«Ho un conto storico con mia madre all´Unicredit, dai tempi in cui vivevo ad Anagni. Un secondo, sempre con Unicredit, all´Eur, su cui ho appoggiato 200.000 euro di mutuo per una casa che ho comprato in Ciociaria. Un conto Deutsche Bank in piazza Venezia, uno Mps in via del Corso, 4 in Spagna, a Tenerife, isole Canarie, di cui 2 a mio nome, su cui ho accreditato il mio stipendio, e altri 2 ereditati da mio padre insieme a 2 ville e un terreno con progetto approvato di edificazione per altre 3 case. Ho poi un conto presso la Banca Popolare del Lazio, su cui è addebitato un mutuo di 500.000 euro con cui ho acquistato la villa al Circeo». Franco Fiorito (Pdl Lazio) ai pm di Roma che indagano sulla dilapidazione dei milioni di fondi pubblici destinati al partito.

Un pensiero su “I conti di Fiorito”

Lascia un commento