Le 350.000 firme raccolte da Beppe Grillo per “Parlamento pulito” giacciono nello sterminato scantinato del Senato tra montagne di carta igienica che se fosse tutta srotolata farebbe il giro del mondo sull’equatore. I senatori possono cagare tranquilli per 3 legislature: 15 anni di “morbidezza, Italia a rotoli di conseguenza oyeah..“. Secondo il questore Angelo Maria Cicolani sono “acquisti in ec(cesso) per risparmiare“. Quale risparmio ci sia se per pulirsi il culo servono un milione e 400 mila euro di affitto annui di spazi è da calcolare. Sempre che le famose firme non le abbia già usate Gasparri per “culo pulito”. Attendiamo Alfano che dalla Bèrghem fest invii Calderoli per un’ispezione nella fossa biologica del Senato. Paghiamo sempre noi “Pantaloni” rimasti ormai senza mutande. In procinto di “evacuarvi”.

Lascia un commento