Milano, Roberto Maroni contestato alla Cattolica

Quando si arrabbia addenta i polpacci dei poliziotti e si fa condannare. Oggi é ministro dell’Interno del governo italiano più piduista che leghista, il varesino Roberto Maroni.
L’uomo che dovrebbe rispondere al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che gli chiede conto della strage di oltre 600 disperati nel Mediterraneo. L’uomo delle card per i tifosi dello stadio. L’uomo delle ronde. Annunciate talmente in pompa magna che qualcuno si é montato la testa: a Cassano d’Adda si stanno improvvisando ronde anti-camporella per prevenire incontri intimi sulle sponde dell’Adda.
No, non é una boutade come quella di Maroni che ci dice di aver risolto il problema sicurezza, salvo contraddirsi nel riferire che le ronde “non risolvono problemi di crisi“. E allora cosa risolvono, le ronde? E soprattutto dove sono, le ronde? Cosa difendono e da chi, le ronde?

Per il ghetto milanese di viale Sarca Maroni dice di aver “parlato col Prefetto per capire cosa fare“. Chissà  perché invece il Prefetto di Latina Bruno Frattasi, dopo oltre un anno, deve rifare una nuova relazione che tenga conto delle “nuove norme” del pacchetto insicurezza per sciogliere il comune di Fondi infiltrato dalla camorra. A Maroni non bastano gli arresti operati dalla magistratura inseriti nella relazione di quel prefetto inascoltato. Preferisce tergiversare fingendo addirittura di non accorgersi che nella padana Buccinasco c’é una cupola di ‘ndragheta alta quanto l’Aspromonte.

Siamo alle solite. Il ministro dell’Interno Roberto Maroni ritiene che gli italiani siano tutti allocchi come quelli che votano Lega Nord.
E’ geloso della sua legge incostituzionale che trasforma uno straniero in “reato ambulante”. Crede di fare bella figura quando attacca i giudici che “non applicano la (sua) legge” con gli immigrati. E querela Famiglia cristiana che lo definisce un “Don Rodrigo bislacco“. Maroni non querela i megafoni di partito travestiti da giornali quando riportano la falsità  di cui si vanta, ossia di “aver fermato i flussi di immigrazione clandestina dalla Libia“.
Maroni non evita soltanto i giornalisti che fanno domande. Evita tutti. Anche la folla di Palermo che ha tentato di avvicinarlo durante la cerimonia in ricordo dell’assassinio di Carlo Alberto Dalla Chiesa. Grazie all’intervento delle “sue” forze dell’ordine.

Esigere verità  e coerenza da un Roberto Maroni, corto circuito fatto ministro, é davvero una chimera. Tratta da clandestini gli immigrati in barba alle più elementari norme sui diritti dell’Uomo, quando il primo clandestino é lui assieme a tutti i deputati di Camera e Senato. Auto eletti grazie alla legge maiala e incostituzionale che blocca le preferenze.

Il ministro Roberto Maroni preferisce gli applausi di un uditorio di smemorati piuttosto che i “criticoni di professione“, più propriamente ronde di cittadini incazzati che approfittano di qualche incontro pubblico per alzare la voce. Come é accaduto all’università  Cattolica di Milano durante il suo discorso sull’immigrazione.
Maroni é stato contestato da un gruppo di donne che gliele hanno cantate. Nel video postato si vede che é una delle contestatrici ad essere accompagnata all’emigrazione forzata dall’aula. Il ministro clandestino, invece, rimane al suo posto. Davanti alla platea che può stare solo se applaude. A senso unico. Come nei regimi totalitari.

Mi sento di aggiungere una raccomandazione alla platea: “Occhio ai polpacci…”

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

37 Commenti a “Milano, Roberto Maroni contestato alla Cattolica”

  1. Marco ha detto:

    Ti faccio presente che il mio problema non é l’integrazione razziale (termine di cui tra l’altro non conosco precisamente il significato), ma, come ho tentato di spiegarti (non so se non capisci davvero o fai finta di non capire) é LA SCOMPARSA DEL POPOLO ITALIANO!!!!!!!!!!!! La scomparsa di popoli europei, della diversità , specificità  identità  dell’Europa. Allora,….é chiaro o no?! Vogliamo andare al punto, o tentare sempre di spostare il problema sul razzismo, per colpire più facilmente il “nemico”?!
    Ti assicuro anch’io che questo non é neanche per me l’unico problema, perché nella vita ne ho anche io di altri e ben più pressanti. Questo non mi impedisce di partecipare alla vita della collettività  in cui vivo.
    PARTECIPARE, vivere la propria comunità .
    L’emigrazione italiana in altri luoghi del mondo ha avuto caratteristiche assolutamente diverse da questa invasione. Dall’incidenza in percentuale sulla popolazione (e sul livello carcerario!), al territorio (terre di nessuno il più delle volte) dove si insediavano, e così via.
    Ma per motivi di spazio non mi soffermerò ovviamente su questa enorme differenza.
    Ancora una (anche qui per l’ennesima) volta ripeto che non discuto il disagio delle popolazioni che emigrano. Quello che dico é che esse emigrano non per nostra solidarietà , ma perché noi abbiamo bisogno di loro!!!!!!!!!!!!!
    IL DISAGIO E LE SOFFERENZE NEL MONDO CI SONO SEMPRE STATE ANCHE NEL PASSATO. ESSI VENGONO DA NOI ORA CHE SERVONO A NOI!!!!!!!! PER ESSERE SFRUTTATI DAL SISTEMA!!!!!!!!!! La solidarietà  non c’entra un tubo. Se davvero si volesse aiutare questa gente , come (anche qui) ho già  detto sopra lo si potrebbe, lo si sarebbe GIA’ potuto fare in MILLE modi, a livello internazionale. Perché l’unico modo di aiutarli farli venire qui?????? Te lo sei chiesto???!!!!
    Ad ogni modo. Continui a girare intorno al problema: il problema é la scomparsa del popolo italiano e dei popoli europei! Il punto é: sei d’accordo sul fatto che questo accadrà ? E sei d’accordo sul fatto che sarà  un disastro di per tutti? Se la risposta é si, allora cerchiamo di fare in modo che ciò non accada, e comunque di batterci per questo. Se la risposta é no, la discussione finisce qui, perché mancano le premesse per continuarla.

  2. Steve Piretrus ha detto:

    ok, io farò intellettualizzazioni buoniste, ogniuno ha un’atteggiamento diverso nei confronti della vita, che passa soprattutto attraverso la propria esperienza e ti garantisco che non devo inventarmi nulla che possa addolcire la mia difficoltà  del vivere di ogni giorno, sono abituato a ciucciarmi la vita fino all’ultimo sorso, senza mai scappare. rispetto la tua rabbia (che ho anch’io e non sai quanto, per altre cose; l’integrazione razziale é l’ultimo dei miei problemi)ma ti ricordo, e nn voglio fare demagogia spicciola, che l’emigrazione italiana ai primi del ‘900 fu molto più massiccia, daccordo, in un territorio che era sconfinato, anche se poi rimasero quasi tutti nelle grandi città  costiere, e non ti credere che il livello di consapevolezza ed evoluzione sociale dei nostri emigranti fosse migliore a confronto di quello ora importato dagli stranieri in italia. Eppoi a ben pensarci é un’emigrazione, quella italiana, che dura anche ai giorni nostri; basta vedere la fuga di cervelli dalle università  e da altre realtà ; secondo me questo ha lo stesso valore dello sfuggire dal disagio (se non peggio) di questi stranieri, del vivere in una terra che ti tradisce giorno dopo giorno. Lungi da me di volerti convincere di qualche cosa ti auguro una buona notte.

  3. Marco ha detto:

    Non capisco il tuo discorso del malintenzionato negro.
    Ma che vuol dire? Proprio non capisco cosa vuoi dire.
    Ad ogni modo, io non sono razzista, e non mi fa paura né il negro in quanto tale, né temo quello con la pistola più di quanto tema un qualsiasi essere umano con la pistola.
    Mi fa paura il negro solo in quanto STRANIERO, come tutti gli altri stranieri, che si insediano in casa mia, e che snaturano la mia identità . Mi fanno paura perché non sono una ragionevole quantità  ma sono (e solo fino ad ora in quanto destinati inarrestabilmente ad aumentare) CINQUE MILIONI, cioé sono diventati quasi UN DECIMO della popolazione in dieci anni!!!
    Non mi fa paura lo straniero in quanto tale, mi fa paura una massa enorme e senza precedenti nella storia di stranieri ch si sta riversando in casa mia, dove stiamo già  strettissimi, dove non c’é rimasto un quadratino di verde, dove con ogni nuova persona che entra il popolo(e non “lor signori”!!!) deve dividere tutto quello che c’é, di quel poco che gli é rimasto e che sempre meno ci sarà , case, ospedali, cibo, servizi, e voglio fermarmi qui per non parlare di tutte le altre implicazioni, culturali, di coesistenza, di futura sopravvivenza. Le società  multietniche non sono mai esistite, ogni gruppo tende per natura a far parte per se stesso, come é giusto, altrimenti ci sono conflitti o sopraffazioni.
    L’integrazione con una quantità  così oceanica di persone é semplicemente una assurdità . Si integrano piccole quantità  in grandi, ma non esiste integrazione se si riversano masse enormi di qualcosa in qualche altra cosa. Così come se in mare rovesci un bicchiere di petrolio, il mare resterà  mare. Ma se ci riversi una petroliera, ci sarà  una gran chiazza nera, e non potrà  mai essere integrata una tale quantità  di petrolio,e sarà  la devastazione ambientale. Quella che chiamano integrazione, altro non é che l’accettazione dell’invasione, di non essere cioé più noi.
    Integrazione con altre popolazioni significa semplicemente la nostra scomparsa, diventeremo un’altra schifosissima america. L’Italia non esisterà  più.
    Non prendiamoci in giro. E’ un inganno!
    E io ho una rabbia in corpo irrefrenabile per questo disastro che che ci stanno infliggendo.
    E’ il grande imbroglio del sistema, e tu ci caschi.
    E’ una ridefinizione del popolo italiano ad un livello più basso. Una specie di “svalutazione”, invece che della moneta, di un popolo. Un po’ come hanno fatto con l’Alitalia,…questa Italia (in questa Europa) fallita diventerà  una CAI, un’aborto, un niente. Una riedizione in attesa della liquidazione finale. Venduta per la sopravvivenza del capitalismo, come dei nobili decaduti si vendono il palazzo per sopravvivere.
    A me pare che tu faccia dell’intellettualismo buonista, per giustificare qualsiasi cosa.
    Integrazione con popolazioni di tutto il mondo che si insedieranno in casa nostra significa semplicemente scomparsa del popolo italiano. Semplicissimo. Ma perché mai io mi dovrei integrare con un asiatico o un africano o un arabo, o con qualsiasi altra popolazione??? ma perché l’Italia deve essere integrata?? Perché…PERCHE’????? Perché non va bene così??? Ma che razza di assurdità  é questa? Ma per quale ragione al mondo vorrei sapere. Se non per le ragioni di un distruttivo sistema economicoche si e ci sta mangiando tutto?!? Perché si dovrebbe perdere questa (ennesima) preziosa biodiversità  del nostro e degli altri popoli europei? Se non perché questo serve a quel mostro maledetto del sistema capitalistico che sta distruggendo tutto sulla terra.
    Questo sarà  la distruzione della nostra diversità , e quindi un danno, come ogni ambientalista sa benissimo.
    Ma cosa c’entra il delirio di onnipotenza? Onnipotenza??? Ma se stiamo morendo miseramente,…a me basterebbe sopravvivere, quale onnipotenza.
    Il sistema ci sta svendendo e tu mi parli di onnipotenza??
    Io credo che la storia sia fatta dagli uomini, non da eventi che si fanno da sé.
    E che sia fatta non certo da quegli uomini che accettano supinamente tutto ciò che gli cade addosso, ammesso che possano chiamarsi uomini, ma da quelli che si battono e si sono battuti da sempre per ciò che reputano giusto per un mondo migliore, anche a costo della loro vita.
    Questi sono gli uomini della storia, e a cui la storia tributa l’onore della memoria.

    http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585

  4. Steve Piretrus ha detto:

    Ti sei risposto da solo. La Storia é fatta di estinzioni ed invasioni, e noi nn possiamo farci niente. Se ancora nn l’hai capito non dipende da quello che vorremmo o non vorremmo per noi stessi. Il nostro delirio di onnipotenza ci porta a considerare ed imporre sempre quello che é meglio per noi o per gli altri, valutandolo con il nostro metro ma nella vita c’é sempre qualcosa che sfugge al controllo; chi ha provato a cambiare il corso del nostro divenire con il misero egoismo é semplicemente “evaporato”. E poi ti suggerirei di non leggere tutto con “estinzione”, “invasione”, non é dall’oggi al domani che ci sostituiranno coi cinesi o coi senegalesi. Quello di cui parlo io é integrazione, empatia, cogliere sempre quello che può essere utile a migliorare gli altri e migliorarti. Pensi che io non sappia che potrei trovarmi in ogni momento davanti un malintenzionato con la pistola, o che potrei rimanere stirato sulle strisce pedonali con estrema facilità ? C’é bisogno che sia un negro a fare tutto cio? E’ questa la tua paura? farebbe più danno un rumeno che ti spara o scajola che ti costruisce centrali nucleari ed inceneritori sotto il culo? Il papa che condanna e scomunica utenti di preservativi in paesi che di sesso muoiono? se questo é un’intellettualismo che ti urta mi dispiace. Ma io i nemici (e la vita me ne ha presentati tanti) me li cerco da un’altra parte….altro che coraggio! ciao

  5. Marco ha detto:

    Ma quale rimescola Steve, non facciamo giochi con le parole. Chiamiamo le cose col loro nome: é l’Europa, con le sue popolazioni, che si estinguono, altro che rimescolo.
    I popoli europei hanno fallito nella logica della selezione naturale. Sono stati portatori di un sistema fallimentare come quello capitalistico, e la natura li punisce con l’estinzione. L’Europa verrà  occupata dalle popolazioni vincenti: asiatici, africani, arabi.
    Semplice ed elementare.
    Questa é comunque una catastrofe epocale, e lo é per tutti.
    Il fatto che mi sento sempre puntualmente ripetere é che siamo una mescolanza di razze, etc etc etc, sempre la solita pappardella, l’ho sentita mille volte.
    Ma che c’entra questo? Il popolo italiano é il risultato di lenti processi storici durati due millenni. Ma cosa c’entra questo??? Siccome la storia é fatta di invasioni e estinzioni allora é giusto (e bello anche magari) essere invasi ed estinguerci??
    Ma che logica é mai questa???
    Scusami Steve, astrai troppo.
    Stiamo scomparendo. E questa é una catastrofe. Questo é quello che conta. Stop. Tutto il resto sono intellettualismi sterili per far diventare a tutti i costi positivo ciò che é evidentemente negativo. Piuttosto, se riconosciamo che questo é negativo per tutti, facciamo qualcosa per opporvici! Ciò sarebbe qualcosa di utile e costruttivo!
    Non gli intellettualismi che, partendo da un risultato già  prefissato e che si deve assolutamente raggiungere (cioé giustificare il buonismo e l’invasione – spesso inconsciamente, non voglio dire che sia in malafede) infiorettano illogiche evoluzioni mentali, anche se apparentemente eleganti, per dimostrare che é sempre tutto regolare e tutto va bene.
    E ciò, in questo caso, per scansare la paura di essere “cattivi” e “razzisti”.
    Il pensiero é sterile senza un po’ di coraggio.
    Il cosiddetto coraggio intellettuale, di cui una parte essenziale é il saper guardare crudamente e direttamente in faccia la realtà .
    Ed altrettanto crudamente trarne le conseguenze, di pensiero, e di azione.
    http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585

  6. Steve Piretrus ha detto:

    daccordo con te sul discorso america, che non é molto dissimile da quello che hanno fatto, rapportandolo ai numeri del nostro territorio,i nostri cossiga, andreotti, la chiesa stessa. Non é un’invasione, é l’umanità  che si rimescola, come é successo con il nostro passato. Qual’é il popolo italiano? da quando parte l’anno zero della sua fondazione? siamo una mescolanza di razze da sempre, abbiamo sangue etrusco, celtico, franco, gallico, slavo,greco, arabo….basta che giri l’italia per accorgertene…la nostra intelligenza, fantasia é un coctail di geni (la biodiversità  di cui parli?) che ha conquistato il mondo! Siamo noi i più grandi esterofili della terra, a partire dai tempi del tuo Romoletto. Non é il rinchiudersi in casa che risolverai i problemi del mondo, perché ti ricordo che siamo tutti sopra questa pallina piccola piccola…Vogliamo fare come l’albania? loro si sono chiusi in casa per anni, poi sono esplosi….

  7. Marco ha detto:

    Roberto R, la tua considerazione é esatta. Resta il fatto che é una tassa catastrofica, che ci farà  scomparire come popolo, e dunque negativa, non solo per noi, ma, come quando si perde qualsiasi diversità , negativa per tutta l’umanità . Il fatto che al posto dell’Europa ci sarà  un’altra america, sarà  una perdita per tutti. E se ciò é negativo, come é, ognuno di noi dovrebbe combattere questo disastro, cercando di impedirlo, che ci riesca o no.
    Steve Piretrus, lasciamo perdere cosa é l’America, il tema é troppo vasto. Io ho citato l’America per dire che qui ci sarà  ben presto un’altra America, al posto dell’Europa, la quale scomparirà  con la sue diversità , specificità , e con le sue popolazioni, che non esisteranno più.
    Vorrei comunque ricordarti che gli USA sono stati i più grandi terroristi della storia recente, fomentando, favorendo e sostenendo le peggiori dittature e i peggiori criminali al mondo, e direttamente orgnizzando atti terroristici e assassinii ovunque. Basta pensare alle BR in Italia, totalmente dirette, dopo i primissimi anni dalla loro nascita, dalla CIA e dalla P2, per impedire l’entrata del partito comunista al governo negli anni ’70. Ma, ripeto il discorso sarebbe troppo lungo su questo tema.
    Fau Fab, il razzismo é il razzismo (vedi il significato dalla Treccani, che ho riportato sopra). La paura del diverso é la paura del diverso. Sono due cose distinte. La paura del diverso é una cosa naturale entro certi limiti, ma non deve andar oltre tali ragionevoli limiti appunto, cercando di superare anche questi, dopo una reciproca conoscenza.
    Ma in ciò di cui stiamo parlando non c’entra nulla neanche questo. Qui c’é una invasione in corso, e chi cerca di opporsi non é che abbia paura del diverso, ma ha semplicemente, come é giusto che sia, paura di questa invasione e delle catastrofiche conseguenze che questa comporterà . Forse che i partigiani dell’ultima guerra combattevano i tedeschi perché avevano paura del diverso?!?
    Certamente che io mi sento in un certo senso “proprietario” del mio territorio (anche se non é la parola più adatta).
    E’ una cosa più che naturale. E’ casa mia. Ognuno di noi vive in una serie di “case” di ampiezza via via crescente, dalla propria abitazione, alla città , alla propia nazione. E’ del tutto sano e normale che sia così. Ma perché mai bisogna fantasticare teorie astruse campate in aria e staccate dalla semplice realtà . Bisogna “pensare come se magna” direbbero a Roma (che é la mia città ,…appunto)!
    Ma io, lo sottolineo, non considero questa invasione un danno per motivi nazionalistici, in quanto se ciò accadesse a qualsiasi altro Stato o realtà  antropologica nel mondo, avrei la stessa identica reazione. Considero questa invasione un danno catastrofico per la biodiversità  che andrà  perduta, un perdita enorme e senza precedenti, perché porterà  alla scomparsa del popolo italiano, così come di tutti i popoli europei. Ti rendi conto ?!? Se non é una catastrofe questa!!!
    E, lo ripeto, non solo per noi europei, ma per tutta l’umanità . E questo danno é causato solo ed esclusivamente dal sistema capitalistico, che vuole e ha bisogno di questa invasione, non per solidarietà , ma per la sua sopravvivenza.
    Osserva bene: non ti accorgi di come ci sia un martellamento continuo, ogni giorno, ogni giorno, in tv ed in TUTTI i media, praticamente di TUTTI (salvo i leghisti) a favore di questa invasione, e contro i “cattivi” che non la vogliono. Non lo vedi?! E, chiediti,… perché mai tutto questo impegno, tutto questo prodigarsi? Per bontà ? Per altruismo? Per solidarietà ? … Beh chi ci crede é ingenuo.
    La corretta risposta te l’ho già  data sopra: é il sistema, che parla attraverso le forze del capitalismo (cioé TUTTE le forze politiche) che si fa sentire, per convincerci che questa invasione é giusta.
    Perché “loro” ne hanno bisogno.
    Spero sia chiaro il quadro.

  8. karlofalce ha detto:

    Per chi volesse, c’é in rete una splendida rassegna stampa sulle gaffe del nano piduista al G20 di Pittsburgh e il gelo di Michelle Obama contro il nostro premier. Ecco il link

    http://oknotizie.virgilio.it/go.php?us=59b450580c885c09

  9. Fau.Fab ha detto:

    A MIO AVVISO IL RAZZISMO E’LA PAURA DEL DIVERSO…

    UN CONSIGLIO PER CHI SI CONSIDERA “PROPRIETARIO” (?) DI UNA NAZIONE:COMINCIATE A SENTIRVI CITTADINI DI QUESTO PAESE CON UGUALI DIRITTI ED UGUALI DOVERI PRIMA CIARLARE CONTRO ALTRI ESSERI UMANI…

    P.S.IL FEGATO E’ OK…SONO LE PALLE CHE SONO PIENE DELLE STRONZATE DI PSEUDO-CITTADINI ITALIANI DELLA TUA FATTA!

  10. Steve Piretrus ha detto:

    a chi faceva il paragone con l’america, auspicando che questa non debba servirci da modello, dico che é forse uno stato tra i più democratici al mondo. Anche con le sue terrificanti contraddizioni (pena di morte in un popolo che segue Cristo, diritto alla salute a pagamento, esportazione di pace solo nei paesi attraversati da oleodotti e petrolio) l’america ha permesso molti di quei progressi che il nostro paese non vuole incentivare, a partire dalle nostre università , abbandonato totalmente alla propria apatia mentale. C’é modo e modo di pensare: chi crede che il suo mondo non vada oltre il proprio cesso, chi parla in termini di umanità  totale (lasciate stare la chiesa in questi discorsi; attualmente sarebbe come sparare sulla crocerossa, ormai). Eppoi lasciate stare, i delinquenti che siedono sugli scranni del parlamento fanno danni ben peggiori.

  11. roberto r. ha detto:

    l’immigrazione e’ la tassa da pagare che ci ha lasciato secoli di sfruttamento e colonialismo dei paesi poveri da parte dell’occidente; come tutte le tasse vanno pagate..punto

  12. Marco ha detto:

    Non ti capisco. Ma contento tu,…

  13. silver ha detto:

    la tristezza e’ vedere il nano che accontenta quei 4 leghisti “padroni a casa loro” di cui abbiamo un FIERO esponente al primo dei commenti con queste puttanate populiste SENZA CERCARE DI RISOLVERE VERAMENTE IL PROBLEMA….DATO che forse saremo comunisti,ma fidati che ci siamo accorti pure noi che esiste un problema immigrazione ,CHE NON SI RISOLVE COSI’….sono sempre esseri umani, STANNO PURE A ME SULle palle SPESSO E VOLENTIERI, MA SONO sempre esseri UMANI…lo capisci o il sole delle alpi ti annebbia ancora il cervello???????.
    Ultimo ma NON meno importante …MEGLIO LA CARITA’ CHE FARE SOLDI CON LA MAFIA O con il roma ladrona solo a chiacchere x fare contentO il verde cortigiano , INTANTO SI INTASCA A TUTTO SPIANO e il legaiolo fa fatica ad arrivare a fine mese!!
    povera italia!!!
    e povero fabbrini al cospetto di UN VERO GIORNALISTA CON LA SCHIENA DRITTA!!!
    SALUTI…

  14. marco ha detto:

    @ Marco
    Ma certo, come su tipo… fammi pensare… ogni-altra-cosa?
    Il discorso é che per me é più che sufficiente già  questo tipo di superficie.
    In questo caso.

  15. Marco ha detto:

    marco minuscolo, non si potrebbe andare oltre, e con un po’ più di profondità ?

  16. marco ha detto:

    Ancora battute razziste incurante delle polemiche della volta scorsa. E’ TERRIFICANTE sentire tutti applaudire:

    http://tg24.sky.it/tg24/politica/2009/09/27/silvio_berlusconi_intervento_festa_pdl_diretta.html

  17. Marco ha detto:

    Roberto G., condivido in pieno le tue osservazioni.
    E’ PROPRIO su queste tue constatazioni che si fonda la mia ottica.
    Permettimi di rilevare che l’invasione esiste eccome.
    Se nell’arco di 10 anni CINQUE MILIONI di estranei si riversano in casa tua, come la chiami questa? E’ ridicolo chiamarla immigrazione. L’immigrazione é sempre esistita, e non é certo questa cosa qui. Quali che siano le CAUSE ed il MODO di questa invasione, non é importante al fine di definirla come tale.
    Una invasione può anche avvenire in modo del tutto pacifico.
    Le colonizzazioni in natura avvengono nei più svariati modi e per le più svariate cause. Ciò che conta é che noi stiamo perdendo (l’ennesima) biodiversità , ed é una perdita clamorosamente grave, perché qui si tratta appunto della vera e propria SCOMPARSA delle popolazioni europee, in cambio di schiavitù per il capitalismo.
    Cioé stiamo vendendo noi stessi, la nostra casa, per la continuazione di questo sistema mostruoso che sta portando il mondo alla rovina.
    IL GRANDE INGANNO é quello in cui cadono quasi tutti, ed anche tu, ed é cioé di credere che questa immigrazione avviene per il fatto che questa gente scappa da paesi flagellati da guerre e povertà , e che quindi sarebe nostro dovere civico essere solidali ed accoglienti.
    A parte il fatto che comunque anche questa ottica ha un limite, perché é evidente che non si può accogliere tutto il mondo in Europa, oltre un certo numero il fenomeno assume proporzioni (come appunto sta assumendo) catastrofiche; e catastrofiche PER TUTTI, attenzione, perché la scomparsa dell’Europa sarà  un danno epocale per tutto il mondo.
    Ma la cosa più importantante é che non é così:
    LE GUERRE ED I FLAGELLI NEL MONDO CI SONO SEMPRE STATI, come mai solo adesso c’é questa trasmigrazione oceanica?!?
    La risposta é semplice, in realtà  questa invasione avviene perché voluta e favorita dal sistema capitalistico, non siamo noi a dover aiutare loro, SONO LORO A DOVER AIUTARE NOI !!!
    E’ questa cosa fondamentale che va capita!
    Il sistema per funzionare ha bisogno di una parte di popolazione da sfruttare, e gli europei hanno raggiunto un livello tale che di schiavi non ce n’é più. E allora si prendono da fuori. E’ esattamente lo stesso meccanismo che portò alla deportazioni dei negri africani negli Stati Uniti 200 anni fa. LO STESSO IDENTICO MECCANISMO LA STESSA LOGICA. E anche le conseguenze saranno simili, ma enormemente più gravi.
    Se davvero ci fosse questo nobile afflato di solidarietà  ed altruismo, si potrebbe e sarebbe potuto fare tanto per rimuovere le cause di queste presunti disagi, predisponendo a livello mondiale ad esempio un piano organico di sostegno alle comunitòà  ed ai popoli deboli. A cominciare con l’intervento sulle guerre, agevolissimo, e fattibilissimo, come sempre é stato fatto quando é convenuto strategicamente. Dunque questa sinistra ipocrita che attribuisce l’afflusso di immigrati alla solidarietà , mentre contemporaneamente le guerre e gli sfruttamenti in casa loro li programma e li sostiene, che invece di battersi per la rimozione appunto degli sporchi maneggi di multinazionali e poteri finanziari, continua invece nella più perfetta logica capitalistica a favorire l’afflusso di questi nuovi schiavi che invece servono per NOI, e non per dare solidarietà  a loro. Invece di sentire tutti i giorni l’ONU, il nostro Morfeo Presidente Napolitano, Fini e tutti i poteri forti, salvo la Lega, prodigarsi per favorire l’ingresso di questa massa di schiavitù, li hai mai sentiti con lo stesso ardore pronunciarsi CONTRO gli sporchi maneggi di multinazionali e poteri finanziari?!
    Insomma, il quadro é chiaro, a chi lo vuol capire.
    Ecco perché io, proprio perché comunista e ambientalista considero questa imnvasione un disastro che si va ad affiancare ed a completare un quadro coerente di tutti i disastri che il sistema capitalistico sta causando al mondo.
    …La ricca biodiversità  europea e l’alto tenore di vita che la contraddistingue possono sopravvivere solo grazie a questo continuo ed indecente sfruttamento dei paesi poveri.
    Se non si parte da questo assunto fondamentale ogni discussione o presa di posizione su razzismo e immigrazione é pura aria fritta…

    Appunto,…l’hai detto, e lo sfruttamento di questi paesi poveri continua appunto qui da noi, trasferendo schiavitù che, senza sua colpa ma di fatto, distruggerà  l’identità  dell’Europa, in nome di questo sviluppo mostruoso.
    E chi si oppone a tutto ciò, come me, non é razzista.
    Il razzismo l’ho combattuto tutta la vita e continuo a farlo. Chi si oppone a tutto ciò é semplicemente, a mio avvviso, una persona illuminata e fuori dal gregge.
    Grazie per il dialogo civile.

  18. Antonio Caprari ha detto:

    video rimosso, Perché ?

  19. Andrea ha detto:

    Nooo, il video é stato rimosso?

  20. Marco Cimmino ha detto:

    Non rispondete ai troll, sono persone che hanno spento il cervello anni fa e ora si trovano in stato vegetativo.

    Sanno solo offendere chi non la pensa come loro, non hanno argomentazioni se non l’offesa.
    Lasciateli perdere, non mischiatevi con tale spazzatura.

  21. rent ha detto:

    Fabbrini preferisco la compagnia degli onesti che raccolgono le olive a la gente come te che ha permesso di rendere questo Paese in rovina e ridicolo agli occhi del mondo.

  22. Roberto G. ha detto:

    Caro Marco (quello educato) non esiste alcuna invasione ma solo gente che scappa da paesi flagellati da guerre e povertà .

    Guerre e povertà  che non gli sono piovute addosso come castighi biblici ma che hanno sempre dietro gli sporchi maneggi di multinazionali e poteri finanziari per lo più occidentali. La ricca biodiversità  europea e l’alto tenore di vita che la contraddistingue possono sopravvivere solo grazie a questo continuo ed indecente sfruttamento dei paesi poveri.

    Se non si parte da questo assunto fondamentale ogni discussione o presa di posizione (compresa la tua) su razzismo e immigrazione é pura aria fritta.

  23. POLDO ha detto:

    “… NELLA MIA CITTA’ CI SONO LE RONDE E I QUATTRO BULLETTI CHE LA NOTTE SI DIVERTIVANO A FARE I COGLIONI SONO SPARITI DALLA CIRCOLAZIONE. E’ POCO? VA BENISSIMO.”

    Minchia e chi erano questi pseudo mafiosi, figli di malavitosi, vere e proprie piaghe sociali che facevano addirittura i bulletti la notte e che adesso si cagano sotto perché ci sono le RONDE che li riprendono! Wow! Ma dove vivi nel paese di Heidi?
    Non é che magari i bulletti erano un gruppo di caprette che si sballavano il sabato sera con l’erba gatta?

    Cos’é, anche tu fai parte dell’elite padana in costante competizione cerebrale con Homer Simpson? Quella che odia tutto e tutti per poi tornare a casa con il domestico filippino che gli aspetta?
    Quelli che fanno i comizi antimmigrazione e poi si tirano dentro casa le mulatte per fare i festini a luci rosse.
    Quelli che rompono i coglioni con Roma ladrona e poi piazzano a carico della comunità  i figli con la licenza media ignoranti come una mattonella di cotto a vigilare sull’expò di Milano.

    A Fabbrini, come diceva un ‘amico mio “…ma vattela a pià  ‘n der cuxo!”

  24. Marco B. ha detto:

    Daniele,

    okkio a parlare male di “Zanna Bianca” Maroni(c’é chi lo chiama Leprotto Leporino .. per via di quel pizzetto che lo contraddistingue e che servivebbe a coprire il noto “difetto” di Madre Natura)adesso che é Ministro degli Interni ci mette un niente a fare un ddl per far chiudere i blogs che RACCONTANO i SUOI “grandi successi” 🙁 .. e NON mi riferisco a quelli MUSICALI della BAND “Distretto 51”!! Se poi pensiamo che il ministro in gioventù era un militante di ESTREMA SINISTRA, uno di Democrazia Proletaria tutto centri sociali e musica Soul, Blues & Rock’n’Roll .. beh, basta questo per DEFINIRE un altro POST 68ino che aveva le IDEE CHIARE fin da SUBITO sul futuro(SUO)NON certo del RESTO del MONDO. Chissà  se nella Lega é necessario come nel PdL NON solo avere il Certificato Penale riportante CONDANNE, ma anche una MANIFESTA volontà  a fare il CONTRARIO di TUTTO ciò che si và  PROFESSANDO(IERI da SINISTRO e OGGI da LEGAIOLO DOC) .. potrebbe ANCHE essere una strategia POLITICA vincente .. a pensarci BENE!! FATE ciò che DICO .. NON FATE ciò che FACCIO .. però! Che PENSATA .. un NOVITA’ proprio ..!

  25. freeman ha detto:

    se abbiamo questo regime infame di merda, la colpa é proprio degli italioti come fabbrini… povera italia davvero. 🙁

  26. Marco ha detto:

    Sottolineando il fatto che io sono un Marco diverso da quel maleducato e violento che ha commentato per primo (state attenti a distinguere i commenti!)e da cui mi dissocio al 100% sia nei modi che nei contenuti, invito tutti coloro che parlano pregiudizialmente e con intolleranza di razzismo senza sapere cos’é, a RIPASSARE, magari su una enciclopedia, il significatio di questa parola.
    Ve lo ricordo io:
    ENCICLOPEDIA TRECCANI
    voce RAZZISMO:
    _____Ideologia fondata sull’arbitrario presupposto dell’esistenza di razze umane biologicamente e storicamente SUPERIORI destinate al comando, e di ALTRE INFERIORI, destinate alla sottomissione; anche, teoria e prassi politica intese, con discriminazioni e persecuzioni, a conservare la “purezza” e ad assicurare il predominio assoluto della pretesa razza SUPERIORE………………Più genericamente, complesso di manifestazioni o atteggiamenti di intolleranza originati da profondi e radicati pregiudizi ed espressi, da parte di appartenenti ad una comunità , attraverso forme di disprezzo ed emarginazione nei confronti di individui o gruppi appartenenti a comunità  diverse_____

    Ora, in base a questa definizione, mi sembra molto più razzistico l’atteggiamento di chi definisce razzista chi non lo é!
    E’ EVIDENTE che la difesa della propria casa da una invasione, la difesa del proprio popolo dalla estinzione, NON PUO’ ESSERE RAZZISMO, altrimenti erano razzisti anche i partigiani che combaterono i tedeschi invasori.
    E siccome ESATTAMENTE DI QUESTO SI TRATTA, é chiaro che il razzismo non c’entra nulla.
    Dirò di più; io sto ALL’OPPOSTO di una posizione razzistica, perché se mai si volesse scendere sul terreno della valutazione di razze superiori o inferiori (restando attentamente su un piano darwiniano naturalistico) é ovvio che eventualmente LA RAZZA INFERIORE SAREBBE LA NOSTRA !!!
    Perché é evidente che i popoli europei stanno scomparendo sotto questa invasione, e che mentre tutte le razze della Terra si estendono ovunque, noi europei ci stiamo ritirando sempre più, anche dalla nostre case d’origine, sino a scomparire.
    Serve altro per dimostrare come la mia posizione nulla ha a che vedere col razzismo?!
    E per capire che io mi rifaccio alla difesa della DIVERSITA’, della specificità , contro l’omologazione e la globalizzazione VOLUTA DAL CAPITALISMO.
    O si vuole continuare con la INTOLLERANZA razzistica verso chi la pensa come me?!
    E stiamo attenti alle continue invocazioni di censura fatte verso chi ha opinioni diverse dal gregge!
    Infine sottolineo il fatto che io sono sempre stato e continuo ad essere comunista ed ambientalista, ed é PROPRIO IN VIRTU’ DI QUESTO che la penso così, perché, per chi non se ne fosse accorto, questa invasione é INDISPENSABILE al capitalismo per sopravvivere.
    Sveglia!
    http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585

  27. Tsunami ha detto:

    Io piuttosto vorrei sapere chi sono quei pagliacci in giacca e cravatta che “accompagnano” fuori i contestatori. Possono farlo? Io direi di no. Se sono lì a contestare e mi strattonano gli faccio fare il volo dalle scale: nessuno, dico NESSUNO mi mette le mai addosso, tantomeno in una scuola.

  28. alessandro ha detto:

    via i razzisti dal blog!!!

  29. @ marco ha detto:

    Ammazza se questo non é razzismo dimmi cos’é

  30. Marco ha detto:

    Sulla questione della cosiddetta immigrazione (sarebbe più giusto chiamarla invasione dato che sono già  CINQUE MILIONI gli stranieri che si sono insediati in casa nostra, dove stiamo come é noto gia’ STRETTISSIMI), io la penso, pur essendo antirazzista e comunista, molto diversamente. La cosiddetta immigrazione é VOLUTA E PROMOSSA dal sistema capitalistico in fallimento, per sopravvivere. Il sistema, nel suo cinismo, ci sta vendendo casa e sta causando la scomparsa del popolo italiano e di tutti i popoli europei, sta determinando la trasformazione dell’Europa in America.
    Questo é un danno enorme ed una tragedia epocale.
    E’ inaudito che chiunque si opponga a questa invasione venga subito tacciato di razzismo. La qual cosa non é. Questa é una delle intolleranze più grandi cui stiamo assistendo in questo periodo storico. Chi difende casa propria, chi capisce il disastro che sta accadendo della scomparsa della biodiversità  europea, chi cerca di arginare la transumanza umana in atto, viene immediatamente stoppato e castrato da una condanna superficiale ed apodittica derivante dall’ottica buonista che il sistema furbescamente é riuscito ad imporre, facendo leva sui pregiudizi e le fobie collettive inconsce della sinistra verso il razzismo e simili. Il buonismo é la bontà  degli scemi.
    Ci danno anche un po’ fastidio gli “immigrati” che non solo si stanno prendendo casa nostra, ma si permettono anche di contestare, da stranieri che sono, in casa nostra, quei pochi come i leghisti che, (al di là  dei loro censurabili eccessi) ancora agiscono in base a delle idee e non solo alle logiche del profitto, e che rappresentano il popolo sano che al nord (guarda caso la parte più stravolta del paese da questa invasione) si ribella alla propria scomparsa.
    Ti invito dunque, caro Martinelli, per la grande stima che ho per te, a riflettere con maggiore profondità  su certi fenomeni, ed a dare una maggiore considerazione a quella piccola parte sana rimasta di popolazione, rappresentata da una parte ancora più piccola di politici, e infima di intellettuali, quindi a quella estrema MINORANZA, che contro tutto e contro tutti, e NON DA RAZZISTA, si oppone a questa invasione in atto che sta distruggendo la nostra diversità  di popolo italiano, e tutte le diversità  antropologiche europee.
    http://www.facebook.com/group.php?gid=68264075585

  31. CHICCA ha detto:

    Ho dimenticato una cosa sig marco
    Daniele Martinelli é un giornalista libero da catene di partito e dà  conto solo ai suoi lettori perciò nella buona e nella cattiva sorte si rivolge e si rivolgerà  SOLO a noi anche nei momenti di difficoltà .
    diverso sarebbe se il suo nome fosse Feltri, uomo al guinzaglio (corto) che pur di tintillare il suo imperatore rimesta il pattume per rifarsi il maquillage
    Il suo commento, gentile parassita di questo blog (e forse della vita) mi ha inacidito stomaco e sangue
    Scusate amici lo sfogo, la mia indole non é aggressiva ma non riesco a tacere di fronte alle provocazioni subdole e cretine, buona domenica a tutti

  32. gabriele ha detto:

    poveretto il soggetto del primo commento…. spazzato via dalla storia, dalle illusioni/presunzioni di razza, dal mito paraocchi di sé: non vedere il Tempo che si attraversa é forse una condanna profonda e dissociante (la mente) quanto meritata

  33. andrea c. ha detto:

    @Fabbrini,ATTENTO ALLE CORONARIE!! SEI TROPPO BILIOSO!! mi sa tanto che é il tuo fegato che sta per esplodere!

    PS. vai a fare la cacca, magari ti decongestioni,ti sta uscendo dalle orecchie!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.