Annozero dal web?

Con la separazione consensuale tra Michele Santoro e la Rai, sarà  quest’ultima a smenarci. Annozero, con i suoi bassi costi di produzione rispetto agli alti introiti assicurati dagli sponsor, rimarrà  il programma più seguito del canale pubblico delle ultime stagioni. A differenza di quelle fiction siciliane che non guarda nessuno e che costano un botto di soldi.
Secondo la versione ufficiale Santoro rimarrà  un contrattualizzato libero professionista che produrrà  “docufiction” forse per Rai3. Forse. Perché probabilmente Santoro starà  pensando a qualcosa di diverso. Dopo l’esperienza di Raiperunanotte da Bologna potrebbe concretizzarsi una web-tv del Fatto quotidiano su cui trasmettere (anche) Annozero con Santoro e tutto il suo gruppo. Magari ripetuto televisivamente su Europa7 di Francesco Di Stefano. Ipotesi che non vedo così remota giacché i numeri per raggiungere il pubblico Rai ci sarebbero. Sempre che l’idea si concretizzi entro settembre perché altrimenti il pubblico dimentica. La notorietà  che la Rai offre é ancora un’ottima spinta per sbarcare su web con buone chance di successo. Ci pensi pure Milena Gabanelli a questo punto. E’ l’unica indiana rimasta in riserva.

Sostieni l’informazione libera





Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

11 Commenti a “Annozero dal web?”

  1. POLDO ha detto:

    @ Emanuele.
     
    E’ circa dal lontano 2001 che Santoro “informa” gli italiani delle merdate che compie Silvio Berlusconi, dei suoi agganci, del suo sistema, di tutta una serie di personaggi di cui si circonda che spianano la strada alle sue volontà .
     
    Te la ricordi la storia dell’ Editto Bulgaro di Berlusconi, contro Santoro, fatto da Sofia?
    Bene, nell’editto Bulgaro il CDA Rai di maggioranza centrodestra decise alla fine di sospendere il programma adducendo futili motivi di immagine (già  ampiamente sputtanata dalla dipendenza al volere di Berlusconi) e allontanare forzatamente Santoro in pratica Santoro viene licenziato senza giusta causa. Santoro fa causa alla Rai e alla fine la vince, la Rai é costretta a pagare a Santoro un risarcimento e din più a reintegrarlo in Rai.
    Santoro con il governo Prodi viene eletto nell’Europarlamento ma rescinde il proprio mandato parlamentare nel momento in cui si riaffaccia in TV, per non dover poi sottostare alle limitazioni sulla presenza di politici in TV imposta dall’ Autorità  garante. Un qualcosa che dovrebbe far riflettere un certo Luca Barbarbareschi, deputato del Parlamento italiano attivissimo in televesione e in produzioni di fiction ma quasi assente perenne in Parlamento.
     
    Da quanto sopra esposto cosa si evince.
    Si evince che a suo tempo Santoro fu “semplicemente” licenziato in tronco, senza mezzi termini. Si evince altresì che questa volta il CDA di centrodestra Rai non poteva lincenziare nuovamente Santoro perché la sentenza l’aveva già  condannata per questo atto e quindi si sarebbe data la zappa sui piedi il che ha mitigato il CDA a più saggie decisioni ovvero un “divorzio consensuale” con Santoro.
    Come ho già  detto visto il clima cha hanno fatto sopportare a Santoro ha fatto bene a farsi pagare, questo é un altro esempio della schifosa gestione dittatoriale dell’informazione fatta da Silvio Berlusconi che non ammette di essere sputtanato per tutte le indecenze che fuori e dentro la politica ha compiuto in tutti questi anni. Le reti Mediaset continuano a propinare programmi spazzatura con un tripudio di culi e tette in ogniu dove, persino Bonolis non é sfuggito, con recitazione di copioni già  scritti ma spacciati per improvvisati e la gente é contenta, meglio farsi trvolgere da minchiate a valanga che sapere come vanno le cose in Italia. Peccato che poi la verità  non cambia con le minchiate.
    Anche in Rai berlusconi sta tentando di creare una costola Mediaset per avere così 5 reti nazionali per propagare il suo verbo del rincoglionimento da teledipendenza.
     
    Continuo a sostenere la mia idea, viviamo in un Paese di merda sotto un governo di merda, quello di Berlusconi.

  2. helena f. ha detto:

    Santoro fa benissimo  a farsi dare tanti bei soldini da chi gli ha fatto mangiare il fegato tutti questi anni : la schifosa Rai  alla mercé della politica.  E’ il giusto risarcimento per tanti anni di stillicidio e maltrattamenti.  Anche se da esterno continuerà  a lavorare per la Rai, mi sembra che sia libero di accettare altre offerte.
    Non credo proprio che andrà  in pensione. Sono certa che stia pensando a qualcosa… non so cosa ma qualcosa inventerà . Sono sicura che non abbandonerà  la sue battaglie contro l’ingiustizia, la prepotenza, la disinformazione e il suo affezionato pubblico.
    Mi mancherà  Annozero ma so che in qualche modo, da qualche parte, lo ritroverò.

  3. Lazarus ha detto:

    onestamente trovo molto interessante il riserbo di Santoro fino all’avvenuta firma: mi aspetto cose interessanti a venire 🙂

  4. emanuele ha detto:

    a tutti i sapientoni che credono a questo fantacalcio di Santoro rivolgo una riflessione ma se fosse questione di soldi durante l’editto bulgaro avrebbe potuto chiedere il rimborso e mandare a farsi benedire tutto e invece non lha fatto

  5. Marco B. ha detto:

    Daniele,
    commentavo allo stesso modo l’altra sera sul blog del TUO lider(che nel frattempo impegnava a reti unificate la TV per la SUA propaganda quotidiana)l’uscita di Santoro dalla RAI(non mi preoccupa tanto la buona uscita che si beccherà  ma piuttosto cosa deciderà  di fare – in base agli accordi RAI – una volta fuori). Infatti domandavo(ironicamente)a Di Pietro cosa ne sapesse LUI del fourfait di Santoro e a che punto stavano quelli di IdV(fuori da ogni commissione di vigilanza&garanzia e consiglio di amministrazione in RAI) .. se attendevano anche LORO gli sviluppi(se di sviluppi si può parlare)del digitale terrestre(la TRUFFA mediatica ITALIOTA)oppure se si erano già  mossi in accordo con i vari Travaglio, Gomez, Grillo e Santoro appunto per farsi una TV(magari su Internet)dove raccattare i “superstiti” delle epurazioni nanoidi .. ovviamente la risposta ha ancora da venire .. come SEMPRE dalla politica NON c’é MOLTO da aspettarsi.
    PS: te invece che combini .. si sono liberati o no un pò di posti al Fatto Quotidiano?! O preferiresti un tuo spazio audiovideo su una webTV come ce ne sono tante?! Dai, dacci un aggiornamento .. :-)!!
     

  6. d-pork ha detto:

    VOGLIO un telegiornale web libero condotto da gente del Fatto Qu0tidiano, Daniele Martinelli, Beppe Grillo in onda tutte le sere alle 20:00 in replica perenne fino all’edizione successiva!!!!!!!

  7. POLDO ha detto:

    Ma strano che qualcuno si sia accorto che da anni chi paga sono sempre gli stessi.
    Nonostante i proclami fantoccio fatti da un fanccio quale é Silvio Berlusconi improvvisamente il bubbone é esploso, si é vero s ene parlava ma sempre sottovoce, in gran segreto ed invece ora é chiaro ocme il sole, servo 25 miliardi o giù di li per una nuove manovra che invece non doveva esistere perché NOI in cridi non ‘c’eravamo e anzi la crisi era colpa del pessimismo comunista.
     
    Esaurite lo stock di stronzate per abbindolare gli italioti Berlusconi si é ritrovato in braghe di tela ed ovviamente come é nel suo stile si rimangia tutto quello che ha detto o che forse non ha detto ma che noi ci siamo solo immaginati di aver sentito. Le parole dei parlamentari italiani a me suonano ormai come il lamentoso grugnito dei maiali che reclamano il loro pasto nel trogolo, onnipresenti attori sulla scena italiana pronti a strumentalizzare ogni cosa in ogni dove, non provo compassione, rispetto, stima per questa gente ma solo un infinito ed incolmabile seso di schifo, vergogna, disprezzo come posso provare per esseri socialmente inutili.
     
    Ci sono un torrente di eventi che stanno in poche settimane scuotendo la politica ma nonostante tutto questo schifo di governo si permette ancora di prendere per il culo gli italiani e l’Italia intera con le sue cazzate da pietosi teatranti. Il Parlamento ha fatto notte control le intercettazioni che interessano a Berlusconi & Co. Avesse lavorato così alacremente ed assiduamente per rimettere in sesto realmente l’Italia a quest’ora eravamo al posto della Germania.
     
    10 Milioni a Santoro, bene, ma anche di più… perché no! E dove sta scritto che Santoro deve fare benficenza con una RAI covo di stronzi, una Rai politicizzata sino al midolo che ha tentato in tutti i modi di farlo fuori. Non sono buttati i soldi Rai con Santoro ma con tutta la gestione politicizzata delle reti di stato, con i Minzolini o i Paragone e con i programmi che hanno un livello culturale talmente basso che nello Zambia ci danno lezioni.
     
    Inutile negarlo l’Italia ora come ora é un Paese di merda.

  8. Paolo 2.0 ha detto:

    Gabanelli e Riccardo Iacona, per la precisione.
    Quanto alla web tv, é un’idea ottima, ma vi ricordo che in Italia lo stato della rete é pietoso. Io sono di Padova, mica siamo in cima al Monte Rosa, eppure ci sono quariteri in cui c’é gente che sta ancora aspettando l’ADSL. Figuraimoci come é messo il resto d’Italia.
    Infine: Europa7? Magari… ma come siamo messi con Europa7? Trasmetterà  sul digitale terrestre?
     

  9. Venom ha detto:

    Chissà  da quale conto vengono quet soldi… io una mezza idea ce l’ho. Comunque lo spirito mercenario di Santoro é venuto fuori… Ci vorresti tu, Daniele, a fare il nuovo annozero!!!

  10. Franco ha detto:

    Altro piccolo particolare: Santoro non potrà  fare trasmissioni altrove in concorrenza con Rai per due anni.

  11. LIBERALVOX ha detto:

    CRISI ECONOMICA: 10 MILIONI DI EURO A SANTORO!


    Il Governo promette una lunga stagione di lacrime e sangue: stipendi, pensioni e liquidazioni congelate! La Rai, in perfetta sintonia con la crisi che attanaglia il Paese, ‘liquida’ Santoro e gli dà  una BUONUSCITA DI 10 MILIONI DI EURO! Il conduttore di “Anno Zero” – da sempre di sinistra, da una vita paladino delle giuste cause di lavoratori, consumatori e pensionati, insomma strenuo difensore dei ceti deboli di questa società  nella quale e sulla quale ha costruito le sue fortune professionali ed economiche – abbandona il suo ruolo di ‘dipendente’ del servizio pubblico radiotelevisivo e si prepara a un futuro di ‘collaboratore esterno’ con un accordo milionario. Il giornalista si dedicherà  alle docu-fiction, probabilmente per Raitre. La decisione é stata presa dal consiglio di amministrazione della tv pubblica (7 voti a favore e 2 astenuti) che ieri ha approvato un accordo quadro per la “risoluzione consensuale” del rapporto di lavoro di Santoro. L’intesa prevede la realizzazione di nuovi progetti editoriali che verranno realizzati da Santoro nei prossimi due anni. Al giornalista andrà  una BUONUSCITA DI DIECI MILIONI DI EURO! Che i vertici della Rai gettino denaro pubblico al solo scopo di stare tranquilli ed evitare che giungano loro le puntuali telefonate di Berlusconi per fermare Annozero, sostituendolo con un giornalista più malleabile e rispettoso degli ordini di scuderia, risponde solo agli interessi politici e non a quelli giornalistici ed economici della Rai. Ma con quale faccia, poi, la televisione pubblica si presenterà  a chiedere il canone anche a persone che non riescono nemmeno a pagare l’affitto di casa?

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.