livia-pomodoro
Livia Pomodoro, presidente del tribunale di Milano

Il giudice della sentenza Mills, Nicoletta Gandus, definita estremista di sinistra dal corruttore impunito, ha trovato spazio a reti unificate e su tutte le prime pagine dei giornali. Per la gravità  delle accuse del premier in conflitto di interessi rivolte a una figura che risponde soltanto alla legge, si potrebbe dire.
Bene, ma a fronte di tanto chiasso per quelle frasi fuori di senno del corruttore non si capisce perché la risposta della presidente del Tribunale di Milano, Livia Pomodoro, trovi soltanto spazi nascosti nelle pieghe delle pagine interne dei quotidiani, intorno alla 20 o giù di lì, per difendere l’operato dell’organo che presiede. Come ha fatto il Corriere di oggi che proprio a pagina 20 scrive.

Caro direttore, sul processo Mills:
ciò su cui invece voglio dare testimonianza e ciò di cui io stessa nel mio ruolo mi rendo garante é l’imparzialità  e correttezza del Tribunale di Milano. La decisione dei giudici della X sezione penale é stata presa all’esito di una lunga istruttoria cui il collegio ha atteso con grande attenzione e secondo le regole processuali nelle quali la dialettica e le garanzie della difesa sono state, e del resto gli stessi avvocati ne hanno dato più volte atto, tutte rigorosamente rispettate. Il collegio, presieduto dalla dottoressa Gandus, ha altresì depositato la decisione nel termine previsto, come peraltro avviene nella stragrande maggioranza dei casi e da parte di tutti i collegi del Tribunale. I giudici, tutti, sono soggetti, come recita la nostra Costituzione, solo alla legge e ciò é l’imperativo categorico per la coscienza di ognuno di noi. A maggior ragione non possono esservi dubbi che il difficile esercizio della giurisdizione, nel caso di specie collegiale, é stato compiuto, come avviene peraltro quotidianamente, nell’interesse esclusivo della giustizia.

Livia Pomodoro

Questa differenza di trattamento di visibilità , altro non é che estremismo di certi direttori di giornali lecca lecca.

11 pensiero su “L’estremismo dei lecca lecca”
  1. Sono in possesso del testamento ideologico dell’autore del libro “CONTRO LA GIUSTIZIA Illegalità  lobby e miliardi nel Ministero di Grazia e Giustizia”, Renzo Lombardi e per completezza d’informazione invito Daniele Martinelli a leggerlo, poi, se vorrà , sarò disponibile a inviargli copia del suddetto. A Borgomanero hanno eretto un monumento al loro ex pretore.

  2. Ma ragazzi mi meraviglio di voi!!E lei signor Martinelli,che stimo profondamente(senza leccatine,ne!!)MA come??Ma non l’avete capito che ieri a ballaro’ sono andati in video le “esileranti nacchiette guittto,dei lecca tarzanellli berlusconiani!Belpietro si é professato un giornalista privo di “scheletri e sudditanze??ah,ah,ah,ah, che ridere,bel teatrino,bellissimo,forse é per questo che hanno chiuso il bagaglino-le maggiorate fuori dalla porta dei canali mediaset-Tanto a che servono? Ci sono i vari Belpietro e Bondi,Faccio,Fede, e chi piu’ neha ,piu’ ne metta,tutti pronti a farci sganasciare dal ridere-Mancavano,minigonne e tacchi a spilli,ma sono sicura che in privato,fanno grande sfoggio di questo vestiario,specie Bondi!!

  3. SIAMO DIVENTATI UN POPOLO DI ZIMBELLI AGLI’OCCHI DI TUTTO IL MONDO,MA LA COSA CHE PIU’ MI RATTRISTA E’CHE QUESTI ITALIOTI CHE SEGUONO QUESTO EVIDENTE MAFIOSO CON LA LORO ARROGANZA DELINQUENZIALE MA SOPRATTUTTO IGNORANTI LECCHINI NON SI RENDONO CONTO CHE LA PARCELLA DA PAGARE ARRIVA ANCHE PER LORO,RIMANENDO SEMPLICEMENTE DEI PARACU….CON UN PUGNO DI MOSCHE NELLE MANI.

  4. In diretta da BALLARO’.

    E’ bellisimo ragazzi, vi giuro che é bellissimo, a Belpietro il premio letterario per le cazzate e travisazione della realtà . Bondi premio di leccaculo planetario e commediante ad oltranza.

    Belpietro dice con ironia che Gino Flaminio, il fidanzatino di Noemi, risulta condannato al casellario giudiziale per un reato! Oooooooooh!

    A Belpietro, ma tu l’hai visto il casellario giudiziale di Berlusconi! Ah, no scusa é vero fai prima a sfogliare l’elenco del telefono… é più piccolo.

    A Belpietro, tu l’unica cronaca che puoi fare é su Topolino. Il giorno in cui scriverai un articolo degno di questo nome indipendente dall’atteggiamento di servilismo e totale copertura verso Berlusconi sarai un giornalista indipendente come erronemente dici a tua difesa. Per il resto sei uno schifoso tirapiedi.

  5. Caro Daniele e ragazze/i sapete dove possa trovare la mail della Dott.ssa Pomodoro per mandare una lettera di solidarietà  a tutto il Tribunale?
    Voglio manifestare il mio dissenso da quanto dice il corruttore-corrotto-prescritto-indagato-CheOspitavaUnMafiosoInCasaSua-piduista-raccontaballe-coglione-nano-BuffoneCheSiFacciaProcessare micropremier Silvio Berlusconi

  6. Negli anni ‘ 70 il Corriere della Sera era nelle mani della P2. Angelo Rizzoli, il proprietario, aveva la tessera 532, Tassan Din, il direttore generale, la tessera 534 e Franco Di Bella, direttore del giornale, la tessera 655. Oggi, anno 2009, chi controlla il Corriere della Sera? Chi suggerisce gli editoriali di Panebianco e di Battista? Chi ha ordinato a Mieli di togliere le inchieste giornalistiche di Why Not a Carlo Vulpio senza alcuna ragione apparente? Chi é la P3 che governa il Corriere della Sera? Dov’é la nuova lista di Castiglion Fibocchi?
    (beppe grillo)

Lascia un commento