Le supercazzole del buffone Renzi

matteo renzi coglione

Governo Letta, la ministra Nunzia De Girolamo, indagata per le intercettazioni in cui parlava di affari sanitari a Benevento, non intende dimettersi. Il rampante segretario del Pd Matteo Renzi, ricordando l’ex ministro Josefa Idem dimessasi per una polemica sull’Imu di casa sua, tuona: «La Idem si è dimessa dimostrando uno stile profondamente diverso». Precisando: «La scelta sul destino dei ministri spetta al premier». Cioè: cosa aspetta Enrico Letta a dimissionare la De Girolamo?

Passa un anno, governo (abusivo) Renzi, il ministro indagato di abuso d’ufficio Maurizio Lupi, intercettato con la cricca degli appalti pubblici di Ercole Incalza mentre dispensa favori, riceve regali, piazza famigli suoi e di un monsignore, non intende dimettersi. La scelta sul suo destino, il premier Renzi, non la fa. Pare essersi scordato dello stile profondamente diverso della Idem. Gli sibila solo un timido e silenzioso”dimettiti” di circostanza. Lupi si dimette con tante benedizioni da destra e sinistra. E il condannato per danno erariale Renzi assolve tutti: “No a dimissioni per gli avvisi di garanzia non caccio gli indagati”. Tradotto: mi tengo i quattro sottosegretari indagati senno torniamo al voto.

La poltrona di premier non eletto a Palazzo Chigi, per Renzi, è stato un regalo irripetibile. Non si baratta per niente e per nessun indagato. Alla faccia del rinnovo e della rottamazione.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.