Lewis, il campione che rimpiange i social

«Se ai miei tempi ci fossero stati Facebook e Twitter avrei mandato al mondo i miei messaggi, invece di essere schiavo dei giornalisti». Carl Lewis “il figlio del vento”, ex asso dei 100 metri e del salto in lungo in questi giorni a Roma per un un’iniziativa benefica.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.