Se votassi tra una settimana…

elezioni regionali

Se fossi un cittadino chiamato a votare la prossima settimana alle urne, penserei come prima cosa di non disertarle. Cercherei di conoscere al meglio la storia personale e politica dei candidati a governare la mia Regione. Darei un’occhiata ai programmi e una sbirciata ai candidati al consiglio regionale. Cercherei di non farmi distrarre dai trucchi fotogenici e dallo sbianchettamento dei difetti fisici sulle facce ingigantite dai manifesti. Ripasserei il metodo di voto e il concetto di voto disgiunto. Cercherei di assistere a un incontro pubblico previsto nella mia città per rendermi conto dello spessore del candidato e della gente che lo segue. Diffiderei di chi abusa dei sorrisi e cercherei di cogliere qualche messaggio sensato. Diffiderei di candidati parenti di famiglie che controllano piccoli o grandi potentati e di quelli che hanno avuto figli, coniugi o famigli già nominati in passato. Diffiderei pure di candidati cooptati dai telegiornali delle tivù commerciali. Cercherei di valutare con serenità l’operato di chi già ha governato e si ricandida per ripetere l’esperienza.

Alla fine opterei per un candidato semplice che viene dal basso e che si riduce lo stipendio. Solitamente questo candidato ha un programma elettorale, una lista di candidati della sua estrazione sociale e morale (dunque come me), è abbastanza giovane, di buona cultura e con un passato da precario, o comunque uno che non ha interessi diretti in politica. Se questo candidato viene anche attaccato sui giornali per questioni nulle o banali (tipo quelle di Paolo Becchi nei confronti di una candidata acqua e sapone in Liguria ), e se soprattutto viene bistrattato dalla stampa di sistema, vuol dire che se lo voterò, avrò molte possibilità di fare bene, e di vedere cambiare in meglio le istituzioni. Peccato che io residente in Lombardia non avrò modo di andare alle urne tra una settimana. Altrimenti avrei già chiaro chi votare. Chiaritevi bene le idee anche voi! Voi che avete la fortuna di dare una svolta alla vostra Regione.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.