Primarie Pd, io voterò Ignazio Marino

Turatevi pure il naso ma ho deciso: nel fine settimana andrò a votare alle primarie del partito democratico. Voterò il senatore Ignazio Marino, il meno peggio della nomenklatura candidata a sedere sulla poltrona di segretario di partito.
Ho deciso di recarmi alle primarie, e di spendere 2 euro, perché che ci piaccia o no, il partito democratico per ora rappresenta l’opposizione numericamente più importante in parlamento.

Voterò Ignazio Marino perché é il candiato meno conosciuto ma che esprime concetti e valori più vicini al progressismo. A cominciare dalla definizione che ha dato ai rivali Franceschini e Bersani: “Leader del secolo passato“. Ignazio Marino é di Genova, come Beppe Grillo, vergognosamente escluso dalla candidatura e da sicura vittoria alla segreteria del Pd. Se manterrà  ciò che promette Ignazio Marino, il Pd dovrà  diventare un partito “senza correnti“.

Voterò Ignazio Marino perché é un chirurgo dotato di vena ironica. La stampa di regime lo definisce “candidato tranchant“. Alla festa di Genova, in cui Fini ha parlato di biotestamento e di fine vita, Marino ha liquidato con un candido “Ce ne freghiamo” l’assenza delle carfagne sul palco.

Voterò Ignazio Marino perché ho condiviso la sua richiesta (inutile) all’attuale segretario Dario Franceschini di evitare spartizioni nelle nomine Rai e di cambiare la legge sui criteri di designazione del cda del canale pubblico.
Voterò Ignazio Marino perché é il candidato che ha collezionato il maggior numero di “no comment” da parte della nomenklatura stile bocciofila di Bersani e stile rosario di Rutelli.

Voterò Ignazio Marino perché é l’unico candidato alla segreteria del Pd che nello scandalo dei votanti più numerosi degli iscritti in Calabria, non ha esitato a definire la regione “un ascesso che contagia il congresso del Pd” invitando ad annullare (inutilmente) i voti dei circoli per non mandare “in setticemia” il partito. Ha chiesto il voto dichiarato degli iscritti (inutilmente), a Bersani di rifiutare quei voti (inutilmente) e ha invitato Franceschini (inutilmente) ad azzerare quei congressi.

Voterò Ignazio Marino perché é l’unico candidato alla segreteria del Pd che dichiara “il centrosinistra colpevole” dell’anomalia del duopolio tv controllato da Berlusconi.

Voterò Ignazio Marino perché é un chirurgo che ha le idee chiare in materia di biotestamento e norme sull’espianto degli organi. Lo voterò perché trovo efficace il suo linguaggio medico prestato alla pietosa diagnosi del partito democratico in cui milita. Ecco perché é il candidato che ha meno chance di diventarne segretario. Tuttavia mi piace immaginare un Ignazio Marino capace di estirpare dal partito metastasi come la Binetti, Rutelli e tutte le cellule maligne teodem(enti) da trapiantare con persone veramente laiche, democratiche e capaci di un’opposizione seria alla coalizione a maggioranza di piduisti.

Voterò Ignazio Marino perché nel moribondo Pd é stato il candidato più netto sulla bocciatura del dolo alfano: “Finalmente ristabilito il principio di eguaglianza davanti alla legge“.
Voterò Ignazio Marino perché si tiene alla larga da Agazio Loiero e Antonio Bassolino.

Chi mi legge sa cosa penso del partito democratico e dei suoi leader. Lo ritengo un malato terminale per il quale spenderò un simbolico contributo nell’illusione di somministrargli un’ultima, disperata dose di chemio terapia a base di Ignazio Marino.

Voterò Ignazio Marino nonostante abbia appoggiato la ricandidatura di Nichi Vendola alla presidenza della Puglia, dopo gli scandali della sanità  che hanno coinvolto membri della sua giunta e i suoi attacchi ai magistrati titolari dell’inchiesta.
Ecco, questo lato di Ignazio Marino mi convince un po’ meno. Ma lo voterò comunque, con la speranza di non pentirmi.


Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

60 Commenti a “Primarie Pd, io voterò Ignazio Marino”

  1. marco ha detto:

    BUONGIORNO A TUTTI I VOTANTI X LE PRIMARIE PD ….
    Cavolo …. avevate ragione voi …adesso si che avete cambiato le cose …mannaggia a me che sono rimasto a casa..
    ha vinto BERSANI ….sono molto fiducioso, sicuramente ripulirà  il partito ..anzi ripulirà  il MONDO !!! magari si farà  dare una mano da D’ALEMA ..se siamo fortunati tra una regata ed una scalata bancaria, troverà  anche il tempo di dare qualche consiglio …

    mi sorge una domanda … PER QUANTE VOLTE SBATTERETE ANCORA IL MUSO PRIMA DI CAPIRE CHE DESTRA E SINISTRA NON ESISTONO PIU.. E CHE CON IL VOSTRO VOTO NON FATE ALTRO CHE LEGITTIMARE TUTTO QUELLO CHE QUESTO BRANCO DI SPECULATORI SENZA CREDO E SENZA FACCIA CONTINUA A FARE DA ALMENO 20 ANNI…??? volete cambiare le cose. … STATE A CASA VOSTRA…..perché se a votare non ci fosse andato nessuno ALLORA SI CHE SI SAREBBE DATO UN SEGNALE FORTE !!!

  2. freeman ha detto:

    ecco appunto, ognuno faccia come vuole e spenda i suoi soldi come vuole… e se i pidini vogliono un nuovo segretario ci penseranno loro…

  3. CHICCA ha detto:

    ma quanto sono ingenua a volervi convicere!!!!!!!!!!!
    quello che volevo si capisse é che le cose non cambiano con la sola forza del pensiero, se vuoi spostare un corpo devi imprimergli una forza e questa forza in democrazia si chiama voto. iniziamo a dare una spinta a questo corpo inerte che é la politica. purtroppo, e dico purtroppo, il PD é ancora l’unico partito che potrebbe fare da contraltare al PDL e se il suo segretario é un uomo onesto che racchiude le nostre aspettative, diamogli una chance.
    per il resto ognuno é libero di pensare e comportarsi come vuole, ci mancherebbe altro, non é questo che mi farà  allontanare da te, freeman sai che mi sei caro tanto quanto gli altri amici del blog 🙂 ed ora su questo argomento passo e chiudo 🙂

  4. Matteo ha detto:

    freeman ti quoto e straquoto……. basta soldi ai partiti BASTA 🙂 Specialmente al PD che altro non é che l’altra faccia della medaglia del pdl, cambino le parole ma non i risultati.

    buona serata

  5. freeman ha detto:

    ma datela voi la mano… io ho già  detto cosa penso delle primarie e i miei soldi non li do certo al pd! punto e basta.

  6. Francesco ha detto:

    ma anche se ci sono le elezioni vere e ti ritrovi questo PD cosa vuoi fare? L’idv é ancora troppo debole. Almeno cerchiamo di dare una mano il PD a ripulirsi. Con Bersani/D’Alema diventerà  un porcilaio

  7. freeman ha detto:

    per cambiare le cose ci vogliono le elezioni vere, altro che primarie… per ora il parlamento purtroppo é questo, e io non posso certo aspettare le prossime elezioni politiche, ho già  perso troppo tempo… gli altri facciano come vogliono…

  8. CHICCA ha detto:

    ok free stai pure a casa con i tuoi 2 euro ed aspetta che le cose cambino da sole, io ci provo vedi mai che le cose possano avere una trasformazione culturale, se non altro….

  9. freeman ha detto:

    >Spendete questi 2 euro.
    ma non ci penso nemmeno…li spendano gli elettori del pd, se vogliono…

  10. Francesco ha detto:

    BERSANI, FRANCESCHINI, MARINO…

    a confronto sull’immunità  parlamentare:
    http://www.youtube.com/watch?v=b5qxLwqE3Pg

    indovinate chi vince…

  11. vincenzo ha detto:

    Marino alla votazione sullo scudo c’era. chi dice il contrario ragiona per preconcetti.
    Lo fa anche chi dice che siccome il sistema é marcio e pieno di nomenclatura é inutile votare. E’ inutile votare finché ci sono persone che ragionano così ma credo che siamo in molti ancora a pensarla diversamente.
    Un’ultima considerazione, se fossero stati solo bersani e franceschini avrei dato ragione a molti di quelli che criticano l’idea di votare ma per una volta abbiamo veramente un outsider che ha la possibilità  di far bene, uno che viene dalla società  civile, un uomo di scienza, uno che non fa parte della nomenclatura, uno che ha detto chiaramente che i vari Binetti, Fioroni, Bassolino etc non vanno ricandidati.
    Certe volte per cambiare la base bisogna dare un segnale forte al vertice.
    Spendete questi 2 euro.

  12. 3my78 ha detto:

    Io non avrei votato proprio nessuno. E’ il sistema marcio e la nomenclatura del PD é marcia quanto il sistema… questo Marino non lo conosco, ma se non si cambiano le basi é intile cambiare il vertite… senza contare che poi la politica, a parole, progressista del PD non mi sarebbe piaciuta neanche se fosse stato un partito onesto!
    Secondo me non ci dovevi proprio andare!

  13. freeman ha detto:

    idv e pd sono solo alleati, ma sono due partiti diversi, per fortuna! e io alle europee ho votato idv, ma non certo il pd…

  14. CHICCA ha detto:

    anche io ho votato IDV ciò non vuol dire che sono estromessa dal diritto al voto per il rappresentante del PD considerando che la stessa IDV ne fa parte, anche se con le contestazioni che in più di una circostanza Di Pietro ha collezionato. e se non sbaglio Marino é l’unico dei tre che non ha contestato le forti posizioni di Di Pietro all’interno del partito.
    Patrizia Elena e tutti gli amici che si sono espressi a favore del voto, non vi curate di chi sostiene ipotesi diverse dalle nostre, ognuno é libero di dire, anche a modo suo, la propria partecipazione alla politica italiana che si vorrebbe ribaltata per diritto divino.

  15. marco ha detto:

    @helena
    meglio arrogante che con le fette di salame sugli occhi ….
    per me puoi fare quello che vuoi ….vai alle primarie del pd, fai finta di non vedere cosa ti capita sotto gli occhi, e regalagli 2 euro che serviranno a sostenere la prossima campagna elettorale per prendere in giro altri che ci credono come te ….non é maleducazione é solo il mio punto di vista, secco e coinciso.
    Detto questo ti auguro la piu felice delle giornate.

  16. Erre ha detto:

    @Patrizia.
    Perdonami se mi intrometto cara Patrizia ma mi sento di non condividere il tuo ragionamento. Anch’io sono in una situazione simile alla tua, anzi, ancora più ingarbugliata considerato che oltre a votare per la Idv sono anche un iscritto simpatizzante.
    E’ chiaro che non posso in alcun modo concorrere all’elezione del presidente di un partito che non mi appartiene. Non sarebbe corretto. Ma vediamo un po’ di capire cosa accadrebbe se io fossi soltanto un elettore dell’Idv (o mi sentissi tale) perché, anche in questo caso, esiste un problema di coscienza o di correttezza che dir si voglia. Le primarie, infatti, sono rivolte al popolo del PD ovvero a quelle persone che oggi esprimono un intenzione di voto verso quel partito.
    Tieni presente che nessuno in un seggio delle primarie ti farà  mai il terzo grado. Ti presenti munita di certificato elettorale, entri, ritiri la scheda, versi due euro ed esprimi una preferenza. Niente di più semplice. Risulta evidente che nel momento in cui partecipi all’elezione del vertice di quel partito ritieni di doverne far parte e ti impegni a sostenerlo, questo é il bello, anche qualora dovesse vincere il candidato che non hai votato.
    Essere democratici significa anche accettare il fatto di poter finire in minoranza. Fatto salvo che successivamente avrai tutto il diritto sacrosanto di rilanciare le tue ragioni alla prima occasione utile. Stare insieme in modo democratico significa anche questo.
    Lo sa molto bene Marino che, pur in continua rottura con l’ala opposta estrema della Binetti, a differenza di quest’ultima, non ha mai messo in discussione la natura stessa del partito. Quindi, secondo me, le primarie sono aperte a gli elettori manifesti del PD, tutt’al più a coloro i quali si rifanno ad una formula dubitativa: “dovesse vincere Marino il PD sarebbe il mio partito” ma già  qui siamo in “borderline”. Chi invece manifesta altre intenzioni di voto, in coscienza, non dovrebbe partecipare.
    Detto questo, da osservatore esterno più che interessato, mi auguro che il popolo del PD trovi la forza di recarsi ai seggi per votare Marino.
    Tieni presente che il cosiddetto Lodo Scalfari, nel momento in cui é stato ideato e recepito, presupponeva due variabili. Ora, sondaggi alla mano, si affaccia una terza possibilità  (sempre remotissima, sia ben inteso) che nessuno fin’ora si era soltanto permesso di ipotizzare. Te la immagini tu un’ Assemblea dei Delegati in cui il 90 per cento é chiamato a ratificare la mozione del 10 per cento? Se le parole hanno un senso e soprattutto un seguito (cosa che in Italia non avviene mai) l’opportunità  di eleggere Marino potrebbe segnare la svolta che in molti attendono da tempo. Ma la cosa, ripeto, riguarda gli elettori del PD e soltanto loro.

  17. helena f. ha detto:

    @ marco
    Sei maleducato e arrogante.
    Si possono esprimere le proprie opinioni, come fanno gli altri, senza bisogno di offendere alcuno.

  18. mario..r ha detto:

    Concordo pienamente con LUIGI….

    Daniele.. qeusta volta mi sento deluso…

    Non dircelo chi voterai….. scrivilo sul tuo piccolo diario nel cassetto di cameretta tua..

  19. freeman ha detto:

    nella consultazione tra gli iscritti, Bersani era ampiamente in testa con il 56%, seguito a venti punti da Franceschini (36%) e da Marino, distanziatissimo all’8%.
    boh, vedremo…

  20. Rick ha detto:

    Assolutamente d’accordo con Martinelli. Anche se nel PD il segretario non é un padre-padrone stile PDL, servirà  molta fatica e molte epurazioni se si vuole trasformare questa (dis)armata brancaleone in un gruppo prima compatto, poi coeso e infine granitico nel rappresentare le necessità  del Paese (e non le loro).

  21. Patrizia ha detto:

    E dire che pensavo di essere stata chiara… io a voto IDV. Ciò non toglie che alle primarie voterò Marino. Il fatto di prendere parte alle primarie non vuol dire non votare più per Di Pietro. Non capisco francamente il nesso…
    In ogni caso mi sembra di essere stata garbata nel mio discorso, ma dalle allusioni di qualcuno sembra che l’educazione viva in altri paesi.
    Purtroppo che si parli di destra o sinistra o altro é vero che abbiamo il paese che ci meritiamo.

  22. marco ha detto:

    per chi scrive e pensa :

    non votare = non cambia nulla.
    Votare = forse cambia qualcosa

    provate a far girare quell’unico e spaurito neurone che cerca
    di sopravvivere nel vostro cervelletto…..
    cosa cambia votare 3 nomi messi li da quelli che c’erano prima.???? ..ogni spiegazione é superflua !
    non sono bastati 20 anni di inciuci, accordi sottobanco, false promesse e chi ne ha piu ne metta per farvi aprire gli occhi?
    siete nati servi e morirete tali …..

    x il signor MARTINELLI :

    eri partito bene poi ti sei perso in un bichiere d’acqua …
    non lo dico io…..lo testimoniamo gli ormai pochi commenti ai tuoi post …

    senza

  23. JusPrimaeNoctis ha detto:

    Chissà  se saranno delle vere primarie o la solita farsa con vincitore annunciato e unico a comparire in TV prima del voto…

    Con quello che incassano tra compensi, stipendi, incarichi e aiutini vari, i due euro, poi, dovrebbero metterli loro a favore dei cittadini.

  24. POLDO ha detto:

    Cari amici del blog leggendo il post di Daniele ho riflettuto.

    Franceschini, Bersani o Marino?

    Ma la domanda giusta non é questa; se io cambio la targa ad una macchina cambia anche la macchina o questa rimane sempre la stessa?

    Questa é l’attuale situazione dei tre rappresentati, aspiranti capogruppo, nel partito democratico. Il loro ruolo nel contesto del PD é ridotto a quello di una targa mentre la macchina partitica del PD mostra tutta l’intenzione di non voler cambiare. Come é andata a finire con la Binetti?

    Il nome del segretario é il nuovo puntale dell’albero di natale ma quello che é nascosto tra le fronde non é dato sapere ne si parla di reale sfrondata o palese disinfestazione. Noi dimentichiamo o perdoniamo troppo in fretta, il che può essere accettato per alcune cose, ma arrivati in un determinato contesto che si lega al bene della collettivita errori simili non possono essere condonati.

    Per pura simpatia intellettuale potrei esprimere il mio consenso per l’On. Marino, ma ha poco senso se sin da ora ho ben chiaro che gli attori in scena non cambieranno e rimarrà  l’attuale stato di perenne confusione che avvolge l’opposizione ormai da anni.
    Una cernia in una vasca di phirana può essere spettacolare ma poco risolutiva.

    Del resto quando il comun denominatore politico viene a mancare per lasciare spazio ad interessi privati mascherati da interessi di partito, narcisismi e manie di protagonismo, collusioni e intrecci, rimane difficile pensare che ci sia un pieno appoggio da parte del “partito” a seguire le impronte del suo segretario eletto quando é nella consapevolezza delle correnti interne al partito stesso.

    Non si può creare l’oro mischiando stagno, piombo, bronzo, ecc. così come non e possibile creare un serio e solido partito se non c’é ne la reale intenzione.
    La litigiosità  e lo stato attuale di perenne scontro giova da una parte anche a quell’opposizione frammentata che vuole ad ogni occasione erigersi a guida verso l’uscita del tunnel.

    Ho sempre fatto il mio dovere esprimendo il mio diritto di voto ma ad oggi la politica ha un debito, un grande debito nei miei confronti. A prescindere da chi verrà  eletto da queste primarie giudicherò solo ad azioni svolte, alla parola faremo ormai non dò più peso per me conta solo é stato fatto.

    Amo fondamentalmente il mio Paese ma a me non serve una targa con un nuovo nome io voglio solo vedere di cosa é capace questa opposizione a prescindere da chi la guiderà . Nel momento in cui l’obbiettivo del suo operato manifesterà  il reale interesse per il cambiamento, in meglio, del Paese avrà  il mio pieno appoggio. Nel mentre rimane un manipolo di stipendiati ad uffo.

  25. Andrea ha detto:

    Marino avrebbe già  vinto se non fosse per il fatto che é stato quasi completamente oscurato dai mass-media

  26. freeman ha detto:

    le primarie del pd sono una buffonata, lo abbiamo visto 2 anni fa… cmq chi vuole regalare 2 euro al pd é libero di farlo, basta che lasci in pace chi giustamente non glieli vuole dare.

  27. cosimo ha detto:

    Non é il caso di turarti il naso, specie per Marino.
    Io vado a votare per il segretario del PD perché i numeri dell’affluenza saranno importanti e voglio fare un dispetto al centro destra.
    Sono convinto che Marino, essendo il meno invischiato nella politica ed avendo un buon mestiere alernativo, può permettersi di essere sincero e di lottare per le sue idee che condivido. Non ha mandati di cattura che lo inseguono e che potrebbero far pensare ad una discesa in campo per motivi personali. Ritengo che rappresenti una occasione storica. Forse avrà  grosse difficoltà  a cambiare quel partito come vorremmo, ma lui ci sta provando e noi abbiamo il dovere di aiutarlo in quest’opera gigantesca e quasi disaperata

  28. helena f. ha detto:

    Capisco tutte le ragioni di chi scrive che non voterà .
    Ma concordo con le ragioni di chi voterà  per Marino.
    Come scrive Patrizia:
    non votare = non cambia nulla.
    Votare = forse cambia qualcosa.

  29. blackout ha detto:

    ovviamente il “voto berlusconi” era puramente sarcastico
    mi tocca scriverlo perche a volte taluni non sanno capire la sottile ironia

  30. blackout ha detto:

    io alle primarie del PD voto berlusconi…

    ..
    ah no spe, berlusconi non si e’ presentato

    mafatemivilfavore–PD sono solo PAGLIACCI che s sono assentati in numero di 32 per la votazione dello scudo fiscale

    a CASA TUTTI marino bersani e amici

  31. Diego egreen ha detto:

    Grillo e Di Pietro ptrebbero non piacere, e non capisco a chi dato i concetti che esprimono, ma non votarli perché non sono abbastanza forti, mi fa pensare che siamo in un paese perso. E non normale che non sono forti, SE NON LI VOTATE ?!?!?!?! Provateci almeno. Anzi per me é meglio non votare piuttosto che darsi tanto da fare per correre a votarli con la scusa demente del meno peggio che ci frega da 20 anni. Molto meglio. Ma domani ci sarà  Grillo oltre Di Pietro. C’é da scegliere addirittura.

  32. Diego egreen ha detto:

    Anche io voto Marino, in modo che Di Pietro e Grillo, che voterò alle elezioni, potranno avere un alleato degno del rinnovamento di cui si straparla.

  33. Patrizia ha detto:

    Ragazzi scusate, ma qua é veramente importante dare un segnale non tanto pensare di cambiare qualcosa. Daniele ha ragione! Se l’IDV o Grillo potessero raggiungere un quantitativo sufficente di consensi per cambiare realmente la situazione italiana il problema non si porrebbe. Purtroppo non é così, quindi pur mantenendo inalterata la mia preferenza, andrò a votare solo per capire se nei mesi a seguire qualcosa cambierà .

    Non votare = non cambia nulla
    Votare = forse cambia qualcosa

    La logica é semplice, a votare non si perde comunque nulla se non 2 euro, e onestamente sono anche disposta a rischiare di averli buttati.

  34. Erre ha detto:

    Mi sa che nel post precedente ho scritto una cazzata, nel senso che stamane sono andato sul sondaggio del Corriere della sera (Marino sempre in testa con il 35.5 seguito da Bersani con il 33.7 e Franceschini con il 30.7) mentre questa sera sono andato sul sondaggio di Repubblica promosso da l’Espresso. La barba di Scalfari é salva. Devo aver fatto un po’ di confusione ma adesso riparo subito. Vado sul l’ Espresso e voto per Marino. Il senso del post precedente rimane comunque inalterato. Vale la pena di provarci e bisogna comunque riconoscere che il PD, a differenza di tutti gli altri partiti, si propone con uno strumento democratico formidabile: quello delle primarie. Il male delle tessere fasulle o gonfiate appartiene a tutti i partiti ma le primarie sono altra cosa. Questa opportunità  va assolutamente colta. Stando ai sondaggi Marino teoricamente potrebbe essere il nuovo segretario del PD. Un Pd molto diverso, immagino, rispetto a quello che abbiamo sin qui conosciuto. Basta guardare la composizione delle liste per comprendere dove si sono schierati gli apparati del partito. Una vittoria di Marino avrebbe un effetto dirompente sul modo di fare opposizione e sulle faccie che faranno opposizione. Senza contare il fatto che temi quali la laicità  dello Stato potrebbero finalmente ottenere lo spazio che meritano.

  35. Nicolas ha detto:

    Leggere tra le righe della politica italiana.. tra il detto e il non detto, tra il sussurrato e il solo accennato non é sempre facile soprattutto ai non addetti ai lavori. La politica a volte é una forma di comunicazione criptica che nasconde l’essenza delle cose che annuncia e che può essere colta solo da chi é avvezzo e svezzato al gergo politichese.
    Avete presente l’annuncio schok di Tremorti che annuncia alla stampa che il posto fisso é un valore che andrebbe difeso e promosso per permettere alle persone una condizione di vita più stabile e serena??
    I più sono trasecolati a sentire questo annuncio da parte del Ministro del Tesoro.. ma pochi si sono chiesti cosa c’é dietro. Pensare che realmente al di là  dell’annuncio Tremonti voglia fare qualcosa per porre fine al precariato é ingenuo se non sciocco. Quanto affermato dal Ministro acquista nuova luce e nuovo vigore se invece si guarda a cosa cosa invece nasconde l’incauto proclama. In realtà  Tremorti é a caccia di consensi.. lancia messaggi sperando di acquisire nuova popolarità  in un ottica ben precisa. Tremorti si sente il candidato migliore a succedere al nano di Arcore ormai in delirio e allora come un abile cacciatore tasta il terreno mentre contemporaneamente fiuta la preda. Il nano di Arecore si é scavato la fossa da solo e in un disperato tentativo di salvarsi cerca un colpa di coda (o di mano se preferite)che possa allontanare i nemici che si affollano al suo capezzale.
    Ma ancora non ha capito che é spacciato e che sarà  proprio uno dei suoi fedelissimi a tradirlo. Nel balletto dei possibili papabili a prendere il posto dell’Imperatore, ormai caduto in disgrazia, si inserisce di diritto Tremorti che allora decide di giocare la carta delle virtù segrete del posto fisso. Ma almeno in questo caso gli é andata male o quasi perché il nano di Arcore fiutato il pericolo si é affrettato a dichiarare che anche lui la pensa come Tremorti.
    In questa partita a scacchi non ci resta che aspettare per sapere chi darà  scacco al re.

  36. CHICCA ha detto:

    per tutti quelli che si astengono e che si credono snob poiché non esprimono il loro parere con un voto, replico che certamente l’italia non cambierà  da sola, solo perché si é dissidenti col pensiero.
    anche per me sarebbe bello se domattina ci svegliassimo con un nuovo governo che ha a cuore le sorti del popolo e non solo le sorti personali, ma se non ci mettiamo qualcosa di nostro o perlomeno non cerchiamo di cambiare lo stato attuale, nessuno tra quelli che siedono sugli scanni parlamentari, farà  fagotto per altruismo.
    mi spiace ricordarlo ma il PD é ancora l’unico partito che potrebbe, volendo, fare opposizione, per il numero degli elettori che riesce a raccogliere e tra i candidati Marino ha certamente il programma più vicino all’idea di governo che desideriamo ci rappresenti.
    poi si vedrà .. per ora come alternativa all’alternativa democratica abbiamo solo la piazza, ma siamo troppo pavidi e pigri per ribaltare il potere con un luglio francese

  37. Erre ha detto:

    Questa mattina sul sito de “La Repubblica online” appariva in bella vista un sondaggio dedicato ai tre pretendenti alla guida del PD con tanto di percentuali, numero di votanti e via dicendo.
    Era in vantaggio Marino e la cosa mi ha alquanto sorpreso considerata la stazza della corazzata che si portano dietro Franceschini e Bersani. MI sono detto: se questa é una simulazione di elezioni primarie va a finire che ne vedremo delle belle e devo dire che la cosa mi é parsa subito molto stimolante. Pensa cosa vorrebbe dire svegliarsi il lunedì con Marino segretario del maggiore partito d’opposizione. L’Italia non sarebbe più la stessa. Una cosa strepitosa, almeno dal mio punto di vista.
    Ora mi é capitato di ritornare su quel sondaggio per vedere come stavano andando le cose e mi sono subito accorto che il link di accesso non era più in evidenza come stamattina, che per arrivarci c’é un ulteriore passaggio e mancano i dati percentuali. Sono soltanto presenti quelli numerici che danno Marino in vantaggio su Bersani di ben 3840 voti. Mi sa tanto che a La Repubblica si sono spaventati un bel po’. Dicono che a Scalfari sia caduta la barba.

  38. Marco B. ha detto:

    Daniele,

    concordo con la tua analisi che Marino sia il meno SPUTTANATO dell’apparato politico(politburò)del P2DmenoL, ma la scelta di appartenere ad un partito del genere é di per sé una pregiudiziale a mio avviso. Concordo anche nel fatto che Marino sia il più rappresentativo di una idea di società  democratica e pluralista che rispetta il DIRITTO degli altri per cultura, mentalità  ed esperienza(personale e professionale)svolta all’ESTERO(fondamentale a mio giudizio per fare politica fuori dal campanile)e che dei 3 candidati sia il SOLO ad aver esercitato SERIAMENTE un/a LAVORO/PROFESSIONE e NON esser CAMPATO di POLITICA, pur sempre restando un medico(bravo e stimato nel mondo scientifico internazionale)che si presta alla politica.
    Se poi calcoliamo che per votare il P2DmenoL ha organizzato il SOLITO RAGGIRO(sedi di partito, attivisti e militanti, RIMBORSI ELETTORALI = 2 euro .. ma NON era 1 per “scegliere” Uolter il PERDENTE?)allora mi convinco unavolta di più che é TUTTA una TRUFFA organizzata, altro che LIBERE ELEZIONI. Concordo anche con chi ha scritto che nella LIBERTA’ di scegliere c’é anche quella di NON andare a VOTARE nessuno dei tre e che la cosa vale ANCHE per i militanti, attivisti, simpatizzanti o chi é politicamente orientato verso un centrosinistra “moderato e progressista”(qualunque cosa questa definizione giornalistica voglia significare).
    IO fossi in TE(data la situazione di crisi economica in cui viviamo)i 2 eurini li terrei in tasca per fare cose più UTILE un domani x TE o per i bloggers che ti SEGUONO .. volesse mai il destino un futuro diverso per questo ridicolo paese di mezz’uomini, ominicchi, pigliankulo e quaqquaraquà !

  39. marco ha detto:

    Bravo, complimenti …. predichi bene e razzoli male … alle primarie del pd meriterebbero un quorum del 2% ….ma tanto poi si sa che riuscirebbero a bluffare anche su quello ….PRIMARIE DEL PD ??? carta straccia . PARTITO DI OPPOSIZIONE? lo vedi solo tu …..

    BASTA CON QUESTO SISTEMA DEI PARTITI !!

  40. freeman ha detto:

    le primarie del pd? no grazie, devo pensare a cose serie…

  41. serpico ha detto:

    Dubito che Marino vincerà , ma votarlo può sempre servire per togliere credibilità  agli altri sue pagliacci e le loro correnti del c…o

  42. giuseppe f ha detto:

    @Umberto

    Pensa che ci abbasseranno le tasse con un misero 5% raccolto dal mafioscudo fiscale….

    ma se quesi soldi li avessero tassati del 50% come accade nel resto del mondo allora le tasse non ce le avrebbero fatte pagare.

    L’ennesima CAGATA CHE ESCE DALLA BOCCA DELLE FACCE DA CULO!

  43. giuseppe f ha detto:

    Caro Daniele io invece NON darò un centesimo al PIDIMELOELLE…..
    mi sono rotto definitivamente i collioni (scritto volutamente così) di dare soldi a questa gentaglia….

    magari Marino é diverso….boh….però ormai li ritengo quasi tutti uguali, esseri inutili e dannosi per il nostro progresso, per la nostra libertà , per la nostra economia

  44. Marco Bessone ha detto:

    Ma senti… ma anche basta…
    Tutte le volte la solita solfa. A destra e a sinistra alla fine siamo i soliti babbioni.
    Marino?? Ma sei sicuro che ti rappresenti?? O forse fai finta che sia così.
    Io non voterò.

  45. Roberto G. ha detto:

    Il PD si differenzia dal PDL perché i suoi leader parlano molto meglio dei loro colleghi e spesso dicono cose assai condivisibili. Peccato che poi quando governano fanno le stesse cose.

    La politica italiana é un grosso teatrino, un gioco tra le parti buono per gli illusi. E’ necessariamente così dato che la nostra classe politica non é autonoma ma deve rispondere ai desiderata dei padroni dell’impero dei quali noi siamo una misera colonia dal ’43. Per quel che mi riguarda sono stufo di essere preso in giro da questi pagliacci e se voglio assistere ad un bello spettacolo me ne vado a vedere il grande Giorgio Albertazzi, altro che questi burattini.

    Penso che le primarie siano soltanto uno spettacolo organizzato per fare un po’ di pubblicità  a questo partito di minchioni che cercano di scimmiottare quella che dopo la caduta dell’URSS é diventata la loro nuova terra promessa, cioé gli USA. Ovvero il centro fetido di quella fogna che si chiama Occidente. Il luogo dove la presa in giro “democratica” raggiunge i suoi massimi livelli, con 300 milioni e passa di abitanti e due soli partiti del tutto simili e asserviti alle medesime lobby. E’ più o meno quello che il PD ha cercato e continua a cercare di introdurre anche da noi.

    No grazie con questa gente non ho nulla a che spartire, anzi andando avanti così penso che non andrò più a votare manco alle politiche.

    P.S. del PD non mi frega nulla ma se dovessi scegliere opterei per Franceschini e per un motivo essenzialmente pratico. E’ quello dei tre che ha la risposta più pronta quando deve giostrare nelle varie tribune politiche. In un ambiente come il nostro dove tutto si basa sull’apparenza e sulla dialettica non é una dote da poco (lo dico per loro eh).
    Ciao.

  46. MIchele ha detto:

    Io non voterò nessuno dei 3, perché nessuno dei 3 si é degnato di essere presente alla votazione contro lo scudo fiscale. E io non mi turo il naso davanti a questi comportamenti che sicuramente si ripeteranno. E perché votare per un partito che non ha ancora espulso Latorre per quel famoso “pizzino” dato a Bocchino? Se non vengono eliminate le mele marce (come dice Di Pietro) niente cambierà . E non ho sentito dire da Marino che le mele marce verranno eliminate. Cambiare le persone, questo é innovare un partito, non fare campagna elettorale su questa o quella idea. PERSONE ONESTE, GRAZIE! Le idee escono dopo, ma se la persona é onesta qualche soluzione si trova.

  47. Matteo ha detto:

    Caro Daniele,
    scusa ma con questo post mi sei caduto un po’ in basso……. non tanto per il tuo pensiero a proposito di tal Marino….. piuttosto perche non hai capito che queste primarie sono una truffa per rastrellare MILIONI di euro agli “ingenui” che pagheranno l’obolo per mettere un croce su un foglio.
    Questa non é uan elezione, ma semplicemente una raccolta fondi mascherata da elezione. Almeno negli USA dove le raccolte fondi ai partiti si fanno da sempre hanno il buongusto di chiamarle tali.
    Non posso credere che andrai a sovvenzionare una tale operazione che si aggiunge ai vari finanziamenti ai partiti, rimborsi elettorali e stipendi/pensioni d’oro.

    Spero che vorrai soffermati un attimo ad analizzare questo aspetto

  48. Patrizia ha detto:

    Approvo la scelta e lo stile di Daniele. Qua non si tratta di dare una preferenza sperando che le cose cambino dall’oggi al domani. E’ necessario invece dare un segnale su come vorremo che le cose andassero. Poco importa se Marino rappresenta in toto quello che sono le mie idee o se realmente mi piaccia. Importa invece che cosa potrebbe significare una simile scelta nell’ottica degli assetti politici. E oggi come oggi basta per muoversi.
    Non approvo (opinione personale ovviamente) chi ora vede la scelta di non votare come una soluzione, alle volte anche una scelta non proprio corretta può comunque mettere in moto degli eventi che potrebbero comunque significare molto per il bene di tutti noi.

  49. sil lan ha detto:

    “Primarie Pd, io voterò Ignazio Marino”

    Anch’io.
    Per tutti i motivi che hai esposto, e qualcuno in più.

  50. Angela ha detto:

    Caro Daniele,
    ognuno ha il diritto di dire ciò che vuole sul suo blog, ci mancherebbe! Ivi compreso, una dichiarazione di preferenza politica; ben vengano, per carità .
    Ma confesso che, pur seguendoti da un po’, giudico il povero Marino niente più che una trappola per le allodole, quelle che ci cascano sempre perché credulone del fatto che all’interno di sistemi così putrefatti possa cambiare qualcosa. E tu, scusami tanto, nn mi sembravi proprio di questa categoria naive…
    Marino, sicuramente di tutt’altro livello dagli altri candidati stantii e vecchi dentro fin nelle radici, secondo molti non é neppure del Pd. E non é di certo una mera battuta, perché l’affermazione ha in nuce della verità .
    Quindi, dove é sparito tutto il tuo acume? Come si fa a perderlo tutto d’un colpo?
    Hai proprio voglia di finanziare le primarie dalemiane con 2 euro?
    Tutta questa messa in scena fintamente democratica del Pd mi ricorda molto una cena tra amici poco prima le primarie nelle quali trionfò il Veltroni americano, ora dedicato ad altro… ed emergente scrittore di libri da cestinare.
    In quell’occasione i commensali, tutti pro Pd naturalmente non già  per convinzione ideologica ma per vantaggi accademici o privilegi soliti, mi dissero: “Ma se non ti piace Veltroni, vota la Bindi! Quella sì che é più vicino alle tue idee!”
    Ed io: “Ma credete, forse, che stia al vostro giochino poverino nel quale si finge di non sapere a priori chi già  é stato deciso da D’Alema, il vero deus ex machina del successo berlusconiano?”

  51. lula ha detto:

    sono giorni che ci penso e anche io ho deciso di votare alle primarie per ignazio marino…non ho mai votato a delle primarie ma credo che sia una questione che vada aldilà  delle ideologie politiche, mi spiego…se a votare fossero solo gli iscritti al partito é chiaro che la logica predominante sarebbe la vittoria tra una corrente e l’altra, d’alemiani contro veltroniani che in sintesi si ridurrebbe ad un NULLA é CAMBIATO, sempre la stessa solfa degli ultimi 20 anni, sempre le stesse logiche di partito che fino ad ora hanno assicurato l’esistenza e la sopravvivenza politica di berlusconi…marino é una persona per bene aldifuori di questi schemi o almeno così si presenta, con un’idea e non un’ideologia standard di partito democratico, di stato laico di ciò che é giusto e di ciò che non lo é…forse rimarremo delusi, forse no ma che bello se per una volta questo pd diventasse davvero democratico e capisse chiaramente e platealmente (se le sconfitte e l’emorragia di voti non fossero bastate, come non lo sono visti i discorsi che fanno) che il pd sopravvive se la base lo vuole e nel modo in cui la sua base sceglie, e non con i soliti giochetti tra loro staccandosi totalmente dal paese e dalle sue realtà  com’é stato finora!!!Quindi ho deciso.

  52. Mattia ha detto:

    Anche Franceschini ha detto che il centrosinistra é colpevole dell’anomalia del duopolio tv controllato da Berlusconi.

    Puntualizzato questo, sono d’accordo con te.

  53. umberto ha detto:

    Sullo scudo fiscale che agevola gli evasori fiscali Scajola risponde che il denaro raccolto dallo Stato col provvedimento verrà  utilizzato per abbassare la pressione fiscale. Wow…devo ringraziare gli evasori se lo Stato mi abbassa le tesse. Fantastico.

  54. Elia Tamburella ha detto:

    quasi quasi ci faccio un salto pure io; mi riconosco in ciò che dice Marino

  55. Erre ha detto:

    Caro Daniele, se hai deciso di votare per Marino hai fatto bene a dirlo. La tua intenzione di voto, che qui da noi appare così inusuale, é una cosa normalissima per paesi come l’UK e gli USA.
    Da quelle parti sono altre le cose che danno scandalo, lo sa benissimo Gordon Brown che per un rimborso gonfiato di 12 mila sterline (che ha prontamente restituito) rischia di perdere la faccia e il posto. Nessuno sconto da parte dei giornali “filo-laburisti”, quelli che durante la campagna elettorale si erano espressi in suo favore. Solo sberle.
    Penso che questo modo di procedere vada a vantaggio della trasparenza e del rapporto di correttezza tra giornalista e lettore. Volendo entrare nel merito della tua decisione ti dirò che secondo me Marino, tra i tre pretendenti, rappresenta la scelta migliore.

  56. Venom ha detto:

    (avevo dimenticato il link)
    OT. da una riflessione statistico-matematica e facendo due banali conti ho scoperto una cosa molto curiosa…

    http://truffesottolestelle.blogspot.com/2009/10/leletto-dal-popolo.html

  57. Venom ha detto:

    anche io… dei tre candidati mi sembra quello meno politicante, sicuramente più concreto e senza scheletri nell’armadio. Anche Bersani lo ritengo una persona seria e competente in materia economica, ma l’inquietante figura di D’Alema dietro di lui mi lascia molti dubbi sul futuro…

    PS. da una riflessione statistico-matematica e facendo due banali conti ho scoperto una cosa molto curiosa…

  58. CHICCA ha detto:

    caro luigi (come vedi il blog ci permette di dialogare tra noi perdendo l’ufficialità  del luogo di informazione statico e perentorio)anche quando Daniele ci informa delle sue vacanze o dei suoi hobby contravverrebbe, secondo te, ai dettami del sito informativo settico.
    Il personale é politico tanto quanto la politica si occupa del personale, per questo il pensiero del detentore del blog interessa tutti i suoi lettori.
    Io voglio conoscere le persone con cui mi soffermo a dialogare, non parlerei mai con un coperchio (di cui conosco la funzionalità ) l’interscambio é conoscenza, la conoscenza é vita
    P.S. anche io voterò Marino poiché il suo pensiero laico scientifico é il più affine al mio

  59. vincenzo ha detto:

    anch’io voterò marino perché é il più radicale dei tre, mi domando spesso che ci faccia nel Pd ma questo é un altro discorso. Un saluto a te e ai tuoi lettori.
    vince

  60. Luigi ha detto:

    Ci mancherebbe. Ognuno ha il diritto di votare chi vuole.
    Ma perché dirci chi voterai per le primarie del PD?
    Tu desidereresti che vincesse Marino, ok.
    Scrivilo pure sul tuo diario ma che rimanga lì, per favore.
    Tu hai fatto un blog di informazione, non un blog intimo.
    Invece che scrivermi perché tu vai a votare Marino scrivimi perché non votare Marino, né Bersani, né Franceschini.
    Ma tu non lo scrivi, e ti posso capire. La realtà  di oggi é tale che non abbiamo nemmeno il coraggio di raccontarla a noi stessi. Non abbiamo il coraggio di ammettere che per quanti blog si possano fare non cambia un’emerita acca, anzi la situazione non fa che peggiorare.
    Ci dicono: hai un sacco di scelta! c’é la cacca, c’é il vomito e c’é il fango!
    E noi: il fango grazie, é meglio della cacca e del vomito.
    Ricordo che l’unica libertà  é la libertà  di non scegliere.
    Non facciamoci ingabbiare.
    Un caloroso saluto.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.