A quando le dimissioni di Nicole Minetti?

Nicole Minetti fa la consigliera regionale in Lombardia nel Pdl. E’ stata eletta nel listino blindato del presidente Formigoni (eletto fuorilegge per la quarta volta e con una lista corroborata da centinaia di firme false), fedele ciellino vergine e illibato che se fossero tutti come lui si estinguerebbero nell’arco di una generazione.

E’ lei la “delegata della presidenza del Consiglio” che prelevò dalle istituzioni (la questura di Milano) la minorenne Ruby per consegnarla alla prostituta brasiliana Conceicao un’ora dopo alla sua casa milanese di Via Villoresi 19. E’ stato il presidente del Consiglio a “concussare” il capo di gabinetto della questura Pietro Ostuni intimandogli di “liberare la nipote di Mubarak” contro l’ordine del magistrato minorile Anna Maria Fiorillo che ne aveva chiesto la custodia in una struttura protetta. Del resto Ruby, oltre che minorenne, era senza documenti, senza fissa dimora e senza reddito.

Ebbene Nicole Minetti, oltre ad aver assecondato una pretesa illegale del suo capo partito, sapeva che Ruby era minorenne e che era stata molte notti ad Arcore durante i bunga bunga. Gliel’aveva confermato persino il premier stesso durante una telefonata in cui si augurava che “nessuno sapesse…“.
Che cosa ci fa una persona così nelle istituzioni? Che cosa aspettano le opposizioni del Pirellone a chiederne le dimissioni immediate? Come può un presidente come Formigoni  dichiarare “non so nulla delle carte” che riguardano la sua pupilla (il culo era la Ruby per il premier) ammesso e non concesso che sia di discutibile moralità  che una consigliera blindata nel listino di un verginello ciellino come lui, potrebbe aver preso parte ai bunga bunga in topless a “strusciarsi contro il premier” assieme ad altre meteorine e interpreti di “Camera café”?

Giurami che non ti prende male, nel senso cioé ti fai i cazzi tuoi e io mi faccio i cazzi miei. Per l’amor del cielo ne vedi di ogni, cioé nel senso la disperaticion più totale, cioé capirai c’é gente per cui é l’occasione della vita, quindi ne vedi di ogni, fidati di me, punta sul francese che lui sbrocca gli prende bene, digli tutto quello che fai, eccetera eccetera … Ci sono varie tipologie di persone, c’é la zoccola, c’é la sudamericana che non parla italiano e viene dalle favelas, c’é quella un pò più seria, c’é quella di mezzo tipo.
E’ Nicole Minetti al cellulare che giustifica all’amica romagnola T.M. che uscirà  “schifata da quel puttanaio…” un “papi” che paga in cash attorniato da persone bisognose e in difficoltà  di qualunque estrazione sociale. Del resto lei, cerbiatta prediletta del primo ministro, ha ricevuto in regalo l’intestazione di 3 appartamenti. Che le manca?

Dopo i Ponzoni e gli Abelli scopriamo un’altra bella persona di grande moralità  in regione Lombardia. Ai “servizietti” di un ricco pappone corruttore che se non farà  la fine di Ben Alì in questi giorni, dovrà  essere rieletto in elezioni anticipate in “pompa” magna. Magari con la Minetti vicepremier.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.