I teatranti

Mi colpisce che nel Paese non c’é una sufficiente consapevolezza sulle dimensioni del rischio che corriamo“. Pare strano ma a dire così é Giuliano Amato ad Aldo Cazzullo sul Palliere. Si riferisce al default dell’Italia soffocata da un debito pubblico che pure lui, Amato, da capo del governo che fu alla fine degli anni ’90, ha contribuito a rendere mastodontico, insormontabile, irrecuperabile, per non dire disastroso.
I titoli delle principali testate online sono da brivido. A cominciare da quelli che riguardano gli Stati uniti. Obama e analisti dicono ormai apertamente (e finalmente) ciò che nei blog andiamo scrivendo e dicendo da anni: fallimento, crac, tonfo del dollaro, dell’Euro, corsa all’oro (mentre scrivo é oltre i 16 dollari l’oncia).
In Italia la crisi economica é fuori controllo. A Napoli 11 mila dipendenti comunali aspettano lo stipendio, mentre la Borsa di Milano continua a vestire la maglia nera d’Europa da ormai svariate settimane. Mentre scrivo chiude la giornata a meno 3%. I titoli italiani sono sempre più tossici e alla Caritas dicono che nell’ultimo anno gli italiani in cerca di un pasto caldo sono aumentati del 71%.

In questo quadro sintetico e inevitabilmente insufficiente per descrivere l’Apocalisse che monta, il governo nomina l’accanito fan del processo breve Francesco Nitto Palma ministro della giustizia, e la Lega scimmiotta l’inaugurazione di 3 uffici ministeriali alla villa reale di Monza. Il bello é che pure Giorgio Napolitano si accoda a questa pagliacciata padana giusto per bollarla “iniziativa incostituzionale“. Tanto per dar modo ai giornali di dedicarci fiumi di inchiostro sulle prime pagine.

Come in una corsa impazzita all’ultima idiozia, politica e media sono in perenne affanno per cercare di distrarre sempre più italiani che pagano gli effetti della crisi di un sistema capitalistico che ha esaurito un ciclo. Nessuno sa, nessuno può prevedere, nessuno azzarda. Eppure dovremmo chiederci quanto potrà  ancora durare.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.