Berlusconi sarà il leader prigioniero di una giustizia ingiusta, l’uomo che unico al mondo potrà varcare la soglia dell’influenza e perfino della vittoria politica costruendo e dirigendo una successione parlamentare ed elettorale, ma restando fino in fondo titolare del suo fascino e della sua capacità di infondere ottimismo, speranza e perché no allegria”. Giuliano Ferrara sul “Foglio” del 19 agosto 2013.

Lascia un commento