Italia discarica della camorra

monnezza.jpg

La camorra ha vinto!
I problemi della Campania se li sobbarca l’Italia perché le regole si rispettano dappertutto tranne che in Campania.
Delle 20 regioni italiane soltanto 19 si sobbarcano il pattume, la Campania caca in bocca alle altre.
L’immondizia diva scende dal palco mediatico, parte di essa se ne va in vacanza in Sardegna con la nave per la felicità  del camorrista Antonio Bassolino, commissario speciale incaricato di incassare per l’inutile titolo, l’utile cifra di circa 6mila euro di stipendio in più alla sua già  lauta busta paga che si aggira attorno ai 15mila euro, per non fare nient’altro se non il connivente con la camorra!
Giovanni De Gennaro non lo infastidisce perché nulla sottrae alle sue finanze, De Gennaro é il secondo gallo nel pollaio degli stipendiati con la stessa carica nominato da Prodi nella stessa regione.
E la vice bassolina Sandra Lonardo in Mastella? Cosa ci sta a fare sulla seconda poltrona della Campania a parte la mantenuta di lusso?
Chi la traghetta da Napoli a Ceppaloni? Il flglio Pellegrino in Porsche Cayenne che costa 4mila euro al mese fra benzina e manutenzione messi in conto a noi cittadini? (Rimando in merito al post del 5 novembre 2007).
E i consiglieri regionali? E gli assessori? E gli ambientalisti? E i parlamentari campani? E le inutili province? E il governo?
Tutti imboscati a fregarsi le mani perché ieri che era il giorno 10, il loro conto in banca si sarà  rimpinguato alla faccia dei campani malati di tumore e di quelli che respirano i profumi degli inceneritori.
Stipendi che paghiamo noi in aggiunta alle già  salate tasse sullo smaltimento rifiuti, poiché il rifiuto della Campania alla legalità  é ancora una volta finito nella discarica della camorra.
L’Italia!

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

7 Commenti a “Italia discarica della camorra”

  1. agos ha detto:

    @ Mone:
    Caro Mone, la raccolta differenziata la decidono le istituzioni (colluse con la camorra) e non i cittadini. Si da il caso che lo stato di “emergenza rifiuti” sia voluto non solo dalla camorra e dalle imprese campane camorriste-colluse con il potere politico locale, ma in buona parte anche da imprese del nord (IMPREGILO) che dalla mancata attuazione della raccolta differenziata e quindi maggior produzione di CDR-ecoballe, ci guadagnano miliardi… Quindi per favore, non sparare cazzate e offese gratuite sui cittadini campani che purtroppo poco possono fare in questo mare di merda di politica, camorra e imprenditori (sia del sud che del nord)!

  2. Mone ha detto:

    Premesso che la raccolta differenziata non é manna dal cielo, ma bisognerebbe riutilizzare e diminuire la produzione di rifiuti.
    Di seguito vi segnalo le percentuali della raccolta differenziata di alcune regioni:
    PIEMONTE 40%
    VENETO 48%
    LOMBARDIA 42,7%
    EMILIA-ROMAGNA 56%
    LAZIO 10%
    PUGLIA 8%.
    SICILIA 5%
    CAMPANIA Il dato certo é che in Campania attualmente la Raccolta Differenziata si attesta sul percentuali molto basse (Rapporto Osservatorio Nazionale dei rifiuti 2001 intorno al 2%) LEGAMBIENTE

    PS: i dati li ho presi dal sito Reuters.it, tranne quello della Campania, che non si trova agevolmente (forse perché i rifiuti li buttano per strada davanti alle scuole…)

    Non era sicuramente necessario parlare di rifiuti per dire che i TERRONI sono ,in buona percentuale, GENTE DI MERDA!! E abbiate il pudore (terroni campani) di non dire che la colpa é della camorra. Come si fa ad avere il 2% di raccolta differenziata se non per il fatto che siete GENTE DI MERDA che non ha manco voglia di differenziare carta vetro e plastica prima di gettarli via.

    PS Il Piemonte ha le due province con percentuale di raccolta differenziata più alta (66%) ma nel suo complesso arriva solo al 40%…Avete idea di quanti TERRONI ci siano a Torino?

  3. Mikib82 ha detto:

    Bravi, tante belle parole peccato che la vera ingliustizie sia un’altra! a pagsre per il malcostume itliano e per le bravate delle regioni del nord che si danno la mano con bassolino e la camorra, siamo sempre noi sardi, che per statuto non possiamo importare nessun tipo di rifiuto che non sia prodotto in sardgna (data la nostra condizione di isola! e quindi di haboyay protetto!). sono proprio stanco dell’italia, non fate altro che spingerci verso un baratro sempre più profondo (non ce l’ho con gli italiani ma con i vostri rappresentanti al governo!). ma quand’é che vi dimenticherete di noi? per favore, abbandonateci!
    Sardinia Libera!

  4. alieno ha detto:

    Tutto giusto,ma mi chiedo quelli che protestano davanti alle discariche,che fanno i posti di blocco,che assaltano tutti che isolano paesi,perché non vogliono a munnezza,perché non lo hanno fatto con le discariche abusive della camorra?Perché non assaltano le abitazioni dei boss della camorra che si arricchiscono con l’immondizia e avvelenano la gente?

  5. pippo caruso ha detto:

    sono certo che il pensiero di martinelli non sia contro i poveri cittadini campani ma contro le istituzioni campane!
    viva la campania

  6. Marco ha detto:

    Ahi ahi.
    Proprio anche grazie a Saviano dovresti sapere che é l’inverso: sono oltre 20 anni che é l’Italia che “caca in bocca” alla Campania. E non rifiuti urbani, bensì rifiuti TOSSICI industriali che le imprese del nord hanno smaltito tramite la camorra sotterrandoli nelle fertili terre del casertano e del napoletano, avvelenando loro e i campani che hanno tassi di tumori e linfomi pazzeschi, e diossine nel sangue. La più fertile regione d’Italia é stata massacrata e saturata.
    Attenzione a non cadere nella disinformazione lanciandosi in filippiche che fanno solo il gioco di chi il caos ha tutto l’interesse a mantenerlo per continuare a lucrarvi, in attesa del fervido business inceneritori con cui dare il colpo di grazia ad una terra martoriata.

  7. Marco B. ha detto:

    BASSULINE:MONNEZZA=CASTA:ITALIA

    basta questa semplice equazione per dirla tutta! E IO PAGOOOO!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.