Fini ai fessi e laidità  sulla laicità 

Gianfranco Fini e l’etica dei doveri che “dovrebbe” (condizionale) “essere i cittadini come esempio alla comunità  nazionale”. Inizia così la parte finale del discorso del presidente della Camera al congresso del popolo delle laidità , dal pulpito dei governanti specialisti in leggi incostituzionali, che usano l’etica dei doveri per pulirsi il culo.

Gianfranco Fini e il “caro Silvio che gli chiede di riscoprire il ruolo dell’educazione civica”. Sì, lo stesso Silvio dei condoni che hanno favorito la diseducazione civica.

Gianfranco Fini e il suo uditorio di “fessi”. Detto proprio così, in faccia agli italiani vecchio-giovani. Insomma, il furbo che riconosce ai fessi di essere stati dalla loro parte. E infatti i fessi applaudono.

In quei “10 15 o 50 eroi anonimi che rispettano le leggi”, si sintetizza tutta la stima che Fini ha degli italiani e dei suoi elettori che lo applaudono. Non a caso l’inquadratura del video va subito sull’imputato Altero Matteoli.

Per Fini la società  che verrà  avrà  bisogno di istituzioni laiche ma rivendica subito l’identità  cattolica. Un affastellamento di frasi contradditorie in cui Fini sogna “uno stato laico che non c’é perché il piduista ha stretto il patto di sangue col vaticano”. La legge bastarda che vieta alle persone di rifiutare le cure, targata Maurizio Lupi e Paola Binetti, é soltanto l’ultimo affronto all’etica dei doveri, all’educazione civica, e alla civiltà .

Fini, in piena crisi economica, parla di Dio e di laicità  come “garanzia anti ideologica” e ammette di essersi piegato a 90 gradi per i piaceri di comunione e liberazione, votando la porcata sul testamento biologico di stato mafiocratico, che consegna ai tubicini il compito di fare da trat d’union fra la morte nel letto e la morte con degna sepoltura.
Fini riconosce che la legge sul testamento biologico di stato ha imbalsamato la libertà  dei cittadini sovrani, di decidere che fare della propria esistenza.
Mister parrucchino piduista, seduto in prima fila, annuisce sorridente.

Fini riconosce “l’enorme consenso e di capacità  organizzativa grazie al carisma del suo leader”, ma omette di ricordare le tangenti che quel kapo carisma pagò a Bottino Craxi, al fine di permettergli di costruire il consenso televisivo in barba alle leggi e alla Costituzione.
Nel dire “dobbiamo impegnarci per avere le idee giuste dell’Italia di domani” Fini riconosce ai suoi di essere fuori strada. Rivendica la “lealtà “ che egli stesso, piegandosi a 90 gradi, ha dato al piduista e alla chiesa in tutti questi anni.
E chiude il suo triste epitaffio con un “viva il popolo della libertà “ tradotto “viva i fessi che fino a 120 anni voteranno anche da vegetali attaccati a tubicini e cannette.

Il commiato di Gianfranco Fini dal pulpito delle laidità  non poteva che finire con un “vasa vasa” sul cerone del piduista, che saluta l’uditorio di fessi con una bella frase sgrammaticata sugli ideali.
Frittata é fatta.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

13 Commenti a “Fini ai fessi e laidità  sulla laicità ”

  1. Alessia ha detto:

    La cosa davvero allucinante é che sento tante persone che pure nutrono profonda avversione per Berlusconi e i suoi pari, dire che Fini ha fatto un gran bel discorso, che lui potrebbe essere l’interlocutore della destra moderata di cui abbiamo bisogno.Sono l’unica a ricordarsi chi é Fini, da dove viene e soprattutto a cosa si é prestato? Magari non sono l’unica, sono una dei pochi.

  2. paolo papillo ha detto:

    NASCE IL BLOG DI PAOLO PAPILLO

    INFORMAZIONE DAL BASSO

    http://informazionedalbasso.myblog.it/

    vi aspetto nel mio blog che vuole essere un punto di protesta,senza filtri, ma anche di aggregazione.
    se riuscirà  come blog ad ottenere visibilità  cercherò di passare dal virtuale al reale.con incontri e iniziative al servizio di chi lo frequenta.
    uno spazio dove chiunque crede che l’informazione libera ed onesta sia una componente vitale per la democrazia si può ritrovare per esprimere il suo pensiero,ma sopratutto per fare informazione dal basso.perché noi siamo soggetti e non sudditi e noi tutti possiamo essere giornalisti,onesti!
    grazie a chi combatterà  con me questa battaglia.
    Potete ascoltare parte dei miei interventi radio ,in un anno 80….

    http://www.youtube.com/watch?v=99-ePmFtep8

    http://www.youtube.com/watch?v=9kvMy4MGPMQ

    http://www.youtube.com/watch?v=AA9827FEFhI

    contattatemi:
    cell.3771447634
    mail;vittoriopampa@yahoo.it
    contatto skype;paolo papillo

  3. freeman ha detto:

    >Frittata é fatta.
    la frittata l’hanno fatta gli italioti, votando per la casta marcia maledetta…e ora si salvi chi può…

  4. Alberto M ha detto:

    A leggere queste parole, sembra l’intervento o di un opportunista o di un ingenuo. Se é opportunista, dice quelle frasi per mostrare un ‘lato buono’ e per sorprendere gli sciocchi che ancora si fanno ingannare da quelle parole. Se é ingenuo, chissà  quanto ci metterà  a capire che quelle frasi in un contesto simile non hanno e non avranno alcun valore….

  5. CHICCA ha detto:

    buongiorno daniele buona domenica blog
    non so perché fini, lì sul palco, mi ricorda una strofa di una canzone di de andré “al ballo mascherato delle celebrità ” :
    Nelson strappato al suo carnevale
    rincorre la sua identità 
    e cerca la sua maschera, l’orgoglio, lo stile,
    impegnati sempre a vincere e mai a morire.
    Poi dalla feluca ormai a brandelli
    tenta di estrarre i coniglio della sua Trafalgar
    e nella sua agonia, sparsa di qua, di là ,
    implora una Sant’Elena anche in comproprietà ,
    al ballo mascherato della celebrità 

    saremo sempre lo scoglio che si oppone all’onda di questa mareggiata devastante e quando il mare si ritirerà  noi saremo ancora lì

  6. francesco ( spagna ) ha detto:

    caro daniele, il video nemmeno l ho finto di vedere , tanto gia lo so che mi bollirebbe il sangue se ascoltassi quello che dice fini!
    questo mio commento si rfersce all intervsta che hai fatto a
    Petra Reski , la giornalsta tedesca,

    http://www.youtube.com/watch?v=mtdo1CC7EW8

    e propio questa la strada da seguire!
    intervistare i tuoI colleghi giornalsti, di altri paesi! comunitari e non ! scambiare opinioni sulla condotta politica degli ONOREVOLI! PARAGONARE le nostre con le loro assurdita!
    e vero n itala succedono cose assurde, come per es. la modificazione del art 3 della costituzione ( la legge e uguale per tutti ! ma non piu adesso )

    cari amci io credo che l italia sia solo la prima della classe !
    mi spego meglio, ENERGIA E INFORMAZIONE TI ASSICURANO IL DOMINIO DELLA NAZIONE!
    il nostro caro silvio , in italia e ben servito!
    nel resto del mondo e la stessa cosa, tutti i leader vogliono essere come silvio! o come Chavez in venezuela!
    come ci sono gl intrallazzi in italia , cI sono in tutto il mondo!
    io vivendo all estero ho molti amici che vengono da diverse parti del mondo! e si parla di politica avvolte!
    e ci rendiamo conto che siamo fottuti globalmente!
    l italia e lo specchio del mondo!

    e quindi ben vengano le interviste a personaggi di altre nazioni!dobbiamo sapere cosa accade nel mondo e soprattutto in europa!
    scuramente avete visto questo video:

    America : dalla liberta al fascismo!

    http://www.youtube.com/watch?v=d1ly6ZFzV0E

    il mio messaggio e quello di dare un occhiata alle vicende politiche internazonali e parlare di politica con uno spagnolo , o un francese o americano, nsomma fate voi !
    vi renderete conto che e la stessa cosa di quello che succede in italia!
    L antidodo di questo virus e la globalizazone della RAGIONE COLLETTIVA !
    IO SONO UGUALE AD UN MUSULMANO PERCHE PER VIVERE DOBBIAMO TIMBRARE IL CARTELLINO A LAVORO!

    copio una frase d un canale di youtube

    http://www.youtube.com/user/marcpoling

    Perché non riusciamo a vedere che
    ci DIVIDONO con la POLITICA?
    Perché non riusciamo a vedere che
    ci DIVIDONO con le RELIGIONI?
    Perché non riusciamo a vedere che
    ci DIVIDONO con l’ECONOMIA?
    Perché non riusciamo a vedere che
    ci DIVIDONO con le RAZZE?
    Perché non riusciamo a vedere che
    ci DIVIDONO con le BANDIERE?

    questo vale per tutti non solo per gli italiani che hanno la sfortuna di avere la mafia in poltica !

    io non dico no ai NO-GLOBAL!
    PERO IO DAVANTI ALLA PAROLA GLOBAL CI METTEREI SI-GLOBAL!

    SIAMO NOI CHE DOBBIAMO GLOBBALIZZARCI CON LE NOSTRE ESPERIENZE CON LE NOSTRE TESTIMONIANZE !
    FINALMENTE CE INTERNET , PERO NON DMENTICATE DI NAVIGARE ANCHE PER LA STRADA! E QUINDI SI-GLOBAL DAL BASSO!

    Ciao a tutti

  7. Marco B. ha detto:

    Ma Bin Laden quando serve davvero MAI che si dia da fare .. o debbo credere che si sia compranto anche lui il “caro” Scilvio?!

  8. luciano ha detto:

    Kacchio, con una retata al congresso, la polizia avrebbe
    potuto arrestare più della metà  dei criminali italiani.
    Il PIDUISTA deve avere una prostata grande come un
    pianeta a furia di INGROPPARSI 60 milioni di italiani,
    consenzienti e non.

  9. ALESSANDRA ha detto:

    Dal discorso di Don Silvio:”Siamo gli unici a garantire la libertà “…Sì la libertà  di rimanere impuniti, la libertà  di rischiare di bloccare 100.000 processi per avere la libertà  di bloccarne 1 solo, la libertà  di corrompere, la libertà  di condonare, la libertà  di evadere le tasse, la libertà  di far manganellare gli studenti, la libertà  di torturare chi osa palesare il proprio dissenso(vedi G8), la libertà  di continuare a favorire gli amici degli amici con i soldi pubblici, la libertà  di continuare le frequentazioni mafiose, la libertà  di offendere l’onore di uomini come De Magistris, Genchi e prima di loro la memoria di Borsellino e Falcone,la libertà  di prescriversi, la libertà  di depenalizzarsi, la libertà  di creare xenofobia, la libertà  di fomentare violenza ed intolleranza, la libertà  di distruggere le menti delle persone con una TV TRASH E VOLGARE.
    Questà  é libertà ….CHE SCHIFO!

  10. -Francesco- ha detto:

    E’stato il solito spettacolo osceno che mi aspettavo; una folla stolta in giacca e cravatta e tailleur , impomatata , il solito gregge privato con i calli alle mani per gli applausi , con gli occhi lucidi. Una scena penosa. La pergamena ricordo, la medaglietta, in pieno stile goebbelliano. Rivoltanti le parole degli intervenuti, per non parlare dei servi minori , i vari bocchino , cicchitto e gli altri delinquenti. Sentire la melandri biascicare che “siamo tutti figli di Borsellino” mi ha fatto montare una rabbia che ancora non si smorza.Questi bestemmiano come gli pare tanto chi osa muovere una critica? Ma incazzare mi ha fatto pure notare lo spazio esagerato che i vari tg han dato all evento, lo hanno pompato fino alla nausea.Ormai dei giornalisti vedo solo la mano che regge il microfono mentre servili registrano lo spot del buonaiuti di turno. Don silvio corleone soddisfatto si gode il suo momento di gloria mentre le catene gridando il suo nome attendono invano nelle patrie galere. C’é poco da fare, siamo fottuti, ma mi rifiuto di arrendermi. Devo resistere .

  11. de marino silvestro ha detto:

    ….siamo quello che ci meritiamo.
    Manca coordinamento,siamo gruppi slegati e in perenne conflitto ….LORO intanto ci fottono ,i militonti sono li babbei e ci prendono pure x il culo chiamandoci comunisti!!
    la sinistra e’ finita,SPERIAMO IN UN TRACOLLO DEFINITIVO ALLE EUROPEE,solo cosi’ si potra’ ripartire!!!
    GRAZIE ancora DANIELE!!

  12. giuseppe f ha detto:

    Caro Daniele che merda…quanti COGLIONI che vogliono farsi fregare a tutti i costi.
    Quanti furbi che sperano nelle briciole di questi parassiti disonesti contaballe che non hanno voglia di lavorare, ma soltanto di arricchirsi a dismisura a spese del prossimo.
    E’ un paese allo sbando questo, però vorrò vedere quando la crisi arrivarà  davvero cosa succederà .

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.