Non temo il Berlusconi in sé, ma il Berlusconi in me“. Giorgio Gaber.

Un pensiero su “Il tarlo di Gaber”

Lascia un commento