Bebè, niente calcio alle regole

Stadio di Bergamo, domenica di Atalanta-Parma, all’ingresso si presentano mamma, zia e bimbo di 6 mesi. Gli stewart chiedono i biglietti, le donne esibiscono i loro 2, ma i controllori ne chiedono 3 in quanto anche per il bebè ci vuole il tagliando d’ingresso al modico prezzo di 13 euro. Lo prevede il regolamento dell’Atalanta per “questioni di sicurezza e di esatto conteggio del numero delle persone all’interno dello stadio“. Alle 2 donne non è rimasto altro che il dietrofront alla cassa per regolarizzare il pargolo. Per il quale è stato necessario esibire pure il documento di riconoscimento. In questo caso, meno male, è bastato il tesserino sanitario…

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Un Commento a “Bebè, niente calcio alle regole”

  1. […] Il blog di Daniele Martinelli Pubblicato: 13 marzo 2012 Autore: aggregatore Sezione: Politica e Attualità […]

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.