98 miliardi allo Stato? Un azzardo da decidere

Ieri ero a Roma nell’aula giurisdizionale della Corte dei conti, la magistratura contabile, per assistere all’udienza sul processo allo scandalo delle slot machine, in cui sono imputati i responsabili di 10 concessionarie (fra cui Lottomatica e Snai) molte delle quali, per almeno 2 anni e mezzo, sarebbero rimaste staccate dalla rete dei Monopòli di Stato su cui si registrano tutti i movimenti di denaro.
L’inchiesta avviata dal pm Marco Smiroldo ha stimato un danno erariale che al gennaio scorso ammontava a 98 miliardi di euro.
Ieri i giudici avrebbero dovuto riquantificare il danno economico che le società  imputate (assieme a 4 funzionari del Monopòlio di Stato) avrebbero dovuto risarcire allo Stato. Invece l’udienza ha avuto un finale all’italiana: i giudici della Corte dei conti, in accoglimento della richiesta espressa all’unanimità  da tutti i difensori, hanno rimandato alla Cassazione (presieduta da Corrado Carnevale) che a sezioni unite dovrà  decidere a chi far decidere l’entità  del danno. Corte dei conti, Tar, o giustizia ordinaria? Un terno al lotto.
I difensori delle concessionarie imputate sperano sarà  il Tar del Lazio, lo stesso che lo scorso aprile, a fronte di un ricorso di gruppo in seguito allo spavento dei 98 miliardi contestati, aveva emesso una sentenza abbastanza sorprendente, in cui si diceva che il danno dev’essere proporzionalmente concordato con le concessionarie, quindi di entità  assai più bassa di quei 98 miliardi (che oggi sarebbero un centinaio tondi tondi) pari a 3 manovre finanziarie del governo, se si pensa che l’ultima manovra da 35 miliardi pianifica i prossimi 3 anni!
Intanto potrebbe passare qualche anno prima di attendere la decisione della Cassazione e, quindi, la decisione del danno arrecato.
Spero di non andare in pensione prima di potervi raccontare che, almeno qualche spicciolo, le concessionarie saranno costrette a risarcire. Magari ancora da inviato di Beppe Grillo.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

30 Commenti a “98 miliardi allo Stato? Un azzardo da decidere”

  1. mauretto ha detto:

    certo lo Stato ci prende gli € ma se vi fosse un’azione mirata verso le case da gioco italiane,gli@ tornerebbero indietro semplicemente col sistema del semaforo!
    Questo metodo é semplice: bsta attendere che si estraggano tre numeri dello stesso colore; il quarto estratto sarà  all 88.48% opposto, questo sistema alla lunga paga, perchésolo l’11.51% andrà  male.
    Oppure potreste metterlo alla proa con il testa o croce, le probabilità  non sono le stesse perché c’é lo zero …
    facciamo ripagare allo Stato il maltolto, poi la vincita la diamo in beneficienza

  2. giuseppe f ha detto:

    @Vera…

    Perché si usano certi vezzeggiativi???

    Perché siamo come in una miniera,
    la gente é esasperata, é stufa e non ce la fa più, é arrivata al limite del punto di esplosione
    forse stiamo aspettando soltanto una piccola scintilla…..

  3. POLDO ha detto:

    Credo che probabilmente sia un problema di tempistiche Helena o Elena. 🙂

    Nel senso che sono più volte che anticipi e stuzzichi il mio pensiero, come pure é innegabile che le argomentazioni in cui ti imbatti sono difficili da non considerare.
    Sicuramente condividiamo un pensiero comune e questo di per se va considerato, non sarò un novello Zorro ma nenache mi sento di negare che potresti ritrovarmi in altri post.

    Anzi, probabilmente c’é un ennesimo post che ti affianca però credimi che non lo sto facendo apposta!

    Un caro saluto anche a te.
    Erre(R)

  4. helena f. ha detto:

    @ POLDO

    Sarà  casualità , non lo fai di certo per venire in mio soccorso, ma sono già  due volte che quando sono “nei guai”
    🙂 … magicamente appari e scrivi il tuo pensiero che quoto al 100%, questa e la scorsa volta, qualche post fa.
    Evidentemente le situazioni nelle quali mi imbatto e le risposte che ne derivano a me dirette, stimolano un tuo intervento.
    Comunque grazie. Un caro saluto
    Elena

  5. helena f. ha detto:

    @ Acqua calda

    “leggo quasi regolarmente questo blog, e sinceramente a lamentarsi praticamente di qualsiasi cosa accada in Italia, non trovo la nostra Vera, ma buona parte degli altri frequentatori”.

    Che cosa é un blog?
    E uno spazio virtuale dove il detentore del blog posta un argomento di attualità , costume, politica…
    I frequentatori del blog stesso scrivono la propia opinione sulll’argomento in questione, spesso interagendo anche fra di loro. Vi sono critiche, consensi, dissensi e anche lamentele, dovute ad un disagio per cui si sente il bisogno di sfogarsi.

    VERA é un frequentatrice del blog alquanto anomala.
    Hai scritto tu che non vedi mai Vera lamentarsi di qualsiasi cosa accada in Italia, come fa la maggior parte degli altri.
    E’ propio questo il punto.
    Vera quando interviene sul blog si LAMENTA eccome !!!
    Ma come?
    Non ho mai visto Vera dare una opinione su nessun argomento postato, ma lamentarsi in continuazione solo di Martinelli sulle solite cose: se egli é un giornalista indipendente e sul modo di esprimersi quando scrive i suoi articoli. Stop.

    Ben vengano le critiche costruttive, siamo in democrazia qui,
    Ma quella di Vera é solo ostilità  nei confronti del detentore di questo blog, perlomeno questo fa dedurre il suo modo di porsi.

    E’ per questo che le ho detto, dopo 1, 2, 5, 10 volte che si LAMENTA (lei si, più che noi) sempre della stesse due cose, (diventa anche noiosa) che cavolo vieni a fare qui?

    p.s. sbagli quando dici che qui ci si lamenta a prescindere, e ne é la riprova l’argomento (social card) che porti ad esempio.

    Buona serata, Aqua Calda.

  6. POLDO ha detto:

    A volte mi chiedo se guardare sempre avanti sia un pregio e in effetti lo é.
    Poi rifletto; come tutte le cose, però, l’atteggiamento non va interpretato unilateralmente ma inserito in un contesto ideologico un pò più ampio; ovvero, giusto guardare avanti ma ricordando il passato per trarne benefico.
    Quello che invece negli ultimi anni noto é cancellare il passato e vedere solo il futuro, a malapena il presente.

    Acqua Calda pone una questione dicendo sostanzialmente se quì ci si viene solo per criticare!

    Mi sento di affermare che se l’Italia fosse un Paese “normale” il proliferale di blog, comunity, forum, ecc. che trasversalmente promuovono un’altra informazione sarebbe meno accentuato.
    Di fatto l’Italia non é un paese normale, ma in senso negativo purtroppo, basti vedere tabulati statistici di società  internazionali in campo sociale, economico, retributivo, informativo ecc. per rendersi conto dei non lusinghieri risultati; a volte a livello europeo a volte a livello mondiale.
    Abbiamo gli stipendi più bassi d’Europa ma in compenso le tasse più alte (al pari di paesi come Germania e Francia), un debito pubblico in crescita e un PIL sempre più in negativo. Tutto questo non per colpa degli Italiani o almeno non di tutti, ma per colpa di una classe politica (e no guardiamo solo quelli del parlamento italiano ma in tutta Italia) parassita ed inadempiente.

    Ad un Paese come il nostro, giunto ad una situazione a dir poco ridicola e catastrofica (con buona pace di Berlusconi che si sforza di buttare petali di rose sul fango) non servono misure tampone o contentini prenatalizi, sullo stile “la pillola del giorno dopo”, ma provvedimenti seri e credibili che riportino il Paese dallo stato di deriva a quello di giusta rotta.

    Personalmente non sto a giudicare la Social-Card come mezzo, ma come modo. Si é adottato un sistema simile al dopoguerra o simil stato Cubano che é comunque un costo per lo Stato senza affrontare di fatto il problema degli indigenti. Aggiungo che paradossalmente la Social-Card non evita ad un possibile evasore fiscale di usufruirne. Quello che la Politica sino ad ora non ha mai fatto é stato quello di interessarsi seriamente dei problemi del Paese piuttosto che dei suoi, ovvero della politica stessa. Non si può pretendere che in un Paese chi vive di stipendio viene spremuto come un limone senza via d’uscita e chi possiede un reddito indipendente buò beneficiarsi di un sistematico principio di evasione e sgravi poiché giustificati perché, come i primi, incazzati per una pressione fiscale assurda.

    Io tendo ad esaminare le persone, non la struttura in se, tanto più che la seconda si basa imprescindibilmente sulla prima. Quindi non é un caso che persone inadeguate portino ad un sistema di malgoverno a prescindere da chi esse siano.

    Il caso Berlusconi, haimé, é ormai una “Storia tutta italiana” ma simbolo di un Paese che ha perso la sua identità  Politica in primis e quella “omnistrutturale” poi. Non é retorica insistere costantemente sull’esigenza di un buon governo poiché é alla base di un Paese solido.

    Io ho girato un pò l’Europa e anche il Mondo, non é che gli altri non abbiano beghe da smaltire ma per la miseria io non mi spiego perché in Italia non solo non si riescono a smaltire quelle comuni ad altri paesi ma addirittura non ci si riesce per quelle che altri paesi hanno smaltito e superato da molto tempo. Cosa vuol dire questo?

    La politica non sta facendo uno, che sia un minimo sforzo per dimostrare la buona volontà  in un situazione di crisi agendo sul “SUO” sistema di spesa. Stipendi, privilegi, vantaggi, strutture, mezzi, niente di niente! Loro dicono a noi di stringere la cinghia ma nel contempo di non diminuire i consumi e la loro cinghia invece com’é, sempre bella gonfia!

    Non é un paradosso in una Repubblica democratica TAGLIARE I FONDI ALLA SCUOLA PUBBLICA E MANTNERE QUELLI ALLA SCUOLA PRIVATA affermando che quest’ultima é indispensabile per l’istruzione in Italia. Cioé come dire che la scuola pubblica non serve. Però di fare una seria riforma sulla scuola, quello no!

    E questo é solo uno degli ultimi casi che identifica uno Stato completamente menfreghista verso il bene della collettività  ma che agisce con una politica Feudale, gettando qualche sacco di grano quando serve per calmare le acque e dando per scontato che l’Italia e roba sua e basta.
    Per lo stato italiano la parola “preventivo” identifica solo quello della spesa non un MODUS OPERANDI.

  7. vera ha detto:

    QUi e in mille altri blog ci si sfoga un po’. Qualche parola sopra le righe aiuta a sentirsi meglio? Poi se qualcuno querela si piange all’attentato alla libertà  di critica. Quanto é comodo il passatempo di sparlare battendo i tasti su una tastiera di pc. Andargliene a cantare in faccia, mai? E proporre qualcosa di concreto, troppo difficile?

  8. freeman ha detto:

    >Sulla “social card” non ci sarebbero critiche da muovere
    questo lo dicono i fans del ducetto…

  9. Acqua Calda ha detto:

    Vera ha perfettamente ragione, helena.

    Se come si dice qui, si lotta per cambiare le cose, é opportuno farlo in modi quantomeno consoni al contesto e tenendo un linguaggio adeguato e soprattutto privo di gratuite scurrilità .

    Leggo quasi regolarmente questo blog, e sinceramente a lamentarsi praticamente di qualsiasi cosa accada in Italia, non trovo la nostra Vera, ma buona parte degli altri frequentatori.
    Ci sarà  pure qualcosa che funziona in Italia senza prescindere da determinate posizioni politiche, o no?
    Sulla “social card” non ci sarebbero critiche da muovere, eppure le critiche ci sono anche su questo punto.
    Il lamentarsi “a prescindere” non é mai costruttivo, in definitiva vorrei sapere quale é l’obiettivo finale di questa “corrente di pensiero”, spero non sia solo lo sparlare di tutto e di tutti….e poi?…..

    E poi?…..
    E poi?…..
    E poi?…..

    Buona giornata, helena.

  10. helena f. ha detto:

    Vera,
    hai propio strarotto le scatole.
    Vieni qui solo a lamentarti.
    Visto che i modi di Martinelli non ti piacciono che cavolo ci vieni a fare qua?

  11. vera ha detto:

    perché tutti questi nomignoli ai politici, questo linguaggio scurrile tipo finiti bocchino sterco leccapiedi leccanatiche ecc se poi ti arriva una querela piangi?

  12. cognato pugliese ha detto:

    UNA TORTA DA 98MILIARDI DI EURO.
    UNA BRICIOLA AD UNO ED UNA BRICIOLA AD UN ALTRO E
    I PROCESSI SI RINVIANO, SI SOSPENDONO ECC… ECC..
    QUESTA E’ L’ITALIA UN POVERO CRISTO LA MULTA DI POCHI EURO LA DEVE PAGARE PERCHE?
    PERCHE SU UNA MULTA DI (TORTINA) 50 EURO CHE FETTA
    VUOI DARE A CHI PUO TOGLIERTELA.
    VEDI BERLUSCONI E’ MEGLIO EVADERE MILIONI DI EURO CHE POCHE CENTINAIA E’ PIU FACILE CORROMPERE.

  13. a s ha detto:

    Vedo gente al bar del mio paese mangiarsi centinaia di euro in queste macchinette truffa. So che lo Stato ci guadagna molto, per non parlare dei concessionari che inoltre non pagano le tasse. Non posso credere a chi mi dice che in Italia non ci sono i soldi. Questi truffatori devono pagare.
    Purtroppo l’opinione pubblica in questo periodo storico é molto abbagliata dai finti problemi (o non così reali) come gli immigrati e la sicurezza(che alla fine é un problema ma nn quello principale). Però l’opinione pubblica si indigna poco quando si parla di banche che proponevano azioni parmalat o cirio sapendo le condizioni di queste aziende, o di banche che propongono mutui a tasso variabile truffa. L’opinione pubblica non si indigna dei speculatori finanziari. WHY?

  14. CHICCA ha detto:

    se avessimo i ladri in casa che ci rubano tutto gettando all’aria i nostri mobili ed i ns effetti personali e non potessimo né fermarli né denunciarli, anzi ringraziarli ed accompagnarli alla porta con il bottino sarebbe da fantascienza? eppure é quello che si sta verificando nel nostro paese dove dobbiamo sottostare ai ladri e non possiamo né difenderci né avere giustizia per il crimine commesso.
    ma quando iniziamo a guardare la verità  in faccia e blocchiamo chi ci sta derubando di beni materiali, del presente, del futuro ed anche dei nostri sogni?
    daniele incazziamoci sempre e non facciamo che la rassegnazione ci invada come un extracorpo lasciandoci larve alla mercé di pochi ma ben organizzati delinquenti
    p.s. ritornare a casa senza antidepressivi é pericoloso si rischia di sentirsi sempre più formiche in un paese di formichieri

  15. Ercole ha detto:

    Italiani cazzoni (da secoli).

  16. caterina ha detto:

    Sono d’accordo con Paul Kersey.

  17. Capkirk ha detto:

    Grazie per il servizio Daniele.

    Ottimo.

  18. Marco B. ha detto:

    Daniele,

    questo servizio é degno del Pulizer e non lo dico per vanteria o per ruffianagine. Così mi trovi daccordo. L’hai detto che il servizio te lo commissionava Grillo e gli intervistati l’hanno capito da sé che non poteva essere altrimenti vista l’aula deserta. Continua così e lascia perdere i politici in veste di editori .. sono tutti dei farabutti e del ladri. Fai il tuo mestiere e resta vicino alla società  civile .. questo ti onora più di ogni altra cosa.

    PS:come procede la tua crociata per portare le telecamere in aula al processo Bassuline-Jervuline .. simmo a Camorra paissà ! Hai mollato ADP e IdV ed hai cominciato la raccolta dei fondi? Attendiamo news su quel fronte .. ciao

  19. helena f. ha detto:

    Con la scusa dello scontro fra la procura di Salerno e quella di Catanzaro, Alfano ha detto: “c’é bisogno di una riforma della Giustizia” e con un sorrisino beffardo: ” ci stiamo già  lavorando…”
    E’ la fine… Faranno una riforma a loro immagine e somiglianza e sarà  pronta molto presto. Poi toccheranno la rete…
    E noi non siamo in grado di fermarli.
    Il regime si sta trasformando sempre di più, da “soft” a “hard”, comincio ad aver paura…

  20. luciano ha detto:

    Non é AZZARDATO dire che anche questa volta gli italiani
    lo prenderanno nel Kulo.

  21. sil lan ha detto:

    Che dire?
    Non resta che ringraziarti delle informazioni, anche se non abbiamo molte speranze che questa storia abbia un buon esito. Le battaglie giuste vanno comunque combattute, indipendentemente da come finiranno. Chissà  che qualche pseudo giornalista venga colto da subitanea e irrefrenabile invidia…
    Con tutta la mia stima.

  22. giuseppe f ha detto:

    Caro Daniele allora mi viene un piccolo dubbio….
    fo comprato una casetta ed ho richiesto di farla come prima casa.
    Entro 18 mesi avrei dovuto chiedere il cambio di residenza, ma non l’ho fatto e quindi ho perso i requisiti (che roba strana però…io non ho altre case, quindi per me é di fatto prima casa).
    Ho chiesto all’agenzia delle entrate di valutarmi le penali ma, a distanza di quasi due anni, non ho ancora ricevuto i conteggi.
    Ora penso che mi arrivera’ una bella batosta, soprattutto di interessi.
    A questo punto potrò anche io sostenere che é colpa dello Stato e pagare soltanto il minimo oppure per me ci sara’ un’altra legge….io scommetto che che a me sarà  applicata la sanzione al 100% e che dovrò pagare subito….

  23. Brainseller ha detto:

    Daniele, la situazione sembra aggravarsi parecchio. Ritengo che a maggior ragione in questo momento di crisi economica, sarebbe quantomai necessario che l’attuale governo intervenisse. I fatti dimostrano invece che non é possibile avere dubbi circa l’ identità  dei mandanti di questa truffa a danno dello stato e di tutti noi. In un momento in cui il governo dice di aver bisogno di raschiare il barile, il nostro si intende, si lascia invece grande spazio e movimento alle multinazionali della frode, con la complicità  delle istituzioni deviate, sia nel pubblico che nel privato. Grazie per il lavoro e il coraggio.

  24. Paul Kersey ha detto:

    QUANDO SI SPARERA’ IO CI SARO’

  25. helena f. ha detto:

    Andrà  come sempre… in questo paese chi arreca gravi danni alla società  non paga mai, né con il carcere, né con risarcimenti in denaro.

    “Fra qualche anno… qualche spicciolo le concessionarie saranno costrette a risarcire”.

    Già , persino quando esiste senza alcun dubbio l’evidenza del reato i condannati se la caveranno sempre usufruendo dei “grandi sconti”.

  26. Roberto G. ha detto:

    Lottomatica capitalizza circa 2,7 mld, snai meno di 200 mln, le altre otto non so ma penso che più o meno le cifre siano queste.

    Qualcuno mi deve spiegare come fanno questi a restituire 98 mld di euro. Boh!

  27. francesco ha detto:

    ciao daniele,
    in un commeno ad un post precedente ti chiedevo di dirci in quanti altri giornalisti seguono i casi che segui tu ( a mio avviso importanti)
    oggi mi confermi che tutti i REGGI MICROFONO che si spacciano per giornalisti , sono i veri killer dell informazione!
    ( reggi microfono ovvero quando un politico parla, vedi questa massa di reggi microfono allungare il braccio che diventa piu lungo di quello di olivia di braccio di ferro)

    ma dove erano tutti i giornalisti pagati anche da noi oggi?
    di sicuro non a roma! o di sicuro interessati a farci interessare qualche minkiata varia!

    LA NOTIZIA DI 98 miliardi FOTTUTI ( RUBATI) , o se fossero anche di meno, DOVREBBE FARE IL GIRO PER LE CASE DEGLI ITALIANI!
    IVECE NO…. TUTTO TACE E DEVE TACERE !
    THIS IS ITALY! ( approfitto per consigliarvi la visione di
    THIS IS ENGLAND!

    PS: DOMANI TORNO IN ITALIA CON MIA MOGLIE PER VACANZE!
    L UNICA COSA PER LA QUALE SCENDO E LA FAMIGLIA!
    E NON QUESTA TERRA DI MERDA! DI SOLITO SIAMO SCESI SEMPRE PER 4 GIORNI CIRCA…… QUESTA VOLTA CI TRATTENIAMO PER 10 GG…. CHE COGLI… CHE SONO STATO!
    10 GG A PALERMO ! MI FANNO VENIRE I BRIVIDI! PERO PER LA FAMIGLIA QUESTO ED ALTRO…..

    ALTRA COSA E MI TACCIO: BERLUSCONI HA AFFERMATO CHE E UNA MEZZA SEGA in informatica ! e che di nuove tecnologie sa solo come si scrive ( a mano) .
    lui e un buffone, e noi piu di lui!

  28. patty ha detto:

    a mio avviso…finirà  tutto a tarallucci e vino…
    scemi chi ha speso soldi per giovare.
    questi giochi…gratta e vinci…schedine di calcio…e tutto il resto…a mio avviso in un paese civile dovrebbero essere vietati per legge.

  29. freeman ha detto:

    “Due settimanne fa, a Milano , é stata arrestata una signora italiana, incensurata, per aver rubato qualche decina di euro di cibo perché aveva fame.
    Li sentite i bufali? Il loro zoccolo é sempre più pesante.”
    io, per ora, sento solo un gran silenzio…

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.