«Non è possibile che la crisi dell’euro renda Angela Merkel la regina d’Europa, che impone la sua disciplina di bilancio provocando rivolte e povertà. Egoismi e nazionalismi, e mi fa paura usare questo termine, si annidano ovunque: manca la prospettiva europea in senso genuino, non dominata dagli interessi nazionali, manca pensare come europei. Non solo per la crisi dell’euro ma per il corollario di aspetti sociali, umani, politici che sono l’essenza del sogno comune». Ulrich Beck, sociologo ed economista, docente alla Ludwig Maximilian University di Monaco e visiting professor ad Harvard e alla London School of Economics.

Un pensiero su “Europa “cam Beck””

Lascia un commento