Euro, Prodi e il mancato “Mea culpa”

«Il problema è la mancanza di una vera autorità europea. La Grecia è entrata nell’euro perché ha potuto ingannare vergognosamente sui dati reali della propria economia grazie al fatto che Francia, Germania e Italia avevano rifiutato il doveroso controllo europeo sui bilanci, magari affidato alla Corte dei conti. Se ci fosse stata una forte autorità federale, probabilmente Atene non sarebbe mai entrata nell’unione monetaria, o sarebbe entrata ad altre condizioni. Invece noi non abbiamo voluto un’autorità federale. Abbiamo delegato ogni potere ai leader nazionali, che sono ostaggi dei loro problemi di politica interna».Romano Prodi, premier e “padre” dell’ingresso italiano nell’euro all’epoca dei numeri imbrogliati (che riguardano anche l’Italia per i parametri di Maastricht).

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.