Berlusconi lesa “finessa”

Sul libro B. di Gianni Barbacetto (2004, Marco Tropea editore) é riportata l’intercettazione del 31 dicembre 1986 (ore 20.52) momento in cui Berlusconi si agita con Marcello Dell’Utri per le ragazze di Drive In. «B: Iniziamo male l’anno! D. Perché male? B. Perché dovevano venire due di Drive In e ci hanno fatto il bidone! E anche Craxi é fuori della grazia di Dio! D. Ah! Ma che te ne frega di Drive In? B. Che me ne frega? Poi finisce che non scopiamo più! Se non comincia così l’anno, non si scopa più!».

Avete proprio delle facce di cazzo votare con Rifondazione“. Berlusconi rivolto al leghista Luigi Roscia durante il voto alle Camere per la missione militare in Albania nel 1997.

Voi ex democratici mi avete rotto il cazzo, tu e il segretario Follini. Conosco i vostri metodi irresponsabili. Fate favori di qua e di là  e poi raccogliete voti, ma io vi denuncio. Io le televisioni le so usare e le userò. Chiaro? Mi avete rotto i coglioni!” Frasi di Berlusconi durante la verifica di governo, 6 febbraio 2004.

Voto a sinistra? Non ci sono tutti questi coglioni in Italia!” Frase di Berlusconi pronunciata il 4 aprile 2006 alla vigilia delle elezioni politiche in cui vinse Prodi nonostante i brogli al Senato.

I magistrati sono metastasi della Democrazia.” Parole di Berlusconi pronunciate il 26 giugno 2008. Proviamo chiedere un parere sull’eleganza di questa frase a chi é in cura con chemioterapia, o a qualcuno che ha avuto figli o persone care morte di tumore.

Da un lato é un grande dispiacere, ma dall’altro vi confesso che sono tutto contento: faccio in tempo a tornare da mia moglie a farmi una bella ciulatina“. Berlusconi alla festa dell’80esimo compleanno di un imprenditore di Parma conclusasi anzitempo per un attacco di stanchezza del festeggiato. “Il Diario 30 marzo 2001”.

La verità  sul processo Mills é talmente lampante che Berlusconi farebbe impiccare chiunque pur di scampare alla sicura condanna. La magnaccia Berlusconi pronunciato da Antonio Di Pietro é soltanto una verità  fin troppo accorta e gentile. Vere volgarità  sono lui, i suoi alleati, le sue leggi e il suo rendersi immune. Mi solleva la storia e il suoi insegnamenti sulla fine che di solito fanno i dittatori. Poco elegante intendo, che le frasi, a confronto, diventano proprio manfrine.

Ma c’é un ma. Le intercettazioni pubblicate sull’Espresso che tanto preoccupano il mafioso di Arcore dovrebbero essere soltanto l’antipasto. Dall’intervista che la ministra Meloni ha rilasciato al Corriere nella quale ha detto che “non avendo un fisico da show-girl Berlusconi non può avermi fatto avances” rimane soltanto fra le altre 3 ministre in carica la “merce” scelta dal magnaccio con parrucchino, Viagra e dentiera, che ha puntato senza mezzi termini al telefono. L’intercettazione é nelle mani dei magistrati. E’ solo questione di tempo. Non appena sarà  scovata quella chiacchierata finirà  subito online. Io la linkerò. Alla faccia di Angelino in Affanno.

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

38 Commenti a “Berlusconi lesa “finessa””

  1. ivan palmieri ha detto:

    io sono talmente nauseato da quel vecchio porco e dai suoi tirapiedi che linko tutto anche io perché mi stà  sui coglioni lui e la gente che ancora crede alle cazzate che dice
    forza Daniele sei tutti noi!!

  2. Bruno ha detto:

    dal dizionario etimologico online etimo.it
    definizione ed etimologia di “berlusco”

    http://www.etimo.it/?cmd=id&id=2150&md=602466828cd2aad9d31d89ba60abcdeb

  3. renato zanotti ha detto:

    a Patty e tutti..
    a proposito di vendita dei giornali, prima in Ospedale passava il giornalaio che VENDEVA l’Eco di Bergamo a chi lo voleva, ora passa lo stesso giornalaio e REGALA lo stesso giornale a pazienti e personale. A l’Eco non interessa venderli, interessa stampali e campare sul contributo statale..
    Certo, ci sarebbe un modo per salvare giornale, guadagni e dignita’: smetterla di essere il bugiardino e fare giornalismo vero, con inchieste scottanti, approfondimenti seri e sinceri, la gente lo comprerebbe con piacere. Ma per ora le uniche cose vere solo le pagine dedicate ai morti.

    Ottima l’idea di intasare le redazioni con lettere che le smascherino, infatti dirci le cose solo tra noi serve a non farci sentire soli ma poi bisogna farle sentire fuori, là  dove, come diceva W.C.Williams (http://it.wikipedia.org/wiki/William_Carlos_Williams),
    ci sono un mucchio di bastardi..
    Dai!

  4. patty ha detto:

    Ad ale…era Massimo D’Azeglio che disse Fatta l’Italia occorre fare gli italiani. Ma stando ai fatti, io non ne sarei molto sicura, dato che anche dei libri non ci si può fidare, visto che sono anche di parte. Il neoliberismo su un testo della Mondadori viene definito come la dottrina economica capace di risolvere i problemi del debito pubblico e ridurre la disoccupazione di una nazione in difficoltà . Invece é tutto l’opposto.Il neoliberismo é l’annullamento del potere economico istituzionale di una Nazione. Ha depredato le nazioni intere dei beni dello stato facendoli svendere e a vantaggio dei politici o imprenditori che li hanno acquistati a quattro soldi. E’ la privatizzazione dei beni e servizi di uno Stato che poi in mano ai “magnacci politici” fanno cartello. Alla fine serve a mettere in ginocchio una società  su tutti i fronti per accelerare il processo del “nuovo ordine mondiale” idea di politici usa folli e diabolici… ossia un solo governo militarizzato,sicuramente oligarchico.Questo é tutto quanto é accaduto sul ns territorio e sta ancora accadendo(cosa che dovevano parlare i ns. beniamini scribacchini e che non hanno detto per non perdere il posticino) ma intanto hanno perso la dignità  e la credibilità .Non hanno pensato però che ci sono persone ancora capaci di capire con la propria testa. Hanno creduto che le pornotv del despota attuale abbia fatto il lavaggio del cervello alla massa. Ale ce ne sarebbe da dire parecchio ma mi fermo qui. L’importante é che ci siamo noi a fare passaparola anche se ci prendono per folli perché queste verità  nessuno mai le ha evidenziate alla massa attraverso i media.Martellano solo su puttane e mafiosi giusto per ammodernare lo status etico della popolazione oramai allo sbando visto che il cavaliere mascarato dice che siamo un popolo con idee bacate. Scusa la volgarità  ma mi é venuta spontanea.Vedi Ale le persone si apprezzano sempre quando non ci sono più. Ps. Il mio motto…Ognuno di noi é artefice del destino altrui. Quindi… sta a noi spianarlo nel bene se vogliamo il bene futuro. Viceversa…io dico che non vale la pena vivere. Vi é più gioia nel donare che nel ricevere disse un filosofo religioso…Non arrendiamoci e siamo sempre noi stessi. Un saluto.

  5. patty ha detto:

    A Renato Zanotti…avrei detto…di articoli ce ne sono a iosa di cui potreste parlare es. scie chimiche,signoraggio,nuovo ordine mondiale, 113 basi nato sul ns. territorio, bombe nucleari, che siamo una colonia americana,che ci hanno tolto il diritto di scegliere il candidato con la legge porcata fatta dallo psicotappo, che vogliono ridurre il costo del lavoro facendo entrare chiunque proprio per questo.Mentre poi ci ridicolizzano dicendo che gli italiani non vogliono più lavorare. Intanto quelli della Tissen erano tutti italiani, per non parlare di tutti quelli morti sui cantieri navali…aziende dello stato, mentre qui siamo al collasso “sovraffollati per ogni metro quadro”…e ve n’é altro di cui non ce la faccio ad elencare.Se si fossero comportati veramente da veri giornalisti avrebbero venduto a iosa quotidiani dato che il 60% della popolazione italiana non ha ancora internet.Inoltre avrebbero fatto carriera solo con la semplice vocazione di un vero giornalista come lo é Martinelli e altri che hanno veramente una dote innata oltre che definirli “veri uomini”.Mi associo a Zanotti per la lettera scritta e credo che dovremmo prendere spunto da questo gesto, intasando tutte le redazioni giornalistiche.
    Complimenti Renato.

  6. daniel ha detto:

    avrei speso due paroline anche sulle intercettazioni con saccà .. c’é qualcuno che ancora non le ha lette o sentite.. Quello si che é un pappone!

  7. freeman ha detto:

    forse un giorno molto lontano questo paese marcio diventerà  normale, ma io non posso certo aspettare, ho già  perso molto, troppo tempo e non posso, non voglio perderne altro, ormai ho superato i 30 da un pezzo… auguri a chi rimane…

  8. Marco B. ha detto:

    Daniele,

    sai che ti stimo come giornalista ma sai e puoi fare di meglio se vuoi .. non ti fare omologare, non tirare la volata per QUESTI o per QUELLI a seconda degli umori, continua a raccontare i fatti in maniera PRECISA e INCONTRSTABILE e sopratutto stai LONTANO da chi ti vuole “imbarcare” ad ogni costo.
    L’8 e il 26 Luglio TUTTI a Roma per manifestare a favore della LIBERTA’ e della DEMOCRAZIA che i padroni del vapore vogliono MISTIFICARE ancora una volta!!

  9. bardo ha detto:

    caro daniele spero che leggerai questo commento – tu mi piacesti subito quando mandasti affanculo riotta su yt – ma poi ho capito quanto sei prigioniero di una “controinformazione” rigorosamente manipolata da mani e strategie esterne al bene comune – non esiste solo berlusconi, sai ? – lo scopo che sta dietro alla figura del nano é proprio questo: non si può non parlare di un delinquente manifesto, giusto ? – e pensi davvero che il tuo sforzo quotidiano non vada nella direzione che vogliono quelli che hanno inventato il signor berlusconi ? – svegliati, ci sono cose che vanno oltre al nano – il nano sta lì per nascondere i suoi padroni – (sono gli stessi padroni di walter e di tutti gli altri individui ignobili che ci prendono per il naso attirando le nostre inutili ire personalistiche…

  10. andrea cossu ha detto:

    MA DAI,SEMPRE A PARLARE DI BERLUSCONI,NEANCHE FOSSE UN MAFIOSO ,MASSONE ,COLLUSO ,PRESCRITTO ,PLURI INDAGATO,CORRUTTORE , EVASORE,SPACCIATORE,MAGNACCIA,CHE VUOLE FARE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. O NO?…..E SE FOSSE? ….CERTO CHE SAREMO MESSI PROPRIO MALE !!! MA NO NON E’ POSSIBILE QUESTE COSE IN UN PAESE CIVILE E DEMOCRATICO NON POSSONO CAPITARE,SICURAMENTE E’ UN INCUBO ADESSO MI SVEGLIO E NON VADO A LAVORARE PERCHE’ SONO DISOCUPATO.

  11. Ale ha detto:

    x biondo…siamo d’accordissimo che é il sistema che é completamente sbagliato e che necessariamente porta le persone a consolidare con ogni mezzo il proprio potere una volta ottenutolo…siamo tutti d’accordo che i politici, chi più o chi meno, sono tutti “ladri” e che per emergere nel sistema si devono fare compromessi, però sarai d’accordo che negli altri paesi stanno meglio di noi, nonostante il “sistema” sia praticamente lo stesso ovunque: la differenza, non smetterò mai di ripeterlo, é il popolo: il nostro oggettivamente non é un popolo, ognuno pensa ai fatti suoi…mi dirai che anche dalle altre parti é così, ed é vero, nelle altre nazioni però ci sono o strutture di controllo più efficienti ed autonome delle nostre e sopratutto, nelle faccende più importanti il popolo esce allo scoperto, accetta meno supinamente le decisioni calate dall’alto (ad esempio l’irlanda ha bloccato il trattato di lisbona perché gli irlandesi hanno sentito puzza di marcio quando maggioranza ed opposizione hanno invitato a ratificare il trattato di lisbona), gli altri popoli lottano attivamente se vedono privarsi di diritti fondamentali, insomma si uniscono se sentono puzza di fregatura da parte del potere, che per “fregarli” si deve ingegnare nelle maniere più assurde; quando invece non vedono venir attaccate le loro libertà  fondamentali allora ognuno comincia a vedere i fatti propri…in italia no, il popolo é ormai succube, questi qua hanno capito che possono fare di tutto e di più tanto sanno che il popolo non li andrà  a inseguire con i forconi o quantomeno chiederne le dimissioni, e questo perché l’interesse personale prevale anche sulle libertà  fondamentali (togli ai magistrati la possibilità  di indagare con le intercettazioni? e che me frega, basta che mi fai il federalismo e mi dai qualche soldino in più…). Questa secondo me é la situazione. E che vuoi farci? io cerco di “risvegliare” quante più persone possibili col dialogo e la dialettica…che altro posso fare, andare in giro e seminare violenza? no, io non credo in queste cose anche perché oltre che é ingiusto ottieni solo l’effetto di far allontanare da te le persone che la pensano come te e di dare un motivo a chi ha il potere di riscuotere ancora più consensi…la soluzione per me é cercare di cambiare il popolo che si ottiene secondo me in tre passi: a) togliere la tv dalle mani dal potere (e con potere intendo anche banche, società  finanziarie e affini), altrimenti per una persona che “svegli” ce ne sono cento che si “addormentano” b) tentare di far ragionare le persone con iniziative, incontri, discussioni, proprio come facciamo noi in questo stupendo blog! c) riforma seria dell’struzione in modo che le persone imparino a ragionare con la propria testa.
    Quanto tempo ci vorrà ? Ci riusciremo mai? non lo so, ma nel frattempo sicuramente non mi arrendo…

  12. dolcenera ha detto:

    biondo tu mi incuriosisci sempre di più ti rispetto perché rispetto le tue idee sei intelligente e indubbiamente fai ragionamenti corretti ma mi spieghi come si può affrancare un popolo se non non la democrazia? tu auspichi una rivoluzione armata perché solo così si può ribaltare un sistema se non vi é nessuno di cui fidarsi
    ma in questo caso l’obiettivo finale é l’anarchia e se non siamo pronti per la democrazia come possiamo credere che potremmo autogovernarci?
    oppure l’altra
    soluzione che proponi é di scappare via dalla nave che sta affondando, nenche questa mi sembra una soluzione liberale
    e corretta
    secondo me bisogna combattere con le loro stesse armi e fino a quando ci sarà  un solo uomo, uno solo che lotta per la libertà  e l’onestà  non sarà  una battaglia persa in partenza. ci vuole tempo, ci vuole coraggio bisogna combattere contro l’ignoranza dei nostri stessi simili ci vuole cervello e pancia e ci vuole la tenacia che quello per cui ci si batte ha un orizzonte ben definito che si chiama democrazia

  13. Cica ha detto:

    Come ha ricordato Travaglio oggi in Passaparola.
    Il precedende capo dello stato ciampi,FIRMO’ il lodo macc-schifo precedente,poi la Consulta Costituzionale gli fece apprendere il suo “errore” e dopo 6 mesi l’abolirono.
    Penso che napolitano firmerà .

  14. Biondo ha detto:

    E’ nell’animo umano di tutti noi, il tentativo, a volte buffo, spesso goffo e che intenerisce (ma sempre del tutto inutile), di creare una soluzione artefatta ad un problema che la logica non vede risolvibile.

    Le persone che hanno le chiavi culturali per capire come funziona un sistema (sono quelle che non se ne fanno coinvolgere) capiscono che l’evoluzione della società  parlamentare ha generato una deformazione secondo la quale il candidato non rappresenta le idee ma gli interessi dell’elettore.

    Chi non capisce questo concetto, é sedotto dalle belle parole, campagne mediatiche, di marketing, di sondaggio, di diffamazione che servono solo ad accaparrarsi un consenso che poi non viene usato in nome e per conto dell’elettore in quanto cittadino, ma in nome e per conto della lobby economico-finanziaria di chi ha vinto e che rappresenta gli interessi, e non le idee, di quella lobby.

    L’elettore é dunque parte di un sottoprodotto culturale che lo mette fittiziamente in contrapposizione con altri strati della stessa società . Tutti elettori come lui, tutti convinti di avere il diritto-dovere di votare e tutti convinti che il loro partito aggiusterà  le cose per il paese mentre quello degli avversari no.

    Voi che votate, siete sicuramente convinti che chi votate é una persona integra, che condivide i vostri stessi ideali e preoccupazioni, che vi rappresenterebbe degnamente e che farebbe quello che fareste voi al suo posto se governaste: governerebbe in nome del popolo italiano.

    Non c’é nulla di più falso.
    Quelle persone, a differenza vostra, parlano per mestiere. Seducono, sobillano, mentono, calunniano, e parlano di idee e concetti democratici abusando della vostra fiducia e credulità  per un unico scopo: il potere.

    In parte lo si raggiunge sfruttando la vostra buona fede…ma in larghissima parte con il voto di lobby. Pacchetti di milioni di voti che rappresentano interessi di classe.

    Guardate che macchina burocratica é il partito, cosa pensate sia richiesto ad una persona per farne parte…le sue idee?
    E la campagna elettorale per divulgare queste idee con quali soldi viene finanziata?
    Come hanno acquistato i partiti le loro sedi e come spendono i loro fondi? Cosa fa un eletto appena raggiunge il potere?

    Come un generale non può gestire un esercito senza i suoi sottoposti di fiducia, così un partito non può essere gestito da una sola persona.

    Ecco che, il candidato, giunto al potere, utilizza la macchina del partito per assegnare cariche e poltrone e distribuisce il suo potere ai suoi sottoposti che lo ridistribuiscono a loro volta.

    Si tratta di potere, non di ideali e queste manovre, sono in massima parte occulte perché ristrette nel panorama locale della pubblica amministrazione. Tali manovre mirano al consolidamento e all’estensione del potere, con l’acquisizione o la conferma di pacchetti di voti clientelari.

    La democrazia in Italia non é nata mai ma comprendo questa esigenza di aggrapparsi ad un voto a questo o a quel partito e di andare in piazza a dimostrare. Questa é la soluzione artefatta alla mancanza di democrazia in Italia.

    Purtroppo, non si sovverte un regime oligarchico seguendo le regole del sistema che lo pone in essere perché morto un papa se ne fa un altro.

  15. nicosan ha detto:

    C’é una grande cosa che noi tutti possiamo fare per “remare contro” al “sistema”:DISOBBEDIENZA CIVILE es:la tv é merda?bene NON paghiamo il canone,NON comperiamo i prodotti pubblicizzati NON guardiamola PIU’.I giornali sono solo PROPAGANDA? NON comperiamoli più(tanto é inutile informarsi su una realtà  distorta).I politici sono CORROTTI? NON sosteniamoli neppure INDIRETTAMENTE(vespa\mentana\ecc FUORI dalla mia vita).So che sembra BANALE,ma se un numero consistente di italiani facesse così,garantisco che toglieremmo loro gran parte del potere!!PS:so che come popolo non siamo un gran che “avanti”ma se da questi blog noi ci lamentiamo IN CONTINUAZIONE di NOI STESSI(gli italiani)FACCIAMO SICURAMENTE IL LORO GIOCO (DIVIDI ET IMPERAM) se voi sapeste la percentuale di BRAVA GENTE rimarreste sorpresi.Il problema é che il POTERE VERO é in mano a POCHI MOSTRUOSI LOSCHI FIGURI.NON RESTA CHE APRIRE GLI OCCHI.MOLTO INTERESSANTE L’INTERVISTA A LUCA LAURENTI Su YOUTUBE.Dice cose PERFETTE!!http://it.youtube.com/watch?v=DLoyqtAdxBM

  16. Ale ha detto:

    per patty…”tanto si muore e voglio vivere adesso” hai perfettamente ragione, tutti pensano ai fatti propri é questo il problema: l’effetto serra? e chi se ne frega tanto fra 100 sarò morto, devo vivere adesso, il problema sarà  delle future generazioni, che a loro volta ragioneranno allo stesso modo e così via, fino a quando si arriverà  alla situazione impossibile da recuperare, e tutti diranno:”come é stato possibile che tutto questo possa essere accaduto, ecc.” e ciò che vale per l’effetto serra vale per ogni cosa: le guerre nel mondo, i bambini in africa che muoiono, la munnezza a napoli ecc. alla gente non gliene frega niente, si vive una volta sola no? finché non tocca a loro ovviamente…i leghisti si tengono berlusca perché devono fare il federalismo, che gliene frega se santifica i mafiosi, se blocca la giustizia, se ruba la mondadori ecc. l’importante é che gli dà  il federalismo, l’importante é che fa mangiare anche loro…la gente non capisce che con questa mentalità  non si va da nessuna parte: non mi ricordo chi pronunciò la famosa frase:”fatta l’italia bisogna fare gli italiani”, ebbene gli italiani ancora non ci sono, ognuno pensa ai fatti propri e per avere favori si vende…
    Come dico sempre, il problema non é berlusca, non é andreotti, non é craxi, il problema siamo noi, popolo servo mafioso e ignorante (con l’eccezione di pochi e,mi par di vedere,sempre di meno)

  17. patty ha detto:

    Ad Ale…e ti credo dato che i media hanno fatto il lavaggio del cervello a molti specie a quelli più deboli e superficialmente acculturati. Questo lo noto sopratutto tra laureati. La sola cosa che dicono…tanto si muore e voglio vivere adesso…Io dico: ma ci sono cose dalle quali non sei esonerato a non farle perché toccano la tua libertà .

  18. Ale ha detto:

    E’ vero purtroppo siamo un ago in un pagliaio… non so voi ma io la sera quando esco con gli amici e provo a parlare di politica e cose del genere vengo visto come un “secchione” e come uno che parla di cose inutili, noiose…provo a spiegar loro che stiamo andando verso una forma di dittatura dolce ma loro, anche se non lo dicono, mi guardano come se fossi un extra-terrestre!!
    non c’é senso di cosa sia la democrazia, non c’é cognizione dell’importanza della separazione dei poteri: appunto perché non sanno cosa sia una democrazia non si accorgono della deriva dittaturiale verso cui stiamo andando…se provi a spiegarlo ti prendono per pazzo…meno male che ci siete voi che mi capite, altrimenti stavo davvero cominciando a pensare di essere un pazzo secchione…inutile giustamente proporre andare a Roma per difendere la democrazia, tanto non hanno cognizione del pericolo (ed é questa la cosa più grave!!!!)

    P.S. ovviamente se comincio a parlare di lippi e/o nazionale la situazione cambia radicalmente…

  19. patty ha detto:

    A Mauro…tanto Morfeo é manipolato.Per la coesione…farebbe di tutto anche di firmare leggi anticostituzionali e vergogna. Lo stimavo all’inizio. Mi sembrava una persona molto ligia al dovere. Qui l’unico che ha fatto il suo dovere é stato Sandro Pertini che fu partigiano in persona. Io non so come andremo a finire. Fino a che tutti gli italiani non riusciranno più ad acquistare il pane quotidianamente…allora ci sarà  una guerra civile. Purtroppo ci sono sempre i galoppini lecchini e scagnozzi che dietro i potenti ci marciano. Abbiamo perso ogni valore e me ne vergogno da italiana anche se ci sono persone ancora con coscienza ma siamo come un ago nel pagliaio.

  20. Stefano Facci ha detto:

    Abbiamo visto che il clima del dialogo, della calma piatta e dei toni bassi non porta mai da nessuna parte. Veltroni durante la campagna elettorale non nominava il suo diretto avversario; bravo Walter, in effetti quando si ha dall’altra parte il più ineleggibile candidato della storia repubblicana é meglio non parlarne; é buona cosa non far sapere in giro di quali misfatti si sia macchiato l’esecutivo da lui diretto dal 2001 a 2006: i suoi elettori potrebbero spaventarsi e non votarlo più, magari preferendo voltarsi a sinistra. Di Pietro chiama Berlusconi col titolo che più gli é consono e: Nonno Giorgio AUSPICA (mi chiedo perché il capo dello Stato, in qualità  di prima carica istituzionale, non possa per una volta prendere una posizione chiara); Piercasinando CaltaGirone Infernale consiglia al PD di sbarazzarsi dell’IDV (bene, così l’opposiziose diventa realmente fantasma, lui e gli amici dei suoi amici potranno beneficiare di tutte le porcherie proposte dal governo ad personas); la Finocchiaro, così come ha difeso Schifani dopo le informazioni sul suo conto rese da Travaglio durante Che tempo che fa, ora difende l’onorabilità  del pulcino indifeso col crine bitumato. Risultato a poco più di 2 mesi dal voto: IDV raddoppia i consensi e PD in fase di squagliamento come neve al sole di questi giorni. L’8 luglio non potrò esserci fisicamente; so che non conta, ma sarò lì con la mia coscienza. Intanto le armi di distrazione bombardano a tutto spiano e stanno sterilizzando a livello neuronale i cittadini italiani. Qualche citazione é d’obbligo e vi invito a verificare coi vostri occhi e orecchi:
    Studio Aperto: 1 – fa caldo; 2 – verifichiamo chiedendo in spiaggia e nelle città  se fa veramente caldo (alto giornalismo d’inchiesta); 3 – omicidio o simile o incidente del giorno; 4 – fa ancora più caldo e vi mostriamo l’abbigliamento di qualche fondoschiena per dimostrarvi che se sono così poco coperti deve fare realmente caldo; 5 – spostiamo il mirino dalla politica perché non riusciamo più a inventarci niente per scagionare il padrone, ormai divenuto indifendibile avendo esaurite le nostre riserve di fantasia (esempio di domenica 29 giugno: visto che era presente il nostro direttore Mulé ci tocca andare alla presentazione del libro L’altra casta, quella dei sindacati: ma sì va’, distraiamoci un po’ coi disastri dei sindacati…);6 – Altro giro di T.E.C.S. (Tette e Culi Show – Giordano docet);7 – se ci avanza tempo un cane abbandonato o un gatto bastonato o un cerbiatto senza la mamma lo troviamo per allietarvi il primo pomeriggio.
    Tralasciando il Tg4 poiché abusivo e quindi non conta, bisognerebbe scandagliare anche il TgPanino di Mimun il sommo taroccatore, ma non ne ho voglia; per oggi mi sono già  nauseato da solo facendo i titoli di Studio Aperto. Solo una minuscola citazioncella: osservate come quotidianamente venga riproposto un caso di malagiustizia. Ieri ad esempio si spiegava come pericolosissimi boss mafiosi fossero stati scarcerati per decorrenza dei termini di custodia. Giusto, alcuni errori non trovano giustificazione. Però é strano che se ne parli così assiduamente proprio in questo periodo, quando cioé il padrone ha bisogno di sostenere le sue tesi denigratorie nei confronti dei magistrati per lui mentalmente disturbati, tutti comunisti (come Bondi e Ferrara) e privi dei requisiti minimi per considerarsi parte della razza umana. Olé!

    Stefano Facci

  21. Se questa è l'Italia.. ha detto:

    E’proprio qui che casca l’asino: “Ho troppa stima dell’intelligenza degli italiani..”..e invece é proprio l’esatto contrario..il cavliere mascarato se continua a prendere in giro in maniera così evidente le gente, é perché ci considera proprio dei caproni ignoranti, che pensano solo a guardare le veline e le partite, e che ci basta questo per campare..d’altronde..se é ancora al governo..

  22. sergio lorenzi ha detto:

    magnaccia
    una sola parola e hai detto tutto
    se non ci fossi tu dove saremmo?
    grazie Antonio

    p.s. Simeoni campione d’Italia
    armstrong tie!

  23. Roberto G. ha detto:

    Di Pietro attacca il farabutto e i suoi cani da guardia gli abbaiano contro dalle carte igieniche di regime. Oggi Facci, il re dei servi, sul Giornale (che sta al quotidiano fondato dal grande Indro come la merda sta al cioccolato) tira fuori dall’armadio tutti gli scheletrini dell’ex PM secondo il noto schema di delegittimare chi parla anziché controbattere quel che dice.
    Non sa la cacca occhialuta e con la bocca storta, che noi combattiamo per un’Italia pulita e non ce ne fotte niente neanche di Di Pietro. Se i suoi peccati si dovessero dimostrare troppo gravi butteremo a mare pure lui e proseguiremo con altri.

    A Roma l’8 e il 25 luglio!!

  24. mario c. ha detto:

    qualcuno mi spiega per favore come ci togliamo sto buon uomo di torno sto per diventare cattivo e un essere ignobile mi fa orrorrrrrrrrrre baaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  25. anonimo ha detto:

    Complimenti al sig. Renato Zanotti, il mio augurio é che un giorno tutti questi scribacchini zerbini la paghino.

  26. Carlo Pesca ha detto:

    nella mia auto e dalla mia finestra appaiono orgogliosi rispettivamente un adesivo e uno striscione con la scritta “berlusconi fatti processare”
    ricordate le bandiere della pace? spero che faccia un effetto simile….unitevi a me!

    Carlo

  27. renato zanotti ha detto:

    HO INVIATO LA SEGUENTE LETTERA A L’Eco di Bergamo, riguardante il milordino di Arcore:
    leggo dal giornale di ieri il seguente titolo:
    “Di Pietro attacca il premier a suon di insulti”
    cui segue a pagina 4 una paginona piena di dichiarazioni dei politici contro Di Pietro in cui si legge di un Bonaiuti che arriva a parlare di volgarita’.
    Ebbene, se il vostro non fosse il giornale che e’, cosi’ fantastico, anzi fantasioso, il suddetto titolo avrebbe potuto essere il seguente:

    “Il Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana intercettato mentre fa la tratta delle bianche
    e Di Pietro lo chiama come merita.”

    Nel caso in questione, la notizia da titolo piena pagina che vi e’ stranamente sfuggita, NON e’ che come di Pietro chiama il cosiddetto premier,
    ma che il Presidente del Consiglio faccia mercato di donne.
    Le dichiarazioni dei politici alla bonaiuti o alla finocchiaro non interessano se non perche’ evidenziano il loro
    degrado ogni volta che aprono bocca, mentre voi che dovreste fare informazione,
    accanto alla “volgarita” di Di Pietro avreste potuto accostare una minima parte
    delle fini esternazioni con le quali il cosiddetto presidente del consiglio ci ha portato onore nel mondo intero,
    ove questo tizio viene chiamato alternativamente “barzelletta che cammina” “giullare” “buffone”..
    Suppongo che ricorderete il “coglioni” rivolto simpaticamente agli elettori non suoi, cioe’ a svariati milioni di italiani,
    per loro sfortuna concittadini di questo tizio.
    E come dimenticare quel prelibato “turisti della democrazia” rivolto a tutto il parlamento europeo?
    Favoloso vero? Non so voi, io tutte le volte che vado all’estero, mi vergogno a dire di che paese sono.
    E sarebbe lunghissima la serie di finezze che questi tizio ci ha elargito e son sicuro che le ricordate anche voi solo che non le dite..
    Nel nord europa ministri e parlamentari si dimettono se salta fuori che non hanno pagato l’abbonamento alla tv o che hanno assunto una badante in nero,
    e in piu’ vanno in tv a SCUSARSI con i cittadini, non ad insultare chi ha scoperto il loro peccato come succede da noi, perche’ diversamente da noi,
    l’informazione locale li metterebbe in croce. Chiaro?, non e’ difficile l’argomentazione.
    Una stampa men che decente, un giornale serio, farebbero titoli a piena pagina per mesi se saltasse fuori
    che la seconda carica dello Stato ha intrattenuto rapporti con mafiosi e fino a pochi anni fa collaborava in un comune poi commissariato per mafia,
    in zone dove sanno tutti che non si muove foglia che mafia non voglia. E la cosiddetta seconda carica dello stato sarebbe costretta alle dimissioni.
    Ma invece del “caso Schifani”, si parla del “caso Travaglio”. Appunto il perfetto esempio degli infiniti casi dell’informazione italiana in
    cui parla del dito che indica la luna, invece che di questa.
    Non ho visto titoli a piena pagina neanche su vostro giornale per il fatto che il cosiddetto statista ha corrotto un avvocato inglese
    e ciononostante si permette di rimanere in carica e anzi, si fa una legge per bloccare il suo processo..
    e anche qui niente titoli a piena pagina e niente campagna di stampa contro questa indecenza.. ne’ che abbia i suoi avvocati appositi in parlamento
    ove si comportano (cioe’ legiferano per chi non capisce) conseguentemente ai processi del loro datore di lavoro
    Niente titoli neanche per il fatto che questo tizio si permetta di occupare abusivamente frequenze pubbliche
    impedendo al legale detentore di licenza di usarle in barba a tutte le sentenze italiane e, udite, udite, financo di quelle europee per cui
    condannera’ gli italiani a pagargli la salatissima multa..
    Non si vedono campagne di stampa contro la sospensione dei processi di una lunghissima serie di reati, o contro la camicia di forza in cui si vuole costringere gli inquirenti.
    Ne’ campagne di stampa contro questa finta opposizione che non si azzarda a fare quello che si fa nei paesi civili: si controlla e ci si oppone, soprattutto se chi governa piccona giorno dopo giorno lo stato di diritto.
    Altro che minacciare rischi per il “dialogo”!
    Suppongo che l’abbiate immaginato: a fine anno scorso Fini e Casini provano a mollare l’insigne maestro di galateo, un veltroni non venduto parla con loro invece che con lui e contemporaneamente
    il legittimo governo in carica attua le legittime sentenze italiane e europee sulle tv e al posto di rete 4 parte europa 7.
    Sarebbe ora una Italia diversa. Forse e’ proprio per questo che non si sono visti certi titoli a piena pagina e continuano a non vedersi..

    Per venire a noi si vedono ad esempio, vostri titoloni sull’indecenza dei malati di medicina al Riuniti, quasi tutti con problemi cardio-respiratori e di medicina cardio-vascolare TUTTI con i suddetti problemi,
    che giacciono a letto con temperature di 36 gradi, mentre ricordo il vostro articolone di qualche anno fa all’istituzione della medicina cardio-vascolare
    Certo, ci sara’ l’ospedale nuovo, ma il vostro articolone sulla cardio-vascolare data dalla sua creazione e allora non si creino reparti se non si e’ in grado di assistere i pazienti in maniera decente
    Nulla neanche sugli scempi che si stanno progettando in questi giorni sulle Orobie, con i soldi pubblici a favore di guadagni privati e con la complicta’ del CAI bergamasco che, udite udite, si vanta tutto di NON essere ambientalista o verde.
    In compenso si sbrodola sul futuro centro del lusso dei Percassi. Ma dai! Si vede ogni giorno che vengono sostituiti i centri di produzione con dei casermoni spacciati come centri commerciali.
    Quando sara’ finita la spoliazione dei cittadini rimarremo in brache di tela e con i casermoni vuoti.

    Ora vorrei passare alle citazioni, visto che Alberto Brasioli, nel paginone a pagina 4 che segnalavo all’inizio, cita “Camilleri (o forse Sciascia)”,
    cosi’, un po’ a caso e poi Risi e addirittura udite udite, “quell’Herbert Marcuse” per arzigogolare un ragionamento sulle intercettazioni che vengono delegittimate ad un uso di potere,
    quando e’ evidente a tutti che in questi anni sono servite non a mettere in piazza me privato cittadino, ma a scoprire le incredibili truffe e rapine d’alto bordo
    a cui sono stati sottoposti i privati cittadini italiani in questi anni, a far vedere che lo Stato vi si opponeva, recuperando un po’ di credito presso i cittadini onesti e
    contemporaneamente a recuperare allo Stato miliardi di soldi trafugati.
    Io porto una sola citazione:
    “Una stampa cinica e mercenaria, prima o poi creera’ un pubblico ignobile”
    Joseph Pulitzer

    Ecco, un richiamo alla responsabilita’ agli addetti al vostro settore…
    Ma non si sono visti vostri titoloni quando di recente il milordino di arcore ha fatto il gesto del mitra contro la giornalista, davanti a uno come Putin,
    Ne’ si vede infine una vostra feroce campagna contro il bavaglio che sempre il fine signore vuole mettevi. Forse perche’ il bavaglio ve lo siete gia’ messi da soli e da sempre.
    Ma alla fin fine il pubblico che avete creato non e’ del tutto ignobile, e’ nonostante tutto, migliore di voi, visto che ha coniato un certo soprannome per il vostro giornale.
    Fate una prova, andate in edicola, chiedete “il bugiardino” e vedete che giornale vi mettono in mano.

    P.S.: non ho visto dei vostri titoloni neanche nel 2005 quando siamo risultati all’ottantesimo posto nella classifica di freedomhouse relativa alla liberta’ di informazione,
    sara’ perche’ a quel livello ci siamo finiti grazie anche a voi?

    Saluti, Renato Zanotti

  28. VENOM ha detto:

    La realtà  inconfutabile é che l’unica persona che Mafiusconi teme é Di Pietro… sà  benissimo che un eventuale governo Di Pietro segnerebbe la sua fine politica ed economica, nonché la sua libertà  vigilata!!!

    Berlusconi dovrebbe stare IN GALERA… Di Pietro é l’unico che continua a ribadirlo!!!

  29. roberto ha detto:

    secondo me lo psico tappo se la sta facendo sotto e se non trova un cesso al piu’ presto finisce pure male…purtroppo di cessi intorno ne ha fin troppi…

  30. dolcenera ha detto:

    buongiorno daniele e buongiorno a tutti gli amici su questo blog
    voglio rispondere a ciro che, ingenuamente dichiara che le esternazioni private di sb non debbano interessare noi tutti
    caro ciro ti sbagli poiché sb é un uomo pubblico (lo ha voluto fortemente lui, ne avremmo fatto volentieri a meno) tutto quello che fa e dice anche nel privato fanno parte della sua sfera pubblica
    nell’intercettazione con saccà  si é rilevata solo la sua figura di piazzatore di attricette ma quella ben più grave di chi cerca di far cadere il governo che era in carica, cioé la figura di golpista é stata sorvolata dai più.
    ed é questo che mi inquieta più di ogni altra cosa.
    come fanno tutti , escludendo antonio di pietro, a giustificare e solidalizzare con berlusconi quando chi ascolta legge chiaramente in quell’intercettazione la volontà  di far cadere il governo con un golp? morbido, nn con le armi, anche se qualcuno qui considera le donne armi improprie, ma sempre di golp trattasi! io credo che il termine magnaccia sia improprio perché quello esatto doveva essere CRIMINALE
    scusatemi tutti per lo sfogo ma so di essere in buona compagnia perché vi sento molto vicini al mio pensiero

  31. Ciro Di Trapani ha detto:

    Ciao Daniele, devo dirti che sei uno dei pochi giornalisti che ammiro e stimo e in cui nutro forte fiducia. Devo dirti però che nel post di oggi non sono d’accordo che tu abbia riportato un paio di intercettazioni e frasi di Berlusconi in situazioni assolutamente private e davvero irrilevanti per farne un ritratto. Io disprezzo Berlusconi politicamente e so benissimo che il suo affanno a governare é dettato dall’ansia di risolvere i suoi problemi finanziari e di giustizia ma non riesco a capire cosa c’entrano quelle relative alle donne del Drive In e quella relativa alla ciulatina alla moglie. Ti dico questo perché non vorrei che dicano poi, per difendersi, che chi gli va contro usa mezzucci volgari e sleali. Non so se hai mai letto “l’editoriale” (meglio dire temino di terza elementare) scritto da Filippo Facci sul “Giornale” dedicato alla vita di Beppe Grillo… bene in questo scritto Facci utilizza frasi ed eventi imbarazzanti di Grillo che secondo me rendono ridicolo chi riesce a trascriverli e sono irrilevanti per chi le ha vissute. Poi tu mi puoi dire ma Berlusconi non merita avere applicata nessuna etica e per contrastarlo faccio l’impossibile (in molti casi si ottengono effetti contrari)… ma lo stile é tuo! Se scrivi certe cose qualcuno può dire che attacchi lo psiconano senza entrare nel merito e invece tu sei un esperto di analisi.
    Con affetto

    Ciro

  32. freeman ha detto:

    in un paese normale sarebbe in galera da molti anni, invece qui é il capo del governo! e la colpa é ovviamente degli italioti infami maledetti che lo hanno votato e fanno schifo come lui.

  33. helena f. ha detto:

    Di Pietro attaccato da tutti solo perché ha detto la verità , riferendosi specificamente alle famose intercettazioni tra Berlusconi e Saccà , di cui tutti sanno l’inerente contenuto.
    Più vero di così. E come ricorda bene Daniele altroché insulti si possono chiamare quelli che questo “signore” ha sempre fatto negli anni, persino al Parlamento Europeo quando insultò il parlamentare tedesco dandogli del kapò. Che figura orribile facemmo quella volta davanti all’Europa e al mondo per colpa di un ignorante, cafone, incapace, presuntuoso, arrogante personaggio al quale purtroppo gli italiani hanno dato il potere di aggiustare a forza di leggi tutti i suoi interessi e i suoi guai giudiziari.
    Un grazie a quella metà  di italiani che gli ha permesso di fare tutto ciò che fa…..

  34. francesco ha detto:

    Ho come l impressione che nessuno si renda conto in quale squallore siamo decaduti. Sembriamo un popolo indifferente che allegramente percorre il viale della rovina. L orrido Mugabe di arcore non ha nulla da invidiare ai peggiori dittatori che hanno impestato la terra, sono solo i metodi che sono cambiati. Viviamo nell era mediatica e l immondo rettile calvo ha stuoli di neogoebbels che vincono in ogni fronte l impari lotta contro il cervello indifeso di chi dovendo sbarcare il lunario si divincola alla meno peggio perdendo di vista la realtà , mentre le nuove generazioni vivono la sindrome di stoccolma senza neanche capirlo. Il mio timore é che il danno sia fatto, perché don silvio corleone ogni giorno osa di più godendo tronfio del suo successo come new millennium shit.E per quanto mi scateni ribrezzo la sua impunita delinquenza , la rabbia e il risentimento più forte la provo per quella specie di cane bastonato e leccaculo di veltraumi, quella viscida inutile finocchiaro e compagnia imbelle:sono tutti colpevoli. Per non parlare del vecchio Rantolo dalla faccia da bravo nonnino che neanche da morente é capace di uno scatto di onestà , e continua a biascicare le solite rantolate sul dialogo, rispetto, e solite fregnacce.Non hanno vergogna, non conoscono limiti, talmente sono certi di avere ai loro piedi un popolo di pecore da tosare e macellare. Apprezzo il tentativo di Di Pietro di rappresentare la minoranza “attiva” di chi vorrebbe giustizia , ma siamo in fondo ad un pozzo dal quale non vedo molta luce.
    Scusate lo sfogo, é difficile trovare qualcuno che abbia voglia di capire, di superare le convinzioni scolpite dai mafiomedia e approfitto ogni tanto di questo spazio…come messaggio in bottiglia in questo mare di ingiustizia.
    Buon lavoro Daniele e grazie

  35. Mauro ha detto:

    Dovremmo impegnarci tutti per disobbedire ad Angelino e ai suoi padroni linkando le intercettazioni a catena sui nostri blog. Io lo farò. Quanto a Berlusconi e il suo modo di fare e di agire… Beh, lo conosciamo no? E’ un gran maleducato, oltre che delinquente. E’ uno spregiudicato, venderebbe la madre e i figli pur di sfuggire alla giustizia. A proposito, ma i figli di Berlusconi quante teste hanno? A forza di giurarci falsamente sopra gliene saranno cadute come minimo cento. Ma tanto queste leggi non passeranno, perché prima dovranno essere firmate da Napolitano (sperando che faccia il suo lavoro come Ciampi allora) e dalla Corte Costituzionale. Non passeranno. E se passeranno, allora dovranno passare su di noi.

  36. patty ha detto:

    Che gli italiani sono tutti…l’ho ascoltato in diretta anni fa. Non ricordo il canale e la trasmissione ma so benissimo che era in fase pre elettorale. Mi sono sentita umiliata ed offesa sapendo che questo ignobile essere é pagato coi soldi sudati di noi co…..i italiani.Alla fine ci deve anche offendere.Se lo avessi avuto davanti gli avrei sputato in faccia come minimo. Neanche la morte lo vuole perché non sa poi come differenziarlo…
    Ma nessuno si prende la briga di spegnere le sue tv porno? Mi meraviglio della moglie. Come lo sopporta un porco così?

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.