«Avremmo dovuto spiegare al Paese come abbiamo tradito quel mondo dei produttori che voleva meno Stato, meno spesa pubblica e più mercato. Invece abbiamo pensato di cavarcela scaricando tutto su Tremonti». Giorgio Stracquadanio spiega il suo addio al Pdl e a Berlusconi.

Un pensiero su “Stracquadanio traditore confesso”

Lascia un commento