SS, nessuna pietà nemmeno per un neonato

«Alcuni dei presenti, lo so, mi riconoscono: mi videro alla rampa. Là un giorno, davanti ai miei occhi, un soldato delle SS strappò dalle braccia materne un neonato che piangeva, e lo sbatté a morte contro le pareti d’un vagone. Lo uccise così, capite, nemmeno con un colpo di fucile!». Oskar Groening, 93 anni, “cassiere dell’Olocausto” a processo in Germania, mentre chiede perdono al giudice e alle vittime sopravvissute, presenti in aula.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.