Pappalardo, da generale a ciarlatano

«Giuro. Mario Draghi l’ho incontrato la scorsa estate a Città della Pieve. Lo vedo in un vicolo, gli vado incontro, e gli chiedo: posso cominciare a far stampare una nuova moneta? Allora lui mi guarda serio, e mi risponde: “Sì sì, certo che può”. Draghi ha capito che io non sono un politicante, ma un artista delle idee e della musica. Del resto: lei lo sa, vero che io sono uno dei più grandi musicisti del mondo? Le mie opere sono state eseguite in luoghi dove avevano accettato solo Mozart e Beethoven. In Vaticano sono considerato un genio illuminato da Dio. Anzi: le anticipo che la segreteria del Presidente Trump mi ha chiesto di comporre qualcosa in suo onore.»

Antonio Pappalardo, ex generale dei Carabinieri, ex sottosegretario col Psdi, ex forcone, no vax, in piazza a Roma per scaldare gli animi all’armata Brancaleone di seguaci complottisti che ritengono il Coronavirus una bugia.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.