L’ex sindaco di Catania Umberto Scapagnini è stato condannato dal tribunale in primo grado a 2 anni e 9 mesi per aver truccato i bilanci del suo Comune. Così aveva evitato di dichiarare il dissesto, aspettando che il debito venisse ripianato dal governo Berlusconi con un assegno di 140 milioni. Scapagnini è ricandidabile. Ecco svelato come dribblare l’incandidabilità per i responsabili dei dissesti finanziari dei comuni, varato con decreto approvato giovedì scorso dal governo.

Un pensiero su “Catania sul lastrico, Scapagnini idoneo”

Lascia un commento