«L’Italia sarà la prossima ad essere attaccata sui mercati perché il suo debito pubblico, che è attorno al 120% del Pil, è in contraddizione coi tassi d’interesse correnti. Se le circostanze non cambiano l’Italia non può restare nell’euro. L’Italia necessita di eurobond. E ne ha bisogno pure la Spagna per le sue banche. L’euro collasserebbe se l’Italia dovesse andarsene. Monti, al prossimo Eurogruppo, è l’unico che potrà mettere con le spalle al muro la Merkel.  Questa è la cruda verità». Wolfgang Münchau, condirettore del Financial Times

2 pensiero su “Funerale dell’euro: come dirlo…”

Lascia un commento