Seconda Repubblica “fondata sulla mafia”

«Le stragi cessarono con le risposte di Dell’Utri e Berlusconi alle richieste avanzate da Cosa nostra tramite il boss Vittorio Mangano». Nino Di Matteo, pm inquirente nel processo sulla trattativa Stato-mafia in cui ha chiesto il rinvio a giudizio di Dell’Utri, Mancino, Mannino, Brusca, Riina, De Donno, Mori e altri 4.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Un Commento a “Seconda Repubblica “fondata sulla mafia””

  1. […] Il blog di Daniele Martinelli Pubblicato: 12 gennaio 2013 Autore: aggregatore Sezione: Politica e Attualità […]

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.