Impregilo-monnezza, affare da 700 milioni

Il processo Impregilo-Bassolino é una chiatta incagliata. A ogni udienza c’é qualche difensore che riesce a far rinviare l’udienza e avvicinare la prescrizione.
Gli imputati, lo ricordo, sono 27 fra cui Cesare Romiti e il governatore della Campania Antonio Bassolino, imputato di abuso d’ufficio. Gli altri capi d’imputazione sono frode in forniture pubbliche e truffa, che riguardano anche Impregilo come soggetto giuridico.

Riepilogando brevemente: il governo italiano ha dato centinaia di milioni di euro (almeno 200) alle 5 società  controllate da Impregilo per gestire la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti di tutta la Campania. Gestione che di fatto non c’é stata con la compiacenza, secondo l’accusa, del governatore campano Bassolino, che firmando alcuni documenti avrebbe favorito Impregilo nella presunta truffa dei nostri soldi. Finiti non si sa bene in quali tasche e con l’aggravante che il mancato servizio ha fortemente contribuito a esasperare la crisi della monnezza in Campania e il conseguente aggravio di spese sostenute dal governo (da noi) per tamponare le annose emergenze perpetratesi dal 2002 ad oggi.

Spese che negli ultimi 7 anni, secondo i calcoli dell’Avvocatura dello Stato, sono lievitate a oltre 495 milioni di euro. Un esempio? 5,5 milioni sono stati dati alle ferrovie per riempire di rifiuti un intero treno che da Napoli é andato fino in Germania inutilmente. Visto che la Germania, quella monnezza non differenziata non l’ha accettata, costringendo il convoglio a fare dietro front.

A fronte di un danno di almeno 700 milioni di euro (compresi i 200 iniziali ma temo siano di più) il processo Impregilo-Bassolino, nella migliore delle ipotesi, dovrà  identificare eventuali responsabilità  per chiedere il risarcimento del mal tolto. Ma finirà  in nulla perché se una sentenza di primo grado prima della prescrizione sarebbe un miracolo, la sentenza di Cassazione é pura utopia. Alla faccia della giustizia e dell’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge.

PS: A seguito dell’annullamento del provvedimento del procuratore, oggi é stato possibile entrare in aula bunker con registratori e telecamere ma alcuni difensori hanno subito sollevato il problema ai giudici. Tanto che nella seconda ordinanza, la presidente Adele Scaramella ha riferito di recepire il nuovo provvedimento, emesso dal procuratore generale di Napoli Vincenzo Galgano, che vieta di nuovo riprese e registrazioni delle udienze di questo processo. Insomma, i capricci degli avvocati difensori hanno avuto immediato ed efficace riscontro, alla faccia della valenza pubblica di questa vicenda. Coincidenze?

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

7 Commenti a “Impregilo-monnezza, affare da 700 milioni”

  1. adriano bianchi ha detto:

    bravissimo paolo!! come sempre sul piu’ “scomodo” ti hanno chiuso…idem quello due minuti dopo…..
    come ha detto il radiocronista hanno ricevuto parecchie email su quell’argomento…bene ne riceveranno sempre di piu’!!!

  2. paolo papillo ha detto:

    RILANCIARE DIFFONDERE
    [18.20.51] paolo papillo scrive:ANCHE OGGI HO FATTO LA MIA BUONA AZIONE QUOTIDIANA;
    ho fatto informazione perché tutti noi possiamo essere giornalisti;
    intervemgo a radioanchio si parlava di inasprimento della carcerezione preventiva per gli stupratori,ovviamente nessun sano di mente può essere a favore degli stupratori,ma se poi uno stupratore ,anzi presunto tale, é innocente…che si fà ?vogliamo abolire la presunzione di innocenza fino alla sentenza definitiva,carcere come se piovesse…,bene, ma la regola deve valere per tutti classe dirigente compresa,allora lo dico in diretta ma ovviamente fanno orecchie da mercante…

    ANDATE AD ASCOLTARMI IL MIO INTERVENTO AVVIENE AL MIN. 12.35,NOME GIANPAOLO DA MILANO, DELL’MP3 SCARICATE LA TRASMISSIONE DI OGGI 5 FEBBRAIO.
    p.s. un paio di minuti dopo il mio intervento un radioascoltatore ha qualcosa da dire,vale la pena ascoltarlo
    ORA E SEMPRE INFORMAZIONE DAL BASSO

    http://www.radio.rai.it/radio1/podcast/lista.cfm?id=190

  3. Matteo Bellotto ha detto:

    é una vergogna impressionante, su tutti i fronti: su quello che é accaduto con questa truffa, sul funzionamento della giustizia arenata su stupidaggini e sul silenzio colpevole di tutta l’informazione che tace sulla vicenda. Grazie Daniele dei tuoi preziosi documenti.

  4. giuseppe f ha detto:

    Daniele sai cosa??

    Bisogna iniziare a farsi giustizia da soli….
    bassolino e soci?un colpo ben piantato ad ognuno di essi e non ci si pensa più…almeno siamo sicuri che, buttati dalla portam non rientrano dalla finestra (vedi i vari craxi,de michelis,de mita eccetera….)

    fare come in Cina…una bella piazza ed un colpo, solo uno, per ognuno!

  5. adriano bianchi ha detto:

    scusate l’o.t.

    cicchitto vorrebbe annullare la presenza di genchi ad annozero….ho scritto a cicchitto alla sua email…
    GLI VUOLE TAPPARE LA BOCCA. MANDATE UNA E-MAIL DI PROTESTA A:
    cicchitto_f@camera.it

    il mio messaggio e’ stato :
    Signor Cicchitto,
    invece di preoccuparsi di zittire Genchi ad annozero pensi a tapparsi lei la sua bocca…

    Grazie

    buongiono a tutti!

  6. Diego Brisa ha detto:

    Per non parlare di tutta la monnezza riversata dall’informazione publica e privata sui cittadini napoletani vittime di politici e imprenditori.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.