L’influenza suina nel paese dei porci


Frasi suine nel comizio di Roberto Calderoli ad Arzignano (VI)

A forza di partorire leggi porcata l’Italia é ormai vaccinata all’influenza suina dell’impunità  e dell’indifferenza.
Mentre gli iraniani con le loro discese in piazza contro i brogli elettorali a danno dell’ex candidato presidente Mousavi dimostrano essere un popolo con gli anticorpi, in Italia i giornali e le televisioni orientano la curiosità  sugli aspetti meno importanti di certe inchieste, come quella spiccata a Bari a danno del corruttore.

La scossa ai danni del suo governo annunciata dall’alleato Massimo D’Alema é proprio questa nuova vicenda che ha tutto il sapore di una pagliacciata vendicativa da parte di qualche aspirante starletta alla politica dei suini. Ragazze invitate alle feste romane del corruttore per attrarle a candidarsi per il partito alle europee piuttosto che alle comunali, favori promessi e non mantenuti a tale scopo, soldi in contanti per la presenza alle feste e tanto altro.

Che tutto ciò abbia a che vedere con l’induzione alla prostituzione lo stabiliranno i magistrati. Tuttavia io non ci trovo nulla di utile stabilire se ci sia corruzione regalare un anello, un bracciale, una cena piuttosto che 1000 euro in contanti in cambio di una candidatura o una scopata con una ragazza maggiorenne e conseziente. Insomma, il reato di induzione alla prostituzione é malato di morale religiosa che ha poco da condividere con le ferree regole di libero mercato di una democrazia.

Le corruzioni che dovrebbero preoccupare dovrebbero essere quelle che fra imprenditori e politici impediscono l’assegnazione di appalti pubblici in regime di concorrenza, e in totale spregio delle norme che ne regolano le procedure.
In un paese normale le televisioni sbatterebbero in prima pagina il ministro dei suini Roberto Calderoli e il deputato berlusconiano Aldo Brancher, per i versamenti delle presunte tangenti ricevute da Giampiero Fiorani per le campagne elettorali del 2000 e del 2005. 150 milioni di lire nel 2000 e 200 mila euro nel 2005. La procura di Milano ha chiuso le indagini ipotizzando a carico di Brancher l’accusa di appropriazione indebita, e per Calderoli quella di ricettazione. Ora i pm dovranno pronunciarsi se archiviare o chiedere il rinvio a giudizio.

Le notizie che meriterebbero visibilità  sono le suine assunzioni di 20 giornalisti senza concorso alla regione Sicilia. Tutti o quasi ex portavoce di politici di centrodestra.
La Corte dei conti ha rinviato a giudizio i deputati Totò Cuffaro, Raffaele Lombardo e l’ex capo dell’ufficio legale Francesco Castaldi perché il danno erariale contestato é di 5 milioni 240 mila euro. Cifra in continua crescita se si considera che si riferisce agli stipendi pagati dal febbraio 2004 al settembre del 2007. Il sostituto procuratore Gianluca Albo attende Cuffaro, Lombardo e Castaldi alle udienze del prossimo gennaio per spiegare come mai gli assunti senza qualifiche, senza concorso (e senza inchieste di autodenuncia interne!!) hanno percepito paghe da redattore capo con stipendi medi fra i 7 mila e gli di 8.400 euro lordi al mese.

Senza contare i processi dei Fitto, dei Dell’Utri e dei Matteoli per reati davanti ai quali i docili suini impallidiscono. Peccato che la loro influenza abbia già  vinto sulla giustizia italiana resa inoffensiva. Attorno alle porcilaie di questi parassiti solo cannoli, applausi, impunità  e tanta indifferenza.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

17 Commenti a “L’influenza suina nel paese dei porci”

  1. Luigi Corvaglia ha detto:

    Sono molto sollevato. Il cardinale Sepe ha finalmente autorizzato il bacio alla teca del sangue di san Gennaro. Non immaginavo che il cardinale fosse una autorità  sanitaria con diritto di vietare e permettere in tema di salute pubblica. Credevo ingenuamente che ciò spettasse al sindaco sulla base di indicazioni della Azienda Sanitaria Locale. Ma io credo un sacco di cose strane. Ad esempio, credevo che i fedeli si fidassero di San Gennaro. Del resto, in India, milioni di individui si bagnano nell’immondo Gange senza tema di contrarre patologie dal sacro fiume e le beghine di ritorno da Lourdes raccontano sempre con emozione che il miracolo più grande é che non si spargano malattie a seguito delle abluzioni promiscue di molteplici infelici nella medesima pozza. Per qualche ignota ragione, invece, si ritiene che l’influenza suina se la giochi almeno alla pari con San Gennaro, al punto di immaginare – novità  assoluta per la chiesa – una profilassi tesa a modificare la tradizione, un atteggiamento preservativo. L’influenza, oltre che suina deve essere demoniaca e peccaminosa. Una febbre maiala.
    Se la profilassi attecchisce, anche solo come ipotesi, lì dove meno alligna, é allora segno che tutt’intorno si é ormai al delirio profilattico. Più di come avvenne nel 2005 quando l’aviaria doveva sterminare la razza umana. Più di quando la SARS avrebbe dovuto cancellare la civiltà  occidentale così come la conosciamo. Di più. C’é un solo precedente di ipocondria sociale e prevenzione di massa di simili dimensioni. Fu nel 1976 quando negli USA, Gerald Ford presidente (e in campagna elettorale), si produsse un vaccino simile a quello che oggi si vuole imporre ai cittadini e che creò una serie di reazioni neurologiche avverse anche molto gravi e permanenti (ad esempio, sindrome di Guillian Barré) . Si dette la colpa alla fretta con cui lo si propose l’inoculazione senza adeguate sperimentazioni. Fu un vero disastro. La vaccinazione fu sospesa e si vociferò di interessi di una casa farmaceutica vicina al presidente (che non fu rieletto). Ora leggo, nello stesso giorno, che le vaccinazioni di massa inizieranno il 15 Ottobre e che il vaccino non é ancora pronto . La stessa fretta del ’76. Credo ci sia da preoccuparsi. Ma io credo cose strane.

  2. caterina ha detto:

    Mi sono impegnata molto, patty, ma non sono riuscita a trovarlo divertente neanche un po’… 🙁
    E’ molto ben fatto, ma troppo vero.

    Prego, Roberto. Il sito é nuovo, ma bisogna frequentarlo, ed essere pronti a citare i dati all’occorrenza!

  3. patty ha detto:

    guardate questo video e non ve ne pentirete…

    http://www.youtube.com/watch?v=9lRfDjX04a4

  4. Roberto G. ha detto:

    Cosa sia successo veramente in Iran non é chiaro.

    Io so che nel 2000 e 2004 in quella che si spaccia per la più grande democrazia del mondo le elezioni sono state volgarmente truccate e che il nano utilizzando i medesimi consulenti di Bush ha fatto la stessa cosa nel 2006 e probabilmente anche dopo. Di ciò non é fregato niente a nessuno mentre a Teheran per i presunti brogli succede il finimondo. Chissà  come mai?

    Ricordo che i media occidentali sono controllati dall’oligarchia dominante e che quando si tratta di parlare di nazioni che sono invise agli USA e ad Israele la loro affidabilità  é prossima allo zero. Utilizziamo i siti di controinformazione (finché ancora é possibile) per sentire anche altre versioni.

    Era da un pò che cercavo un sito così, stragrazie Caterina.

  5. fansss ha detto:

    Caro Daniele,
    Nonostante tutto e, ripeto, NONOSTANTE TUTTO sono fondamentalmente positiva perché vedo che qualcosa si sta organizzando di buono: De Magistris che ha preso una marea di voti, gli italiani che seppure beoti dimostrano che nei due contenitori acchiappacitrulli del pdl e pd non ci stanno proprio (!), le contestazioni che sebbene ancora troppotroppo rare stanno attecchendo anche qua e non solo in Iran (il che é tutto dire!), un nuovo quotidiano finalmente serio che uscirà  a settembre, qualche persona che sta uscendo dall’ipnosi perché svegliata da qualcun’altro con un surplus morale ormai insopportabile tanto che non ce la fa più e allora decide di riattivarsi nel suo piccolo facendo politica alla coop, mentre sta in fila alla posta, alla fermata dell’autobus e così via. Tutti begli esempi positivi mi sembrano.
    Ho notato difatti che, sebbene i segnali siano ancora fievoli, al vittimismo italico, alla lamentela ignorante e strascicata e odiosa e fine a se stessa si sta sostituendo pian pianino qualche timido e sano j’accuse contro l’ipocrisia di chi ci governa e di chi era supposto dover fare un’opposizione che si rispetti…
    Sarà  poco, ma intanto mica tutti sono cecati e sordi e muti! Credo pertanto che questo lievissimo spostamento culturale sia dipeso anche da certa informazione ben fatta ed emergente, una nuova modalità  alternativa che forse qualcuno vorrebbe non a caso censurare, proprio quella che circola nei blog e, in generale, nella rete e che é frequentata da un umero crescente di persone, indipendentemente dalla loro età  anagrafica. Si tratta perlopiù di gente amante della verità  e che ha deciso, forse per estremo gesto d’amore verso i figli o per dignità  personale, ha deciso, ripeto, di investire un po’ di parole, un po’ di energia per fare pulizia locale.
    Non credo sia una soltanto una mia percezione illusoria: credo invece che chi fino a 2 o 3 anni fa preferiva starsene vilmente zitto per non esporsi politicamente, ora si sente più legittimato a commentare e a lasciare al vento un suo giudizio lapidario. Questa é la mia esperienza nella vita di tutti i giorni. Ed é, ripeto, un fremito positivo.
    Detto questo, rivolgo a Daniele un appello accorato.
    Se é vero, come spero, che NONOSTANTE TUTTO, aldilà  della cruda realtà  di merda nel quale si trova il nostro miserevole paese, si possa intravedere un lumicino alla fine del tunnel nero come la pece più scura, allora ti chiedo a lettere capitali:
    QUANDO ARRIVERA’ LA FINE DI QUESTO INCUBO, O LOGICA ROVESCIATA CHE VEDE IL MAFIOSO SEDUTO SU POLTRONE ISTITUZIONALI, QUANDO GIUNGERA’ QUESTA ORA TI SCONGIURO FORTEMENTE DI NON MOLLARE LO SGUARDO CRITICO SU COLORO CHE FINTAMENTE SI MOSTRERANNO ESSERE SEMPRE STATI NEL GIUSTO E CHE SARANNO I PRIMI, SALENDO SUL SOLITO CARRO DEI VINCITORI, A DI NUOVO ARRETRARE UNA PROBABILE RINASCITA DELL’ITALIA. QUESTI OMUNCOLI (uomini e donne, ovvio), DI NUOVO VESTITI, SARANNO I VERI PERICOLI DA EVITARE PERCHE’ NE SANNO UNA PIU’ DEL DIAVOLO. La storia insegna molto in proposito.

    p.s.: Quanto ai referendum, io non ci andrò proprio: Rodotà  docet.

  6. paolo papillo ha detto:

    CHIEDIAMO ATTENZIONE , NON POSSIAMO AFRE FINTA DI NULLA SU QUESTO

    DEI CITTADINI NORMALI,COME VOI, CHIEDONO SPIEGAZIONI AI SIGNORI DELLA CASTA.

    ABBIAMO INTERVISTATO IL CAMPIONE DEI PARLAMENTARI ASSENTEISTI, UN SIGNORE CHE PRENDE PIU’ DI 20.000€ AL MESE ,PER NON ANDARE A LAVORARE…
    L’INTERVISTA E IL VIDEO LI TROVATE nel blog

  7. paolo papillo ha detto:

    CHIEDIAMO ATTENZIONE , NON POSSIAMO AFRE FINTA DI NULLA SU QUESTO

    DEI CITTADINI NORMALI,COME VOI, CHIEDONO SPIEGAZIONI AI SIGNORI DELLA CASTA.

    ABBIAMO INTERVISTATO IL CAMPIONE DEI PARLAMENTARI ASSENTEISTI, UN SIGNORE CHE PRENDE PIU’ DI 20.000€ AL MESE ,PER NON ANDARE A LAVORARE…
    L’INTERVISTA E IL VIDEO LI TROVATE QUI;

    http://informazionedalbasso.myblog.it/

    per coordinare iniziative analoghe contattaci;
    informazionedalbasso@gmail.com

    cell 3392244257

  8. giuseppe f ha detto:

    Ah ho capito, un nome, una “garanzia”

    Personalmente ritengo filippo facci soltanto un giullare di corte…

  9. freeman ha detto:

    giuseppe, lascia perdere la spazzatura… 🙁
    http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=256898

  10. giuseppe f ha detto:

    Dire che calderoli é un suino significa offendere i maiali purtroppo….

    Daniele su facebook sta girando questa….

    VI RACCONTIAMO LA VERA STORIA DI BEPPE GRILLO (leggete e capirete perché non amo Grillo)

    Tu l’hai già  letta?
    Che ne pensi?

  11. caterina ha detto:

    Che il livello di Calderoli sia quello che si sente nel filmato, si sa. Pensiamo a quanti dei nostri soldi si intascano lui e gli altri eruditi leghisti…

    Questo sito deve diventare la nostra casa, perché qui possiamo verificare giorno per giorno cosa fa ognuno dei nostri strapagati dipendenti, come vota, a quali commissioni appartiene, quali leggi porta avanti:
    http://parlamento.openpolis.it/

    Nel merito del post, Daniele (da quando hai meno tempo ci allarghiamo un po’ con gli OT…), sarei d’accordo con te: c’é ben altra sostanza a cui dare risalto, ci sono ben altre questioni a cui pretendere risposte e ben altri comportamenti che meritano censure severe e riprovazione unanime.
    Però, se in questo tristissimo Paese in cui nemmeno 1700 e passa pagine di motivazioni di condanna a Dell’Utri, con ricostruzioni particolareggiate di collusioni ai massimi livelli, possono scalfire l’immaginetta del grazioso sultano, allora ben vengano gli scandaletti da quattro soldi, se servono alla bisogna.
    Anche Al Capone non é stato condannato per mafia – ma intanto l’hanno fatto fuori.

  12. alina ha detto:

    Buongiorno a tutti.
    In Iran le manifestazioni si stanno espandendo anche in altre città . Nella popolazione serpeggia il sentimento che vi sia stato un colpo di stato con le elezioni. Ai cortei pro Moussavi si sono aggiunti anche i sostenitori dell’altro candidato alle elezioni, Mehdi Karroubi. I manifestanti non sono solo studenti ma appartengono ormai ad ogni settore della società . Per organizzarsi nella discesa in piazza gli Iraniani hanno utilizzato gli SMS poiché vige la censura di internet.
    Queste cose le ho sentite alla radio svizzera ieri.
    Altre informazioni in un articolo del 15 giugno qui
    http://www.dazebao.org/news/index.php?option=com_content&view=article&id=5157:iran-folla-sfida-divieto-di-sfilare-anche-moussavi-in-piazza-&catid=87:medio-oriente&Itemid=277

  13. paola ha detto:

    ciao daniele…perché non fai un post dove si spiega bene cosa votare ai referendum?
    qui tra il no e il si non si capisce più niente. perché non si da una vera spiegazione in merito?
    restiamo in balia perché non sappiamo che legge porcata hanno fatto e rifatto.
    grazie.

  14. Alex ha detto:

    Pure gli iraniani si ribellano e noi invece… rincoglioniti da pomeriggio 5, amici e i cesaroni continuiamo a non fare niente…

  15. giuseppe f ha detto:

    Intanto Caro Daniele la MASSA PARASSITARIA PIù PAGATA NON SI RECA NEMMENO AL LAVORO….

    QUI CI VOGLIONO I CALCI NEL CULO!
    E Beppe Grillo é stato ancora fin troppo SIGNORE….

    http://magazine.libero.it/foto/09/controlla-il-politico-quanto-lavora-fg5949/pg1.phtml?from=1

  16. giuseppe f ha detto:

    Bravo Daniele questa si che é VERA INFORMAZIONE.

    Purtroppo la gente informata é ancora troppo poca, però mi chiedo cosa sarebbe successo se bossi a Pontida avesse detto:

    “Padani…qui c’é da aiutare Catania, togliendo parte dei soldi anche dalle Vostre (non Nostre si badi bene) tasche…..”

    Secondo me gli avrebbero come minimo già  sparato….

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.