Non me la sento di commentare questo titolo. Tantomeno la meschina bassezza del direttore di questo giornaletto. Esprimo soltanto le condoglianze alle famiglie delle vittime perite sulla nave di pacifisti attaccata da Israele a largo di Gaza.

Sostieni l’informazione libera





17 pensiero su “Il giornale dell’amore”
  1. Quando finirà  questo maledetto presente terremo conto di tutta questa feccia vile e schifosa che ha portato alla miseria morale questo paese. Ce li ricorderemo tutti. Uno per uno.

  2. …beh, del resto, per ricordarsi cos’é, se lo son dovuto scrivere in testata (Il Giornale, appunto). Rischiavano di pulircisi il cu…: “dieci piani di cazzate”! Montanelli, dove sei?

  3. Classico titolo di un giornale di merda diretto da un individuo di bassa morale e visione piuttosto limitata del mondo oltre che pennivendolo raccomandato.
    Feltri sta al giornalismo come Rocco Siffredi alla castità .
     
    Da un lato sono contento che la gente si rende conto di che schifo di uomo é Feltri, un essere abietto che si nutre di carogne. Del resto la sua fama di sparacazzate e di giornalismo da leccaculo ben si sposa con la famiglia che da anni lo appoggia, quella Berlusconi.
     
    Oltre allo schifo nostrano rimango sempre sorpreso quando l’ONU trattandosi di Istraele, sentenzia buffetti invece che schiaffi. Ovviamente l’Italia di Berlusconi si é defilata da dare giudizi in sede ONU, mentre Frattini continuava a recitare la parte del buon samaritano.
     
    Che Berlusconi abbia il cervello bruciato questo era noto, ormai i suoi neuroni sono a prova di Acutil, sarà  colpa della polvere.

  4. che vergogna questo “giornale”
    che vergogna il NO dell’italietta

    ma la VERGOGNA più grande é israele…

    il giorno della memoria????
    io me lo dimenticherò…..lo giuro!

  5. Il “Giornale” é il blog personale di Littorio Feltri
    Straquoto!
    PS:
    Ho caricato su yt il video della telefonata arrogante di Berlusconi a Ballaro.
    La sequenza dell video-montaggio é questa :
    1) (Febbraio 2004) Berlusconi dichiara: “Se lo Stato mi chiede il cinquanta e passa per cento, sento che é una richiesta scorretta e mi sento moralmente autorizzato ad evadere per quanto posso questa richiesta dello stato”.
    2) (Aprile 2006), Prodi ricorda le ambigue dichiarazioni di Berlusconi sul discorso evasione
    3) (Regionali 2010), Berlusconi: “Non ho mai detto che l’evasione fosse moralmente accettabile”
    4) (1Giugno2010), Berlusconi chiama in diretta a Ballarò e dopo aver insultato Pagnoncelli e Giannini riattacca senza ascoltare le repliche
    5) (1Giugno2010), Floris legge alcuni lanci di agenzia che lo smentiscono
     
    VIDEO:  http://www.youtube.com/watch?v=P4YqomxXcdA
     
     

  6. OT.
    Ridicola intrusione telefonica di B. a Ballarò dopo che Giannini, vicedirettore di Repubblica aveva detto che in passato B. aveva dichiarato di “tollerare” l’evasione fiscale. Come al solito, smentendo se stesso, il premier ha offeso il giornalista dandogli del bugiardo.
    Giannini ha ribadito che ci sono dichiarazioni in tal senso (che io ricordo perfettamente) e oggi a Rainews24 hanno fatto vedere un video dove B. dichiara che si sente moralmente autorizzato ad evadere.
    Figura di m… come la solito:  verba volant… video manet…
    P.S.  Prima o poi… le pagherai tutte… orribile, orrendo essere.

  7. Neanche un giornale estremista israeliano avrebbe scritto una cosa del genere.
    Feltri é un essere abominevole, dovrebbe essere radiato dall’ordine dei giornalisti. 

  8. Il “Giornale” é il blog personale di Littorio Feltri ( pluridiffamatore accertato in sede giudiziaria nonché allontanato dall’ordine dei giornalisti ).
    La cosa tragicomica é che sia uno dei pochi “blog” ad essere finanziato da contributi pubblici, soldi nostri.

  9. Il titolo del giornale é cinico ma coerente.
     
    Se si pensa che l’entità  sionista abbia avuto il diritto, per creare se stessa, di uccidere o espellere milioni di persone dal proprio luogo di origine e di tenerne segregate un milione e mezzo in condizioni disumane da cinque anni allora é anche giusto sostenere che abbia tutte le ragioni di mantenere questa condizione con la forza delle armi.

  10. Quando si fà  un titolo del genere non conta neppure sapere da che parte sia la ragione, godere per la morte di dieci persone é il punto più basso che costui poteva toccare.

Lascia un commento