In azienda si sa? Rubate pure…

ladro

La Neri lavori pubblici Srl é un’azienda di Livorno che svolge servizi portuali dove tutti i dipendenti rubano gasolio e benzina, e dove probabilmente potranno continuare a farlo senza rischiare il posto di lavoro.
A nulla é servito per una pattuglia di finanzieri cogliere in flagranza i dipendenti Alessandro Galli e Angelo Mattera caricare 8 litri di benzina in auto. Tantomeno ai loro dirigenti  perché un giudice del lavoro li ha reintegrati in azienda l’altro ieri.

Comportamento tollerato, fatto da tutti e tacitamente ammesso fin dagli anni ’60” dice in aula tal Rosato. Mentre tal Baffigi riferisce al giudice che “lo sapevano tutti ed era pure ammesso portarsi via il carburante. L’ho fatto anch’io!”. Infatti l’azienda aveva già  licenziato pure lui e ne aveva querelati altri 3. 

15 i dipendenti testi che sono sfilati in aula ad ammettere le ruberie di carburante dentro l’azienda.
Ciò nonostante il giudice ha sospeso l’efficacia del licenziamento perché se in azienda tutti sapevano, compreso i titolari, “non si può risolvere il problema applicando il provvedimento più drastico soltanto a 2 dipendenti“. Anche se colti in flagrante.
Prima d’ora La Neri s.r.l. non aveva mai preso provvedimenti disciplinari perché mai nessuno era stato colto in flagrante a rubare benzina e gasolio. Era stato perciò impossibile avviare processi per un sospetto.

Eppure, il giudice Jacqueline Monica Magi ha spiegato nell’ordinanza di aver svolto un’indagine accurata prima di sentenziare il reintegro di Galli e Mattera. I parecchi testi sentiti “hanno reagito in modi diversi“. E molti, come il Taccini e il Camiciotti “hanno ammesso che le voci di queste appropriazioni c’erano, arrivando a dichiarare che l’azienda sapeva ma non é mai intervenuta con sanzioni“.

In fin dei conti tutti i testi hanno detto che l’azienda sapeva. Alcuni di loro, oltre a sapere, tacitamente acconsentivano. E’ finita col già  ricordato licenziamento del Baffigi, la querela di 3 dipendenti, una presunta schiarita di idee a suon di cazzotti e un’incazzatura da parte della dirigenza aziendale. La stessa che ha dovuto riassumere Angelo Mattera e Alessandro Galli senza tuttavia permettergli di entrare. Li pagano e basta. “Nessuna arrabbiatura” dice l’avvocato Pasquinucci. “E’ una sentenza costituzionale: se prima hai sempre detto sì, non puoi far capire all’improvviso che la musica é cambiata con il provvedimento più duro“.

Insomma questo caso insegna che se un dipendente volesse rubare nell’azienda in cui lavora, potrebbe farla franca invitando quanti più colleghi possibile ad imitarlo perché se un giorno tutti ruberanno consapevolmente, fra le pieghe contorte di certo diritto, tutto ciò potrebbe trasformarsi alla stregua del lecito, impedendo ai datori di lavoro di prendere provvedimenti. Nemmeno quello più naturale di licenziare dei ladri.
Se questa é giustizia…

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

28 Commenti a “In azienda si sa? Rubate pure…”

  1. Rick ha detto:

    Scusate ma io sono d’accordo con la sentenza.
    Nel mio ufficio é tollerato fare qualche telefonata privata con i telefoni aziendali, non é che possono svegliarsi la mattina e licenziarmi se chiamo qualcuno perché “rubo” il costo della telefonata.
    Prima fai un’apposita circolare, imponi una data di inizio nuovo “trattamento”, manda le eventuali 3 lettere di richiamo, e poi allora licenzi.

  2. freeman ha detto:

    anche io consiglio di andare via. in questo paese mafioso non vedo speranze. quando un popolo non vuole cambiare, per me c’é una sola cosa da fare. poi ognuno faccia come vuole…

  3. Viandante sbronzo ha detto:

    @ella
    sicuramente strumentalizzazioni ci furono. Ma oggi i giovani non mi/ci possono accusare di essere stati noi causa di tutto il male odierno. Questo non lo posso accettare. Sin da 14 anni ho cominciato a scendere in piazza, e fino ai 24 quando ho capito che quello italiano é un popolo di m……per cui non valeva la pena lottare. Su questo mi sento di consigliare i giovani: mettete qualche euro da parte e fuggite all’estero. L’italia é e rimmarrà  terra di mafia. Giovanni Falcone fu assassinato per questo, scopri la saldatura tra mafia e politica. Il motivo per cui oggi non viene ammazzato più nessuno é perché la mafia é al potere. Se consideriamo che all’interno del nostro paese c’é uno Stato canaglia come il Vaticano il quadro é davvero sconcertante.

  4. CHICCA ha detto:

    Se l’inizio del confronto é uno scontro tra generazioni siamo messi proprio male.
    Chi oggi occupa scranni pontifici non son certo nuove generazioni ma antichi mausolei che ieri si sono battuti per i diritti civili ed oggi si battono per i portafogli più gonfi.
    L’ideologia é andata a puttane insieme al premier- altro esempio di nuovo che avanza- e, se un giovane, anagraficamente parlando o di idee innovative, si affaccia alla ribalta politica ecco che viene messo all’angolo nel migliore dei casi, alla berlina se proprio si vuol esagerare.
    Siamo concreti per favore e non prendiamoci per i fondelli e poi rinfacciare alle nuove generazioni la loro insipienza é usare il transfert psicoanalitico che proietta sugli altri l’incapacità  di assumerci responsabilità  che non si ha più voglia né forza di fare proprie

  5. Ella ha detto:

    @viandante sbronzo:

    Tanto quanto veda i giovani di oggi, per la maggior parte, apatici e disinformati, ho il sospetto che la “nostra” generazione sia stata (forse?) strumentalizzata.

    Me le ricordo quelle manifestazioni in cui di fatto si andava in pasto alla polizia, con la celere che ci accerchiava, e tanti che prendevano botte–qualcuno e’ anche morto.
    Mi ricordo i provocatori fascisti travestiti da compagni, mi ricordo di come tante volte si finiva nel caos piu’ totale, e sinceramente non so se vorrei che i miei figli (i giovani di oggi) si esponessero cosi’ tanto per delle cause che i “poteri forti” hanno gia’ deciso a tavolino.

  6. Viandante sbronzo ha detto:

    quoto 100% freeman

  7. freeman ha detto:

    >SECONDO VOI LA POLITICA é LO SPECCHIO DELLA SOCIETà  O LA SOCIETà  é LO SPECCHIO DELLA POLITICA?
    direi proprio la prima. un popolo serio non avrebbe certo questa casta maledetta…

  8. Viandante sbronzo ha detto:

    @calì
    “IL PERIODO CRAXIANO NON é MAI MAI MORTO, MA SI é SEMPRE RAFFORZATO.”
    Il giudice Gherardo Colombo ha sempre affermato che con mani pulite fu scoperta solo la punta di un grandissimo iceberg.
    Immaginiamo quanto sia diffusa la partica della corruzione, tangenti, pizzi e chi più ne ha più ne metta. A tutti i livelli!!! Dal più piccolo dei comuni al governo centrale. E gli italiani sono parte integrante di questo sistema.
    Spero che qualcuno abbia ascoltato l’intervista del figlio dell’avvocato Ambrosoli sul blog di Grillo. In pratica conferma ciò che ho sempre detto, perché IO l’ho verificato SUL CAMPO, non davanti ad un pc.

  9. Marco Calì ha detto:

    SECONDO VOI LA POLITICA é LO SPECCHIO DELLA SOCIETà  O LA SOCIETà  é LO SPECCHIO DELLA POLITICA?
    IN OGNI CASO é PROPRIO BRUTTA E TRISTE LA STRADA CHE STIAMO PERCORRENDO E CERTAMENTE L’ITALIANO MEDIO CE L’HA UN Pò NEL DNA , IL PERIODO CRAXIANO NON é MAI MAI MORTO, MA SI é SEMPRE RAFFORZATO.

  10. MASSIMO C ha detto:

    D’altronde il buon esempio viene dato dai parlamentari condannati che siedono in parlamento !,con resposabilita’ ben piu’ grandi di 4 ladri di galline….
    Poi esistono anche aziende che per licenziare dei dipendenti scomodi gli infilano nella loro macchina oggetti,cosi’ da provare un furto che in verita’ non e’ mai avventuto….
    la realta’ e’ superiore alla fantasia….!

  11. andrea ha detto:

    E TI MERAVIGLI?
    CHI C’E’ AL GOVERNO?… GHANDI?
    COSA DICE VELTRONI DI BOTTINO CRAXI?
    QUATTRO POLIZIOTTI PESTANO A MORTE PER PURO SADISMO UN RAGAZZINO AMMANETTATO E LI “CONDANNANO” A SOLI TRE ANNI E QUATTRO MESI.
    E MI FERMO QUI ,MA POTREI ANDARE AVANTI PER MESI A ELENCARE LE PORCHERIE CHE HO (ABBIAMO)VISTO IN QUESTI ANNI,PENSANDO OGNI VOLTA CHE SI ERA TOCCATO IL FONDO E CHE NON SI POTEVA FARE DI PEGGIO!
    IL PEGGIO DEVE ANCORA VENIRE!

  12. Viandante sbronzo ha detto:

    @CHICCA
    Se voi giovani vi siete ritrovati quei diritti civili (divorzio, aborto, scala mobile etc etc) lo dovete a noi che siamo SCESI IN PIAZZA! Anche per il NO al nucleare SCENDEMMO IN PIAZZA e riuscimmo ad otteneere un italia denuclearizzata. Oggi lo hanno reintrodotto con una legge LIBERTICIDA in barba al REFERENDUM, e non mi é sembrato di vedere le NUOVE GENERAZIONI manifestare in PIAZZA. Quella nuova generazione cui certamente tu appartieni. Prima di guardare la pagliuzza negli occhi degli altri cerca di vedere la trave nei tuoi. Siete voi che siete cresciuti a pane nutella e maria de filippi e la colpa non é vostra é dei VOSTRI genitori che vi hanno lasciati davanti quella scatola maledetta che vi ha rincoglioniti! Non certo la mia o di quelli che come me si sono dedicati GIORNO E NOTTE a combattere per ottenere i propri DIRITTI!

  13. Roberto G. ha detto:

    Ribadisco che padre Alex Zanotelli andrebbe fatto papa oggi stesso. Leggete la sua lettera sul pacchetto sicurezza, anch’io come lui mi vergogno di essere italiano

    http://tiny.cc/JKlbK

  14. CHICCA ha detto:

    buongiorno daniele ciao a tutti
    vorrei rispondere a chi mi accusa di far niente altro che blaterare sul blog
    é vero, in effetti posso far poco o nulla per ribaltare una situazione che é degenerata in una pantomima da avanspettacolo, non ho le competenze né la capacità  di sovvertire questo piccolo mondo antico ammuffito di antivalori ed immoralità 
    ma questo é il mondo che mi avete lasciato voi “grandi” e dove mi sento clandestina sebbene ci sia nata e cresciuta, questa é l’eredità  che avete lasciato a noi giovani voi che avete militato sotto un’unica bandiera, voi che avreste voluto cambiare il mondo gridando pace e amore ma siete riusciti solo a spianare la strada a chi vi ha preso alla lettera e l’amore lo decanta con prospettive molto ma molto personali.
    io cerco di trovare un mio spazio vitale perché, sebbene tutto attorno ci sia muffa, penso ci siano tante brave persone che diano ancora valore a concetti che potrebbero sembrare oggi obsoleti

  15. Alcofribas A.Q. ha detto:

    Ha ragione “viandante sbronzo”,é l’italiota che ha il dna degenerato…fin da piccolo ti raccomandano di diventare un furbo…Enjoy italy…

  16. Ella ha detto:

    Pochi giorni fa c’era un articoletto su Repubblica online che spiegava come onesti si nasce.

    http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/scienze/cervello-onesti/cervello-onesti/cervello-onesti

    E’ nel nostro DNA, dicono gli scienziati di Harvard che hanno fatto questa scoperta, e chi ne e’ sprovvisto (del tratto dell’onesta’, non del DNA) si deve rassegnare a fare il politico in Italia vita natural durante–dico io.

  17. Viandante sbronzo ha detto:

    @CHICCA
    tu oltre a consumarti i polpastrelli sulla tastiera cosa fai, o cosa hai fatto per far sì che tutto ciò non accadesse?
    Io 30 anni fa ho dato la mia meglio gioventù attraverso una militanza nella strada. Mi é servito a conoscere il popolo italiano che ti ho descritto sopra. Se hai voglia di avere conferma di ciò che affermo, vai in piazza a informare la gente. Ma tu non guardi i video di Ricca? La gente passa davanti senza interessarsi di NULLA. E questo é solo un esempio.

  18. CHICCA ha detto:

    Pensate che tutto é successo perché non ne avete più voluto sapere.
    PENSATE CHE TUTTO E’ SUCCESSO PERCHE’ NON NE AVETE PIU’ VOLUTO SAPERE
    buonanotte blog

  19. freeman ha detto:

    >Metterò ancora qualche euro da parte per andare via da questo incubo di paese.
    saggia decisione. questo paese era già  messo male 30 anni fa, ma ora é messo ancora peggio. e il sistema marcio mafioso continua…

  20. Nicola Di Turi ha detto:

    Chi ha paura di Beppe Grillo?

  21. Viandante sbronzo ha detto:

    Martinelli, te l’ho detto un mucchio di volte e te lo ripeto é il SISTEMA marcio, lo é da 60 anni e non da 20 anni come ingenuamente(?) qualcuno sostiene su questo blog.
    Perché nessuno si chiede perché in italia non cambiano mai le cose? Io l’ho capito 30 anni fa: é l’italiano marcio!!!! Il malaffare, la disonestà , l’imbroglio, il furto, il falso, questi sono i valori degli italiani, ben rappresentati da chi ci ha governato in passato e da chi ci governa oggi. Se per te questo della Neri é uno scoop, per me non lo é assolutamente.
    Diciamo che hai scoperto l’acqua calda. Meglio tardi che mai. Metterò ancora qualche euro da parte per andare via da questo incubo di paese.

  22. CHICCA ha detto:

    “àˆ il tremendo, il più terribile risultato di un’opera di diseducazione ventennale, di diseducazione o di educazione negativa, che martellando per venti anni da ogni lato é riuscita ad inchiodare in molti di noi dei pregiudizi. Fondamentale quello della “sporcizia” della politica, che mi sembra sia stato ispirato per due vie. Tutti i giorni ci hanno detto che la politica é un lavoro di specialisti (…) Teoria e pratica concorsero a distoglierci e ad allontanarci da ogni attività  politica. (…) Lasciate fare a chi può e deve; voi lavorate e credete, questo dicevano: e quello che facevano lo vediamo ora, che nella vita politica ci siamo stati scaraventati dagli eventi. (…) Credetemi, la cosa pubblica é noi stessi: ciò che ci lega ad essa non é un luogo comune, una parola grossa e vuota. (…) Al di là  di ogni retorica, constatiamo come la cosa pubblica sia noi stessi, che ogni sua sciagura é sciagura nostra…per questo dobbiamo prepararci. Può anche bastare, sapete, che con calma cominciamo a guardare in noi, e ad esprimere desideri. Come vorremmo vivere domani? No, non dite di essere scoraggiati, di non volerne più sapere. Pensate che tutto é successo perché non ne avete più voluto sapere.”
    dal testamento spirituale di Giacomo Ulivi resistenza ieri

  23. edoammo ha detto:

    detta così suona davvero paradossale, ma il diavolo é nei dettagli
    —————————- SITO di INFORMAZIONE —————————–
    http://www.antinews.edoammo.it

    OGGI: “ LO STATUTO FERMA BEPPE GRILLO SEGRETARIO? PARE DI SI! ”
    Leggendo per bene i documenti sembrerebbe che non ci sia alcuna possibilità , anche se alcuni passaggi si prestano ad interpretazione.
    “A cannonate III”
    “E LA DESTRA GONGOLA”

    PS: STASERA comincio a pubblicare la nuova pagina su “LEGGE SICUREZZA, PROMULGATA CON RISERVA”

  24. Paolo ha detto:

    Eh no caro Papillo, così non va.

    Innanzi tutto la sentenza non dice che si annulla il licenziamento perché l’azienda a sua volta si comportava scorrettamente coi suoi dipendenti (anche perché due torti non fanno una ragione, anche se in certe situazioni esasperate si possono concedere delle attenuanti).

    La sentenza dice che si annulla il licenziamento perché “così fan tutti”. Mi ricorda Craxi in Parlamento nel ’92. Questo é un tipico riflesso italiota, non assumersi mai la responsabilità  delle proprie azioni, piagnucolare, dare la colpa agli altri, al sistema, dire che ci sono cose più gravi “ma cosa ve la venite a prendere con me, andate a cercare i delinquenti veri”, eccetera.

    Ha ragione Lula #1, ormai ce l’abbiamo nel DNA, ma così non va proprio. Hai rubato? Paghi. Punto.
    L’azienda si é comportata male nei tuoi confronti? L’azienda paga. E’ così che si fa nei paesi civili. Mi dirai che non siamo in un paese civile, ma non lo saremo mai finché si é indulgenti con chi delinque.

    Inoltre nella sentenza si dice anche che l’azienda non aveva mai potuto procedere in passato perché non c’erano prove, non si riusciva a beccare i colpevoli in flagrante. Ora che li hanno beccati cosa devono fare? Far finta di niente perché in passato altri l’hanno fatta franca? Allora io mi metto ad evadere le tasse perché in Italia tanti evasori la fanno franca… ma che discorso é, scusa?

    E’ apprezzabile che tu ti rifiuti di cadere in comportamenti disonesti, ma se lo fai tu lo possono fare anche gli altri. Anzi, se tutti fossero come te, nel complesso l’Italia sarebbe un paese migliore in cui i lavoratori possono far valere i loro diritti senza ricorrere a “compensazioni” fatte di furberie e furtarelli.

  25. Venom ha detto:

    In Italia questa gentaglia governa grazie ad una classe di giornalisti che non solo NON fa domande scomode, ma fa anche domande comode e concordate per pura propaganda… Quando poi ti trovi dinanzi a giornalisti internazionali o ti alzi e te ne vai o dai delle risposte del cazzo come quella di Tvemonti… VERGOGNOSO!!!

    http://www.youtube.com/watch?v=mj9kEkkusZs

  26. paolo papillo ha detto:

    daniele sono quasi sempre daccordo con te ma stavolta ho delle riserve e ti spiego perché…

    fino a 2 mesi fà  lavoravo per un coop che effettuava trasporti per una grossa multinazionale della logistica, sub appalti ,contratti irregolari tariffe da strozzino e quant’altro é presente in questi maledetti sub-appalti.
    la coop con la scusa che era strozzata dall multinazionale sottopagava ,non riconosceva straordinari e non applicava regolarmente i contratti…
    vertenze lunghissime e di difficile comprensione,bene caro Daniele tanti miei colleghi camionisti pensavano fosse giusto rubare il gasolio dai serbatoi del camion riequilibrando per così dire le ingiustizie che subivano.
    personalmente non l’ho mai fatto perché preferisco andare allo scontro sindacale,ammesso che ci sia qualche sindacato che ti aiuti, oggi cosa rara, ma non tutti hanno le capacità  o le possibilità  di fare questo…insomma considerano il rubare all’azienda una sorta di redistribuzione del reddito e di un appropriarsi di cio che gli spetta, che non sia anche così nel caso che tu citi?
    un caro saluto.

  27. lula ha detto:

    VIVA L’ITALIA!!!

    che altro c’é da dire!!!forse é il nostro dna che ha subito qualche mutazione ed ora la disonestà  é diventata genetica…magari in una prossima sentenza potrebbero usarla come attenuante…

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.