Nell’Italia dei mille campanili esiste un problema di inquinamento acustico derivante dalle campane di chiesa. Le numerose sentenze di condanna con multe a carico dei parroci (gli ultimi due casi in ordine di tempo a Mestre), dimostrano che le campane, se usate troppo, arrecano disturbo alla collettività. In particolare i rintocchi al di fuori degli orari delle liturgie e i rintocchi notturni. Ho intervistato Adele Orioli, responsabile delle questioni giuridiche dell’Uaar, esperta nell’aiutare i cittadini che ricorrono al giudice per difendersi da ciò che da piacevole rito di tradizione, può trasformarsi in vero e proprio danno alla qualità della vita.

Un pensiero su “Difendersi dalle campane moleste – Adele Orioli”

Lascia un commento