Quel “fiume” di soldi all’inutile consorzio

Le immagini postate sono state girate martedì sera durante un temporale che si é abbattuto sulla pianura bergamasca, in particolare a Verdello, dove l’esondazione dell’acqua piovana dai canali di campagna ha provocato quell’alluvione ripresa da un videoamatore. La manutenzione dei fossi e dei canali dovrebbe essere svolta dal Consorzio di bonifica della media pianura bergamasca presieduto da Marcello Moro, Pdl, già  assessore al personale al comune di Bergamo, che ogni anno spilla a migliaia di famiglie bergamasche 39 euro di gabella con l’invio di un bollettino da saldare obbligatoriamente entro precisa scadenza. Poco male se poi il Consorzio in questione non ripulisce nulla di rogge e canali dalla vegetazione e dai detriti, attività  ridotta a libera iniziativa di sparuti contadini interessati all’irrigazione dei loro terreni.

Il consorzio é affaccendato ad assegnare appalti per la costruzione del canale artificiale “Gronda Sud“, iniziato nel 2002 con una gara da 4 milioni di euro che si é aggiudicata la “cricca” di Diego Anemone e dell’ex presidente del consiglio dei lavori pubblici a Palazzo Chigi Angelo Balducci, di cui si attende il completamento del secondo lotto con un appalto di altri 5 milioni vinto dalla P.A.C spa di Brescia che promette di cominciare ai primi di luglio.

Nel 2006 il collaudo del primo lotto della Gronda fu promosso da una Commissione che ha come segretario Marco Caiazza, figlio di Giulio, membro del cda del Consorzio di bonifica della Media pianura bergamasca (tanto per capirci, parliamo di controllore e controllato). Direttore generale del Consorzio é Mario Reduzzi, già  membro di numerose commissioni di collaudo per intercessione del ministero delle Infrastrutture, nonché membro del cda del Consorzio dell’Adda. Le opere idriche di collegamento al fiume Serio, su cui dovrebbe vigilare l’assessore regionale al Territorio, il leghista Daniele Belotti (di Seriate), hanno un valore complessivo di circa 20 milioni di euro. Aggiudicatarie di altre frazioni di appalto sono state le imprese dell’ingegner Enzo Carpineto in rapporti con Balducci, e Piero Murino, già  appaltatore dei lavori per il G8 alla Maddalena. LA Gronda, una volta completata, collegherà  al fiume Serio il torrente Morletta e la roggia Brembilla per impedire altre alluvioni come quella postata nel video, già  accadute a Castel Rozzone nel 2007 e a Brignano gera d’Adda nel 2008.

Danni dovuti a scarsa manutenzione dei fossi e dei corsi d’acqua, che vanno ben al di là  del “nessun vantaggio tratto dall’attività  del Consorzio“.  Motivazione secondo la quale il Consorzio della Media pianura bergamasca dovrà  rimborsare tutte le quote pagate negli anni da un cittadino ricorrente, assieme a un’agenzia immobiliare che in un altro ricorso si era vista dare ragione dalla Commissione tributaria. Insomma, in tempi di crisi economica ce n’é abbastanza per istituire una class action da parte di migliaia di famiglie che in tanti anni hanno versato “fiumi” di soldi a un inutile consorzio e che oggi rischiano quotidianamente alluvioni ed esondazioni al primo temporale. Se qualche lettore prendesse iniziativa me lo faccia sapere.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.