«A Isernia avevo vinto. 31 dicembre 2007, nel teatro di via della Ferratella si aprono le buste. Al telefono il funzionario Bentivoglio. Salgo al piano, mi dice: “Hai fatto un progetto bellissimo, l’appalto è tuo”. Torno in teatro, l’atmosfera è già cambiata. Commissari che si chiamano da parte. Il presidente del concorso dichiara il vincitore: un’associazione di imprese guidata dalla molisana Rocco Lupo. Cerco Bentivoglio, è pallido. Riesce a dirmi: “Bertolaso ha chiamato Balducci, Di Pietro ha imposto Lupo, mi dispiace”». Vito Piscicelli, imputato di corruzione nel processo sugli appalti del G8 del sistema Anemone-Balducci.

Un pensiero su “La cricca: “Di Pietro ha imposto Lupo””

Lascia un commento