Firme isteriche da massoneria deviata

La massoneria deviata sta facendo quel che può per salvare la baracca berlusconiana. Il plotone mediatico dei Feltri, dei Belpietro deI Secoli decimi noni, dei giornali di Ciarrapico e dei “Tempo” ha un suo complice nel solito Corriere, che ama mantenere la nomea di organo bilanciato con la collusione di editorialisti da prima pagina usi ad amnesie, bugie, letti da un numero imprecisato di elettori che pendono dalle loro penne in quanto smemorati. Ci sarebbero decine di esempi da fare, oggi ne faccio bastare qualcuno: Pigi Battista il 10 giugno scriveva che “Fini e le sue truppe troppo esigue provocherebbero un’audissoluzione in caso di estreme conseguenze“. Il pensatore era sicuro: “La ricucitura di Fini sarà  lo sbiadirsi di ogni scenario di rottura… “. Passato un mese con Fini che ha mandato all’aria il governuncolo dei piduisti per colpa della legalità , eccolo il 30 luglio tornare sui suoi passi ribaltando la frittata: “Berlusconi e Fini non si sono mai amati. Mai. Diversi, diversissimi per stile di vita. L’uno longilineo, l’altro non propriamente slanciato, fisicamente agli antipodi. L’imprenditore di successo contro il «politico di professione…»“. Un anatema degno del peggior Alberoni, che proprio oggi ha deciso di unirsi al coro stonato dei pensatori nella sua rubrica “Pubbico & privato“. Come Battista il vecchio pensatore preoccupato da Internet che offre droghe ai giovaniL’Italia non é mai stata governata dal partito comunista per colpa della guerra fredda fra USA e URSS“. Non per azione eversiva della Loggia P2 cha ha seminato morti e stragi con la complicità  di pezzi delle istituzioni. Alberoni poteva ricordarlo proprio oggi, nel trentennale della strage di Bologna senza nemmeno un uomo di governo. Invece no, Alberoni preferisce scrivere che dalla caduta del muro di Berlino “l’Italia é sempre stata governata da una coalizione di centro destra senza partiti moderati di sinistra con un PCI rinnovato perché i vecchi partiti di governo sono stati cancellati dalla vita politica per via giudiziaria. Dopo Tangentopoli la sinistra stava per andare al potere quasi da sola quando, nel centrodestra si é costituito un movimento collettivo, Forza Italia, che la sinistra non ha mai accettato come interlocutore legittimo ma ha sempre sperato che svanisse per interna inconsistenza o a causa degli errori o delle inefficienze personali del suo leader.” Alberoni spera che chi legge sia distratto, oppure che sia un idiota come chi gli crede. Se Forza Italia fosse stato un movimento collettivo non avrebbe avuto problemi di inefficienze personali del suo leader, perché un movimento collettivo appartiene alla collettività , non al leader. Quale legittimo interlocutore é mai stato Forza Italia se in questi anni non ha mai fatto altro che “andare avanti sempre e comunque, anche senza l’opposizione“? Quale interlocutore é stata la cosiddetta sinistra se durante i suoi brevi governi degli ultimi 14 anni non ha fatto altro che impolpare schifose leggi ad personam per il leader della cosiddetta destra e per i suoi presunti capimafia? Sulla prima del Corsera non é dato a sapere. Anzi, ci pensa pure Piero Ostellino a fare il paio ad Alberoni, secondo il quale “l’esclusione di Fini dal Pdl sembra eccitare la società  civile fra berlusconiani e antiberlusconiani, che é la sindrome dell’isteria collettiva di cui soffre il Paese.”
Già , a forza di rimbambire gli italiani con queste idiozie da pensatori servili alla massoneria deviata, l’isteria é il segno più evidente della mal sopportazione che gli italiani hanno di questo sistema marcio e fallito. Anche in alcune branche della magistratura. Bologna, oggi, insegna.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

3 Commenti a “Firme isteriche da massoneria deviata”

  1. luca ha detto:

    questo pigi é propio un venduto, un corrotto.
    mi ricordo quando scriveva in modo del tutto diverso, ed ora evidentemente….sta cercando di leccare il deretano giusto..

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.