruttori, latitanti e truffatori. Bottino Crac(si) é stato insignito “alla memoria” del Premio Salvador Allende durante il recente festival del cinema latino americano di Trieste, che ogni anno assegna il premio a quanti, con il proprio impegno culturale o sociale si siano distinti nel “riscattare la memoria e la storia dei popoli latinoamericani“. Nelle motivazioni spiegate dal direttore del festival Rodrigo Diaz, si dice che “prima come segretario del Psi e poi come premier, Craxi operò a supporto del Cile e della grande esperienza democratica avviata da Allende“.
Tutto ciò in un paese normale farebbe ridere. In Italia guai a chi lo manifesta!


Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

18 Commenti a “Il puttaniere non si sputtana!”

  1. helena f. ha detto:

    Ragazzi, vi leggo e … che dire…
    Sto vedendo Annozero e per Tremonti, l’evasione fiscale(dei “grandi”) non c’é,(magari il piccolo negoziante che non batte lo scontrino si, che non va bene lo stesso comunque).
    I paradisi fiscali non esistono,( i soldi all’estero potrebbero essere una eredità  della nonnna).
    Lo scudo fiscale é stato fatto esattamente allo stesso modo degli altri paesi.
    L’Italia sta affrontando la crisi molto meglio di altri.
    La corruzione dei colletti bianchi e dei politici non c’é, fino a che non si prova la colpevolezza in sede giudiziaria, (difatti con il sistema giudiziario che abbiamo, e ancora di più che avremo, non verranno mai puniti).
    Sullo scandalo Eutelia, in diretta in trasmissione, Tremonti si stupisce: “é difficile credere che una azienda quotata in borsa abbia messo su sto casino qua”.
    Ma come… le scatole cinesi per frodare il fisco e mettere sul lastrico i lavoratori (quando serve e senza scrupoli), é quasi la norma.
    Il problema dell’Italia é il Sud, dice Tremonti, ma non dice
    che é la mafia che blocca lo sviluppo del sud (Draghi).
    Di mafia, meno se ne parla e meglio é, altrimenti escono fuori tutti i legami di essa con l’imprenditoria e la politica.
    Truffe, corruzione, grandi evasori, connivenze mafia-imprenditoria-politica é nella “normalità “. Lo sanno tutti, si sa, da sempre. Ma i nostri governanti fanno finta di cadere dalle nuvole, come se si stesse parlando di fantascienza. Ma guarda caso, si aggiustano tutte le situazioni e si proteggono con leggi apposite.
    Ma la cosa più grave é che se queste persone si permettono di fare e disfare tutto ciò vogliono é colpa “nostra”, degli italiani che glielo hanno permesso votandoli, e che continuano a permetterglielo.
    Io non so che succederà , so che c’é sempre più gente che perde il lavoro e che non ce la fa ad andare avanti. La situazione é veramente drammatica.

  2. ANTIFEDE ha detto:

    MA PERCHE’SI CONTINUA A FARE TUTTE QUESTE DOMANDE QUANDO LA RISPOSTA E’ COSI’ PALESE,L’ITALIA E’ IN PIENO REGIME.

  3. POLDO ha detto:

    @ Roberto G.

    Quella incommensurabile faccia di merda di Stanca che non vale un cazzo da senatore e figuriamoci da AD di Expo2015, un progetto che vale ancor meno di lui, prenderà  solo per l’incarico in Expo2015 un compenso annuo pari a 450.000 Euro.

    Diciamo che un compenso del genere per non fare un cazzo e scaricare a terzi eventuali colpe, imprevisti o qualsivoglia problema mi sembra piuttosto equo.
    Del resto avendo un doppio incarico, come senatore e come AD, riuscirà  benissimo a fare male entrambi avendo sempre pronto però un bell’alibi da scambiare a seconda dell’assenza. Era in Senato oppure era all’Expo, molto più verosimilmente non era in etrambi i luoghi ma a farsi semplicemente i cazzi suoi a spese dei contribuenti.

    La faccia da culo si é permessa di ironizzare anche sulla richiesta di rinunciare all’incarico di senatore dicendo che lui era in regola con il decreto che, pensate un pò, ha firmato Berlusconi.

    In tutto questo diciamo anche che:

    – De Benedetti batte cassa e chiede che venga sbloccato il fermo per il risarcimento di 750 milioni di euro che Mondadori gli deve. Magari riuscissimo a vedere la bella faccina a palla di Marina un pò emaciata dalla bastonata che gli ha tramandato il papino.

    – Dalla Sicilia in arrivo un avviso di garanzia a Berlusconi per concorso esterno. Subito dopo gli verrà  requisito l’intero patrimonio. Per la legge, infatti, basta il sospetto». L’annuncio lo dà  Il Giornale, quotidiano di proprietà  della famiglia Berlusconi, che nell’edizione di oggi titola a tutta pagina: «Sequestrare il tesoro di Silvio».

    Ma cazzo tutti con sto povero Silvio, ma che colpa ne ha lui se si é voluto legare alla mafia per avere successo. E mica può essere colpevolizzato per questo, in fondo lui é un GRANDE Imprenditore. Un cerebroleso come Gasparri arriva a dire che c’é un uso politico dei pentiti, é già  ogni qualvolta c’é qualcosa che non va a genio a sta massa di merde scatta il solito testo unico, bignami PDL, con le frasi fatte come quella classica …c’é un uso politico di/da/dei/della “nome a piacere”.

    http://www.corriere.it/politica/09_novembre_25/berlusconi-avviso-garanzia-spatuzza-cosentino_49a376d4-d9a4-11de-a7cd-00144f02aabc.shtml

    Spero vivamente che al figlio di puttana gli blocchino tutti i suoi merdosi averi.

    Prepariamoci ad un nuovo braccio di ferro tra Politica e magistratura, e mentre il governo si spremerà  le meningi per mantenere Berlusconi con la chiappe fuori dal tritacarne l’Italia continuerà  ad essere subissata di problemi e anzi ne verranno aggiunti altri.

    Come dice la canzone …meno male che Sivlio c’é, altrimenti non sapevo proprio chi mandare costantemente affanculo ogni giorno.

  4. freeman ha detto:

    http://www.noberlusconiday.org/?p=1457
    spero che al nobday ci sarà  moltissima gente incazzata…poi vedremo…

  5. sullozero ha detto:

    ho vissuto a Baggio da quando sono nato fino a tre anni fa e leggere quanto é successo con le censure al diritto di critica fino all’interdizione per indegnità  mi mette tristezza e rabbia. E’ puro abuso di potere.

  6. Roberto G. ha detto:

    Anch’io sono rimasto disgustato dal vedere come la Moratti mentiva spudoratamente durante l’intervista di Report.

    Lei e quell’altro bel tomo di Lucio Stanca, che si ingoia 300.000 euro per fare l’AD dell’EXPO 2015 avviato ad un flop clamoroso, oltre allo stipendio di parlamentare sono begli esempi di cos’é la casta.

    Una categoria di parassiti che riempiono le tasche loro e dei loro amici con i soldi pubblici, mentre gli operai stanno sui tetti delle fabbriche per non perdere un posto di lavoro da 1000 euro al mese.

    Non sono un violento ma questa gente fa rimpiangere davvero i sanculotti.

  7. freeman ha detto:

    lo dico pure io, il vero problema sono i servi del ducetto e soprattutto gli italioti che ci hanno regalato questo regime di merda.

  8. POLDO ha detto:

    E vabbé! Ed eccoci nuovamente qui, a parlare come al solito sempre del solito pirla e dei suoi accoliti.

    Il simpaticissimo “figlio di puttana” ha ben istruito tutti promulgando il suo verbo, ragion per cui non c’é ormai nessuna differenza sentir parlare Bonaiuti, Alfano, Scajola, Gasparri e compagnia bella; hanno tutti il testo unico nel portafoglio che ripetono a pappagallo ogni volta da giorni, mesi ed anni qualunque sia la domanda posta e non appena ci si lascia andare a pareri extra scatta subito il disguido.

    Da dire a parole ormai c’é rimasto ben poco più consone per loro sono le parolacce.
    Cosa dovrebbe dire uno vedendo l’intervista di quella specie di prugna secca impagliata della Moratti, che con il sorrisino alla sti cazzi rispondeva con sufficienza e fastidio alle domande di Report incalzata sulle moltitudini di stronzate compiute dalla sua ammnistrazione? Che panzienza che ha avuto l’intervistatore a me le avrebbe sfialate dalla bocca e dalle mani sta specie di gallina lessa. Ma per la signora di codesta minchia, moglie del “benzinaio” Moratti, era tutto normale, lei in relatà  non é che amministrava il Comune lei si sentiva di diritto proprietaria del Comune di Milano e quindi autorizzata a fare quel cazzo che gli pareva in base a quello che gli diceva la testa.

    Nicola Cosentino é stato accusato di collusioni mafiose ma la politica é troppo impeganata a discutere su come abbreviare i processi che per “convenienza” sta decidendo che Cosentino non deve essere proprio giudicato, alla faccia del Lodo Alfano.

    Noi siamo sempre quì a discutere, protestare, ma il risultato ahimé non cambia la casta di fligli di puttana a madri sempre incinta.

    Il politico RE dei figli di puttana ha poi decretato in modo unilaterale la su esplicita volontà  di non essere processato perché la cosa é fastidiosa e lo disturba alquanto. Da anni abbiamo un maggioranza riconducibile alla politica Berlusconiana che sta distruggendo il tessuto del Paese.
    Lo fa in più campi con tecniche ormai note ma il bello che politicamente nessuno si oppone e il che lascia pensare.
    Si promuove un testo e ci si ficca dentro una bella legge per salvare il culo di Berlusconi, una volta il falso in bilancio, un’altra volta l’incompatibilità , un’altra volta la ricusazione, anni e anni sprecati a stare dietro alle minchiate di sto cazzo di Berlusconi che non vuole essere sbattutto in cella e che hanno portato aumenti allucinanti nella spesa pubblica, nel debito e col risultato di non essere serviti ad un cazzo ai cittadini.

    Li sentiamo parlare ogni volta di democrazia, di voto, di elezione legittima, si, si, si é proprio tutto vero tranne quando uno gli fa presente il significato e gli spiega che l’Italia va amministrata e non é proprietà  di nessuno.

    L’Italia é piena di gente di merda e ne ha eletto uno a propria immagine e somiglianza per Governare una merda di Paese. Hanno deciso che Berlusconi deve fare quel cazzo che gli pare fate una fottutissima legge che dice che Silvio Berlusconi é un fottuto mafioso che ha instaurato in Italia una Monarchia e che sino a quando starà  in vita nessuno potrà  rompergli le palle nel bene e nel male.

    Italiani raccoglietevi quelle 4 mollichelle che avanzano dai suoi lauti pasti e non scassate più la minchia.

    Non c’é modo di discutere o argomentare il risultato sarà  sempre lo stesso loro sono lì perché un manipolo di teste di cazzo ce li ha mandati e quindi adesso TUTTI GLI ITALIANI SE LI DEVONO SORBIRE, punto. Non c’é programma, ideologia, pianificazione che tenga, c’é semplicemente Silvio Berlusconi ed i suoi cazzi da sbrigare il resto non conta.

    Il Parlamento é diventato di fatto una succursale di Puplitalia, Mediaset, Finivest, Mondadori, insomma il Parlamento é un’azienda di Berlusconi che lavora per lui, fa le leggi per lui mascherandole ad hoc e spacciandole in realtà  per i cittadini, fa accordi per lui, promozioni per lui, il PARLAMENTO E’ ROBA SUA.

    Il Puttaniere ed i suoi accoliti sono già  sputtanati da un pezzo il brutto é che l’Italia stessa e sputtanata quindi l’equazione é uguale a zero. Se non cambierà  la gente continueremo ad avere Berlusconi a vita perché un uomo di merda come lui é il prodotto di un’Italia di merda.

    Per Natale regalate tanti pacchi di carta igenica 😉

  9. giuseppe x ha detto:

    Gentile Eternauta concordo.
    Però soltanto una cosa: non tutti gli elettori sono correttamente informati.
    Alcuni hanno aperto gli occhi e, complice anche la perdita del posto di lavoro, forse, nolenti o volenti, hanno capito la dura realtà .
    A me preoccupano quelli che continuano ad insistere sulle proprie posizioni per partito preso.

  10. L'Eternauta ha detto:

    caro Giuseppe il problema non sono quei ladri dei nostri governanti,il problema vero sono quelli che oggi protestano e però li hanno eletti…
    é di questi italioti di cui dobbiamo liberarci,e piu che una rivoluzione,occorre una guerra civile…
    ma sono talmente vili che sarà  difficile riconoscerli,e smascherarli.

  11. L'Eternauta ha detto:

    e no leonardo facco,Chavez statalizza i beni primari pubblici,lo psicopedopornonano,o zucca d’asfalto,li privatizza………
    ma perche debbo avere dei coglioni come connazionali????

  12. L'Eternauta ha detto:

    il problema vero,come dico da sempre,non sono i duci,sono i servi.

  13. freeman ha detto:

    casomai il ducetto assomiglia al duce benito, non a caso lo ha sempre difeso… chavez sta dalla parte opposta…

  14. Leonardo Facco ha detto:

    MOLTO PREOCCUPANTE, ORMAI E’ COME CHAVEZ!

  15. Mik ha detto:

    http://www.libero-news.it/adnkronos/view/231229

    Genova, 25 nov. – (Adnkronos) – E’ stato denunciato dalla Digos di Genova per simulazione di reato e procurato allarme Francesco Guzzardi, il collaboratore del ‘Giornale’ al quale nei giorni scorsi era stata indirizzata una lettera minatoria, scritta a mano, con la stella a cinque punte, simbolo delle Br. La lettera conteneva minacce contro il giornalista e contro la redazione genovese del ‘Giornale’.

    Secondo la Digos l’autore del documento sarebbe lo stesso Guzzardi.

  16. giuseppe x ha detto:

    Eh si Caro Daniele questo é un eseap….cioé un paese al contrario.
    Che dire di gente come stanca (600mila euro all’anno per due mezzi lavori che non fa)?
    Che dire di gente come la moratti?
    Purtroppo (per noi) questi sono soltanto due piccoli esempi di “signori” molto molto “piccoli”

    Purtroppo (per loro) non hanno ancora capito che moltissima gente si é rotta i cogl.ioni di essere presa in giro e di fare i sacrifici per lorsignori.
    Purtroppo (per loro) non hanno capito che c’é troppa gente incazzata nera.
    Purtroppo (per loro) non hanno ancora capito che la Rivoluzione Francese é esistita davvero!

  17. luca71 ha detto:

    il 5 dicembre NO BERLUSCONI DAY APARTITICO a MILANO

    per informazioni
    http://www.meetup.com/Grilli-Milano/messages/boards/forum/1161414

  18. mirco ha detto:

    ciao Daniele,
    ho cercato di verificare almeno due terzi del tuo articolo, perché effettivamente queste notizie erano belle grosse, sopratutto quella del Carnevale viareggino…
    forse ti sei documentato troppo in fretta, ma la notizia é esatta solo in parte…il 25 settembre scorso i due carri sono stati bocciati dalla commissione carnevale, ma il 5 ottobre sono stati riammmessi, visto il clamore che avevano suscitato a livello nazionale e dopo molte proteste…
    per quanto riguarda l’atrticolo di Castiglion della Pescaglia ho trovato solo delle minacce di non finanziamento della prossima gara da parte del comune (8000 euro) e di una multa simbolica di 100 euro per i vogatori (abbigliamento non regolamentare)…se hai qualcosa di più specifico, magari articoli correlati, potresti inviarmelo?…grazie
    Mirco

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.