Con la crisi anche il telefono accorcia la vita

In France Télécom i suicidi sono saliti 25. L’ultimo, in meno 2 anni, é accaduto giovedì scorso. Un ingegnere di 48 anni si é impiccato nella sua casa a Lannion. L’ingegnere, sposato e padre di famiglia, da un mese era in malattia. Nella notte fra il 29 e il 30 agosto scorso si era ammazzato un altro tecnico. Senza lasciare un messaggio di spiegazione del gesto. Anche se tutti lo hanno capito: la crisi economica.

La stessa che sta ammorbando l’Italia in ogni angolo. Aulla, Lucca, Prato, Termini Imerese, Melfi, Pomigliano d’Arco, Torino, Cuneo, Bergamo. Migliaia di lavoratori protestano sui tetti dei municipi o delle loro aziende. Senza lavoro e senza stipendio non hanno più niente da perdere. A  parte la vita. Intanto la casta se la fa a tarallucci e vino.

Il pd si masturba pensando al nuovo segretario. Il pdl azzoppa la giustizia nel tentativo di zittire tutti. Comprese le voci libere. Ma non riusciranno. La crisi economica li travolgerà , malgrado fingano di parlare al cellulare quando escono da Camera e Senato per evitare le domande dei cittadini che li attendono.
Auguro loro che quei cellulari li facciano campare cent’anni. Lontani dai disoccupati incazzati s’intende! Ma ne dubito…

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

2 Commenti a “Con la crisi anche il telefono accorcia la vita”

  1. Diego egreen ha detto:

    Questo giudice é proprio strano, cammina a piedi, fuma, e aspetta il suo turno dalbarbiere. Se ne vede di gente strana! Se poi si mettesse una bandana e un menestrello nella camera da letto vicino al suo vulcano artificiale ci sarebbe da dare giocarsi i numeri al lotto.

  2. Diego egreen ha detto:

    Devo sostituie l’auto, ormai é un catorcio. sono stato nelle concessionarie a sentire se ci fossero sconti particolari a causa della crisi. Bhe, rispetto l’anno scorso che ho fatto lo stesso giro c’é stato un aumento del 30%. GLi ho detto no grazie, le auto ve le potete tenere, c’é ancora molto usato in giro. Se i prezzi non sono calati e preferiscono perdere i clienti, secondo me la crisi, per come é nata improvvisamente dalle banche, e diffusa mediaticamente, come l’influenza a, é solo un pretesto per LICENZIARE e abbssare il costo del lavoro coi contratti fasulli precari a tempo determinato.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.