Paolo Becchi: “Alice Salvatore inadatta”

«Io non ho niente contro la signora candidata, la giovane. Ma è inadatta a coprire quel ruolo rispetto alla situazione politica complessiva: il M5S avrebbe dovuto cercare non tanto chiudersi in sé stesso – presentando candidati omogenei alla linea –, ma aprire a quei movimenti sociali che a Genova sono tantissimi. Parlo dei No Gronda, difesa della Costituzione, Libertà e Giustizia, la difesa dell’Acqua e dei beni pubblici. Avrebbero rappresentato un’occasione imperdibile per il Movimento, perché la Paita – con tutti quei pasticci in corso e un processo che comincerà quando lei sarà già Governatore: che situazione imbarazzante – resta un candidato debole». Paolo Becchi a Repubblica Genova, in un’intervista pubblicata a una settimana dalle elezioni regionali liguri, in cui dichiara che ormai il Movimento 5 stelle è diventato un partito dall’influenza sempre più marcata di Luigi Di Maio.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.