Macché gare pubbliche! Meglio mastellone o rutellone…

La richiesta di Antonio Saladino nei confronti di Clemente Mastella di incontrare il costruttore Valerio Carducci, era stata preceduta da un accordo fra quest’ultimo e il capo dell’opus dei calabrese.

QUI la conversazione telefonica depositata agli atti.

A.Saladino: Pronto, sono Tonino
V.Carducci: oh oh oh!
A.Saladino: dove sei?
V.Carducci: grazie del messaggio! Sono qui dal ministro Baccini in attesa
di essere ricevuto.
A.Saladino: aah! io sono a Roma pure io.
V.Carducci: a sei a Roma?
A.Saladino: ci prendiamo un caffé?
V.Carducci: ma no Tonino! Ma no ma lo sai devo stare in aeroporto all’una
A.Saladino: ah no no va bé…
V.Carducci: mannaggia!
A.Saladino: l’altro giorno con cita t’abbiamo pensato t’abbiamo pensato
V.Carducci: sì?
A.Saladino: perché abbiamo trovato un rhum rarissimo ma di una bontà  unica e mi ha detto, questo dobbiamo regalarglielo a Valerio e va bé
V.Carducci: Ha ha ha…
A.Saladino: e t’abbiamo pensato. Gli ho detto anche perché gli devo fare una bocca dolce a Valerio, visto che ai miei amici gli fanno mangiare fiele mh mh….
V.Carducci: ha ha mannaggia la miseria… SENTI!
A.Saladino: …meglio farlo ubriacare che fargli mangiare fiele

V.Carducci: madonna mia, senti sei arrivato stamane Tony?
A.Saladino: sì sì sono con Cristina che stavo a lavorare…
V.Carducci: senti, no ti volevo, per quanto riguarda quella stupidaggine di quel ragazzino é andato tutto bene eh?
A.Saladino: sìì ma quella é una stupidaggine va bé te pare…
V.Carducci: eh però, insomma…
A.Saladino: é un coglione é andato in panico cioé… gli sei venuto in mente tu secondo me (ride) non sapeva che cazzo dire secondo me questa é la verità 
V.Carducci: sì…
A.Saladino: é una crisi di panico, dai!
V.Carducci: però vedi i danni uno che può fare
A.Saladino: sì sì, io però io e te ne avevamo parlato di un ragazzino un po’ saltato di testa eh, saltato di testa…

V.Carducci: senti Tony ti volevo dire allora per mettersi a disposizione con mastellone o così, magari dai disposizione lì alla, alla Cristina
A.Saladino: eh eh, sì sì sì
V.Carducci: perché insomma, almeno non si sa insomma
A.Saladino: ma io…(incerto) meglio rutellone o no?
V.Carducci: vedi te, vedi te
A.Saladino: va bé mo parlo io parlo io parlo io, ci vediamo con Aliprandi ci vediamo… va bene?
V.Carducci: d’accordo, un abbraccio
A.Saladino: ci penso io non ti preoccupare
V.Carducci: ciao
V.Saladino: ciao Valeriuccio ciao ciao ciao

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

24 Commenti a “Macché gare pubbliche! Meglio mastellone o rutellone…”

  1. volgograd ha detto:

    sono calabrese e mi vergogno di Saladino

  2. max ha detto:

    palazzo chigi fa sapere che il sig apicella e ragazze hanno viaggiato regolarmente,quindi tutto a posto e niente reato,la prossima volta che andate in sardegna chiedete un
    aereostop al presidente,ma cosa vogliamo commentare più!!!!
    che tristezza

  3. freeman ha detto:

    io vedo benissimo la realtà  di questo paese e purtroppo non vedo speranze… sono proprio gli italioti che non vedono o fingono di non vedere…e il regime infame continua… la mia pazienza é finita da un pezzo, poi ognuno faccia come vuole e auguri…

  4. umberto ha detto:

    BARI: ARRESTATO MANIFESTANTE ANTI BERLUSCONI!!!

  5. umberto ha detto:

    BARI:ARRESTATO MANIFESTANTE ANTI BERLUSCONI!!!

  6. max ha detto:

    cara chicca
    si belle parole ma tra il dire e il fare tutti sappiamo cosa c’é,se non succede qualcosa tra una settimana con tutte le schifezze che ci vengono mostrate giornalmente be non saprei più dove potremmo attaccarci,sono scesi (in campo)addirittura i più autorevoli giornali stranieri per darci una mano e farci aprire gli occhi,ma niente la gente a me sembra in un totale coma ,non sono pessimista per natura ma molto realista e quando tutti i giorni sbatti la testa contro il muro cercando di spiegare una minima parte dell’arcoriano e vedi la gente che ancora lo difende be allora penso che ci sia rimasto solo che sperare nel fato,oppure bisogna arrivare alla fame quella vera ma allora sarà  troppo tardi,non vedo altre soluzioni

  7. CHICCA ha detto:

    caro freeman
    la mafia non é soltanto un’organizzazione a delinquere, é anche e soprattutto uno stato mentale
    la prevaricazione, la prepotenza, l’arroganza, l’imbrogliare il prossimo per un tornaconto personale sono già  di per se comportamenti mafiosi
    purtroppo dove la cultura latita, dove la morale é sottomessa all’arrivismo in tutte le sue sfaccettature troverai sempre comportamenti che sfiorano culture alternative, terreno fertile per colture predisposte allo sviluppo di germogli delinquenziali
    l’uomo che per sua natura porta dentro di se angeli e demoni sviluppa un’etica morale indirizzata verso il bene o il male se i suoi maestri di vita sono buoni o cattivi maestri
    potrai andar via dall’italia ma potresti portare tali germogli dentro di te e far fiorire queste colture là  dove andrai, così come potrai restare in un covo di briganti e mantenerti una persona per bene
    Non c’é bisogno di scappare via si può contrastare il malcostume anche stando sul posto, emarginando però quelli che la tua coscienza reputano personaggi inquinanti
    E questo spero e mi auguro che succeda nel nostro paese che di briganti ne ha visti fin troppi e putroppo ancora molti ne vedrà 
    scusami per il pippotto che non é indirizzato solo a te ma a tutti quelli che vogliono nascondere la testa sotto la sabbia per non vedere illudendosi così facendo, di non esser visti

  8. freeman ha detto:

    per me l’unica speranza é andare via da questo folle paese marcio mafioso, che non cambia e forse non cambierà  mai.

  9. Marco da Napoli ha detto:

    http://www.youtube.com/watch?v=Mj4z-kaYVTM

    PRIMA PARTE

    http://www.youtube.com/watch?v=_HpYB4M0uj4

    SECONDA PARTE

    Nessun mass media, in primis Repubblica (che, a quanto pare, qualche giorno fa ha intervistato proprio Virginia Sanjust), né il centrosinistra, né l’IDV parlano di un libro “Intrigo di Stato”, scritto da Michele De Lucia, che raccoglie l’agghiacciante documentazione del caso Berlusconi – Virginia Sanjust.
    Qui c’é l’esercizio di pressioni da parte del Presidente del Consiglio che disfa e fa a seconda di come gli gira. E’ coinvolto il Sisde, é coinvolta l’Arma dei Carabinieri.
    Maurizio Turco, parlamentare dei Radicali, eletto nelle file del PD, ha presentato queste tre interrogazioni che chiedono al Presidente del Consiglio e al Ministro della Giustizia di fare luce e di rispondere in Parlamento dei delicati profili di questa vicenda.
    Ecco un’analisi dettagliata della scandalosa vicenda, raccontata dall’autore del libro, Michele De Lucia, ai microfoni di Radio Radicale. (PRIMA PARTE)

    http://www.youtube.com/watch?v=Mj4z-kaYVTM

  10. Francesco ha detto:

    Avete visto la prima pagina de l’Unita’? C’e’ Apicella che esce dall’aereo di Stato. Ma allora le foto cominciano a uscire? Perche’ nessun altro giornare ha riportato la foto di Apicella? Che strano.

  11. paolo papillo ha detto:

    ABRUZZO ; UNA PRESA PER IL CULO CONTINUA…

    prima li voleva tutti villeggianti , adesso li vuole tutti croceristi e dove sono gli abruzzesi che dovevano essere ospitati nelle sue grandi ville…
    certo che ci vuole proprio una bella faccia tosta
    a prendere in giro chi stà  vivendo il dramma del terremoto.
    Nel nostro blog diamo spazio a chi la tragedia la vive sula propria pelle ,ospitiamo un’amica he ci racconta come si vive nelle tendopoli;

  12. paolo papillo ha detto:

    ABRUZZO ; UNA PRESA PER IL CULO CONTINUA…

    prima li voleva tutti villeggianti , adesso li vuole tutti croceristi e dove sono gli abruzzesi che dovevano essere ospitati nelle sue grandi ville…
    certo che ci vuole proprio una bella faccia tosta
    a prendere in giro chi stà  vivendo il dramma del terremoto.
    Nel nostro blog diamo spazio a chi la tragedia la vive sula propria pelle ,ospitiamo un’amica he ci racconta come si vive nelle tendopoli;

    http://informazionedalbasso.myblog.it/

    chi vuole mandarci considerazioni o materiale sulla questione ci contatti

    informazionedalbasso@gmail.com
    contatto skype ;paolo papillo
    cell. 3392244257

  13. Roberto G. ha detto:

    @massimo

    Secondo me sì, anche perché De Lucia é un tipo in gamba e con “Il baratto” ci aveva preso in pieno.

  14. Francesco ha detto:

    Le contestazioni di Bari sono l’unica cosa che mi tira su di morale
    http://www.repubblica.it/2006/05/gallerie/politica/berlusconi-protesta-bari/1.html
    La banda di criminali berlusconiani riuscira’ a farla franca anche stavolta? Si e’ messo in moto un meccanismo di rimozione e di depistaggi incrociati che sta funzionando credo. Siamo proprio malati terminali? Ditemi di no, ditemi che c’e’ ancora speranza che se ne possa andare via con la coda tra le gambe.

  15. CHICCA ha detto:

    se avete tempo leggete questo articolo io sn rimasta agghiacciata
    http://www.lavocedellevoci.it/inchieste1.php?id=211

  16. caterina ha detto:

    Buongiorno blog. Ciao Chicca, sono carica e mi stavo facendo una cultura sul prosieguo della saga di papi, che si rivela sempre più esilarante.
    Istruttivo il link di freeman, e divertente il post di Travaglio riportato da Marco.
    La conversazione tra i due loschi figuri si commenta da sé…
    Rinnovo il mio invito a scegliere molto bene chi votare alle amministrative, perché alla fine ha ragione Grillo, ed é dal basso che si può cominciare a CERCARE di cambiare qualcosa.
    Io poi ho sempre pronto il rastrello, ma quella é un’altra storia 🙂

  17. Marco da Napoli ha detto:

    ARTICOLO DI MARCO TRAVAGLIO SULLA CARFAGNA

    Totò, Silvio e le malefemmine
    Nel solco della tradizione dei grandi comici, da Totò e Peppino a Benigni e Troisi, la ministra delle Troppe Opportunità , Mara Carfagna, ha scritto una lettera. Evento di tale portata da meritare una pagina del Corriere. Se la lettera di Totò alla malafemmina iniziava con l’immortale «Veniamo noi con questa mia a dirvi…», l’incipit della Carfagna é un perentorio «Sono qui a dire la mia, se mi é consentito, forte e fiera del lavoro svolto». Che tempra. «Lo faccio ­ rivela la pulzella di Salerno ­ perché ho testa, né più né meno di tanti pseudo-intellettuali che si ergono pomposamente a maestri di vita e scienza, etica e morale». Ben detto, gliele ha cantate chiare. Colonne di piombo si abbattono impietose sul povero lettore, pregne di concetti alati, quali «qui casca l’asino» e «si stava meglio quando si stava peggio»… Si attende invano un «signore si nasce, e io modestamente la nacqui», ma é sottinteso. Ed ecco la zampata della fuoriclasse: «Il Parlamento vede tra i suoi banchi uomini dalle assai dubbie capacità  politiche». Vero. «Condannati per banda armata, omicidio, esplosivi, rissa (allude a Maroni?, ndr)… onorevoli che hanno ammesso di prostituirsi (ci sarebbe anche un condannato per mafia, ma nella foga le é sfuggito, ndr). E nessuno si é scandalizzato, mai». Parole sante. Invece chi «indigna, scandalizza e inquieta»? Il povero Silvio, «uomo leale, perbene e rispettoso, persona di garbo e gentilezza, mai prepotente e arrogante, consapevole di una innata capacità  seduttiva». Manca solo il tocco finale: «Malcostume, mezzo gaudio». Punto, punto e virgola, due punti.

  18. CHICCA ha detto:

    buona domenica a tutti ciao daniele
    bentornata caterina spero che ti sia riposata perché ci attendono battaglie dure, notizie indigeste da mandar giù e films hard che, anche ns malgrado, saremo costretti a vedere nei prossimi giorni

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.