Diario del default

“Lo spettro della lira” è il fantasma che si aggira nelle prime pagine dei giornali di oggi. Dopo il default della Grecia è ormai un susseguirsi di fantasiose visioni da parte di autorevoli firme sullo scenario che si pone in Italia dopo un ventennio di berlusconismo che si sfalda sul governo tecnico a guida di Mario Monti. L’euro è destinato a sgretolarsi, almeno nella concezione di moneta unica europea- La dracma in Grecia, la lira in Italia, o un euro a due velocità sono ormai l’unica soluzione per permettere alla Merkel di non perdere ulteriore popolarità tra i tedeschi, che se sì, sono crucchi, non sono certo fessi. Come dar loro torto sul diniego a contribuire a sanare conti di Paesi come l’Italia in cui governano mafia e massoneria? Ecco, dunque, i primi segnali ormai inequivocabili di una crescente disgregazione sociale italiana: il comune di Milano, senza soldi da Roma, fa cassetta con le multe e vende quote di Sea e Serravalle. A Caserta e a Napoli non ci sono i soldi per gli stipendi ai dipendenti comunali. Milano e Napoli: due piccoli esempi vita alla giornata. A Genova attendiamoci le dimissioni della sindaca Marta Vincenzi. Il peso dei morti dell’alluvione le si sta ritorcendo contro con un peso che difficilmente la prima cittadina del capoluogo ligure potrà reggere. Buona lotta a tutti.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Un Commento a “Diario del default”

  1. […] Il blog di Daniele Martinelli Pubblicato: 11 novembre 2011 Autore: aggregatore Sezione: Politica e Attualità […]

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.