Enrico Cuccia era l’uomo più potente d’Italia, e certo non amava il sistema politico del tempo. Eppure Mani Pulite si poteva chiudere in 2 mesi: noi socialisti avevamo Palazzo Chigi, la Giustizia, la Difesa, vale a dire i servizi e i carabinieri. Dovevamo fare subito il decreto per depenalizzate il finanziamento illecito. Invece ci dividemmo: Martelli tentò di fregare me e Bettino, Amato badò a salvare la ghirba. Con un cane da guardia come Brunetta, Berlusconi non finirà così.” Gianni De Michelis, ex ministro del Lavoro pluricondannato, soprannominato da Enzo Biagi “fondo di balera“.

Un pensiero su ““Amarcord” Tangentopoli”

Lascia un commento