Elezioni regionali, firme false in vista

Le elezioni regionali si avvicinano. Per partiti, partitini e candidati é il momento di agire. La campagna elettorale é già  in corso. Il 28 e il 29 marzo dalle urne usciranno le nuove giunte di 15 regioni italiane. Ognuna delle quali, nonostante le direttive di massima a livello nazionale, hanno le loro norme per permettere ai candidati di poter correre alle elezioni.

La regola che vale per tutti é il termine per la presentazione delle liste: un mese prima delle elezioni. Che nel caso di questa tornata elettorale é il 28 febbraio 2010. In marzo, quindi, la legge vieta cambi di candidati, alleanze ribaltate o salti di quaglia, nonostante il governo berlusconi abbia derubricato quello che era reato di falso ideologico con una semplice ammenda. Non a caso il Pdl é una coalizione di veline velone e puttanieri.

Inoltre quasi sempre i partiti rappresentati nei consigli regionali non hanno bisogno di raccogliere le firme. La fatica vale solo per gli esordienti. Il movimento 5 stelle ne é un esempio. Ma non basta. Per essere regolare, la firma deve essere apposta su fogli vidimati alla presenza di un autenticatore. Dettagli che considerarli tralasciati per molti partiti al potere é dir poco. La vicenda Laziogate é solo un esempio che rappresenta una faccia del dramma delle firme false. L’inchiesta che vede coinvolto in prima persona l’ex governatore del Lazio Storace é ancora in corso, ma forse andrà  in prescrizione.

I radicali nel 2000 presentarono denunce in 83 procure di tutta Italia in cui provavano illegalità  e brogli nella raccolta firme. Fra archiviazioni e rinvii a giudizio in massa non é mai arrivata una sentenza. Buona notizia per chi vorrà  approfittare anche in questa tornata elettorale. Fra processi brevi e prescrizioni lampo é una pacchia di impunità . Quasi garantita. Da metterci firma.


Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

2 Commenti a “Elezioni regionali, firme false in vista”

  1. Luck ha detto:

    http://www.youtube.com/watch?v=mMA4xiPcNoc

    La canzone sulle firme false e sul decreto legge, lo scandalo italiano di queste ore

  2. Venom ha detto:

    mi sà  caro Daniele che a volte dimentichi che siamo in Italia, regno della truffa e dell’illegalità … io ormai non mi stupisco più, e questo é grave, anche uno come me sempre attento e incazzato verso certi usi e costumi nostrani mi sono pian piano assuefatto all’irregolare condonato o prescitto!!!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.