I Paesi deboli hanno le loro colpe, e non possono pretendere che i tedeschi garantiscano debiti che non hanno contratto, ma non si è visto nemmeno nella letteratura fantasy che un povero prestasse i soldi a un ricco e questo pretendesse pure di essere pagato. L’usura alla rovescia.” Ferruccio De Bortoli nel suo editoriale sul Corriere del 3 giugno 2012, in cui auspica la fine dell’euro.

Un pensiero su “De Bortoli tifa per la lira”

Lascia un commento