Quanta paura fa l’indipendenza?

libro-indipendente.bmp

Non mi aspettavo tante reazioni dalla mia dichiarazione di voto! Ho scritto quel post solo come atto di trasparenza. Maturato con coscienza e con cognizione di causa. Senza altri fini.
Non ho dichiarato di votare Di Pietro perché voglio che mi paraculi in Rai. Se avessi avuto questa intenzione gli avrei scritto privatamente in maniera esplicita o subdola.
Anzi, avrei oliato la lingua almeno una quindicina d’anni fa con quelli che la tv l’hanno davvero in mano. Mi sarei tesserato in Forza Italia o nella Lega Nord e avrei cominciato a organizzare trasmissioni pilotate alla Vespa nella tv locale, mirate alle strette di mani cariche di curriculum e numeri di telefono. Oppure avrei cercato di inserirmi in quei salotti meneghini dove ogni chi incontri ti dice “Ooh proprio te cercavo..”
Io, da comune mortale come tutti quelli che non hanno le spalle al muro, il papà  che lascia l’eredità  o quelli nati con la camicia, ho sempre sbarcato il mio lunario con dignità , a testa alta e con soddisfazione. Senza pretese.
Che peccato c’é ambire a lavorare in Rai? Di certo se lavorassi con Gianni Riotta o con Giovanni Floris credo li manderei affanculo nell’arco di un turno di lavoro. Del resto il mio peggior difetto é proprio quello di non saper stare nel gruppo (a meno che non trovo qualcuno da cui poter attingere).
Sono cocciuto e rompi coglioni per vocazione. Per questo non ho fatto grandi carriere ma non mi importa perché ciò che sono oggi, con l’esperienza maturata e la credibilità  acquisita con chi mi dà  lavoro grazie alla mia indipendenza, vale più di ogni assunzione e di ogni carica ufficiale.
Non ho mai avuto velleità  passare le giornate a combinare incontri per ottenere un posto. Ne ho sempre fatto volentieri a meno.
Mi marcirebbe il fegato stare in un ambiente di vipere e dover obbedire alla sorella di Rocco Buttiglione o a Luca Giurato. Io e Marco Mazzocchi finiremmo a cazzotti se fumasse in redazione davanti al sottoscritto infischiandosene del divieto.
Anni fa ho avuto una mezza fidanzata che lavorava in Rai. Per fortuna il cuore ha prevalso sulla ragione perché se l’avessi sposata, di certo, oggi non sarei qui su questo blog a gettarmi in pasto a chiunque. Compreso a quelli che ritengono che il sottoscritto faccia manfrine sottobanco. Quelle persone normalmente sono dei falliti o dei presuntuosi che si sopravvalutano. Pazienza. Il lato B della medaglia internettiana é proprio questo.
Di certo, sulla mia pelle, alla Rai ho regalato decine di commenti tecnici di atletica su immagini che fornivo sempre io, affiancato a giornalisti assunti che di ciò che vedevano scorrere nel monitor non sapevano NIENTE.
Come NIENTE importa a nessuno se qualcuno lavora decentemente nella Rai pubblica, perché stare in Rai é come stare all’Inps o alle Poste. Non a caso il profilo ideale del dipendente Rai é di solito affine a quello di un qualunque mediocre di quelli che trovi agli sportelli. L’elemento appena appena sveglio viene fatto fuori. A buone o a cattive perché l’assistenzialismo italiota dello stipendio sicuro e per sempre, porta all’appiattimento degli stimoli, all’assuefazione dei sensi e alla convinzione che tutto é dovuto. Che sui giornalisti ha un effetto diabolico e devastante! E siccome a me fa paura l’ipotesi di un encefalogramma piatto, ho lasciato perdere la Rai non appena mi son reso conto di come funzionava il giochetto.
Il mio sogno é una Rai di contrattualizzati a tempo perché il tempo indeterminato é la malattia mortale della libertà !
Io, nella Rai che potevo citare in causa per non avermi mai dato un solo centesimo di rimborso spese dopo le decine di collaborazioni gratuite fatte tramite telefonata, qualche favore in buona fede l’ho fatto.
Come al telecronista Franco Bragagna, che ossessionato dall’idea di sentire la mia voce sui servizi sonorizzati alla Rai di Milano mi raggiungeva apposta alla tv locale di Treviglio con un viaggio di 250 chilometri, per commentare da “infiltrato speciale” ciò che di lì a qualche giorno avrebbe trasmesso la Rai.
Bragagna, che non perdeva occasione per dirne di cotte e di crude sul suo collega assicuratore commentatore Attilio Monetti, é uno dei tanti dipendenti Rai lustranatiche appiattiti che ingrassano grazie alla tassa obbligatoria. Quando individuò in me un potenziale pericolo, perché troppo indipendente, cominciò a screditarmi. Telefonava agli organizzatori intimando che se c’era Martinelli in qualità  di conduttore, addetto stampa o produttore alla tal manifestazione lui non si presentava.
Cosa succedeva? Succedeva spesso che gli organizzatori lasciavano a casa me per avere lui. Voce della Rai che pavoneggiava poteri da Fantozzi, visto che non era nemmeno in grado di organizzare una piccola troupe interna che gli consentisse di commentare le mie immagini.
Lo spandere merda del Franco Bragagna che a 50 anni di età  continua a contare come il 2 di picche mi ha fortunatamente causato danni limitati. Attualmente io lavoro più di un tempo senza essere ingrassato dalla tassa obbligatoria, e senza ingrassare Franco Bragagna perché io la tassa alla Rai non l’ho mai pagata .
Per chiudere il cerchio, da libero e indipendente, ribadisco che voterò Antonio Di Pietro, pronto a parlarne senza peli sulla lingua se i fatti lo renderanno opportuno.
Limpidamente, come solo io so di poter fare, con tutto l’amore-odio che ho per il mio lavoro. ANCHE SENZA RAI!
C’é qualcosa di male?

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

53 Commenti a “Quanta paura fa l’indipendenza?”

  1. Rino ha detto:

    Ciao Daniele, ammiro il tuo lavoro, penso che persone come te ho Travaglio meriterebbero la carica di direttori dei tg televisivi. Il tuo voto é leggittimo e non necessita di alcuna giustificazione, qualunque esso sia. Io personalmente, ero propenso nell’ esprimermi a favore dell’onorevole Di Pietro, ma stando agli sviluppi odierni, penso, anzi sono convinto, di NON votare. Mi sentirei ulteriormente preso per il culo, per motivi noti che tu ben sai.

    p.s. io, purtroppo, faccio parte dei cretini che pagano il canone.

  2. Antonio Coniglio ha detto:

    Penso che per dar più risalto alla Tv dove lavori ci sarebbe bisogno di StreamOne ,un programma da dove puoi vedere la televisione in diretta.
    é un pò costoso , però non dovrebbe essere male.
    Ciao

  3. VENOM ha detto:

    BERLUSKAZ e MONDADORI:
    …visto che, come ha detto l’altro giorno, lui é “l’editore più liberale della storia della carta stampata”, da Gutenberg in poi, che ne direbbe di restituire la Mondadori, visto che una sentenza definitiva della Cassazione ha stabilito che lui la possiede grazie a una sentenza comprata dal suo avvocato Cesare Previti pagando 400 milioni di lire di provenienza Fininvest al giudice Vittorio Metta, poi assunto come avvocato nello studio Previti?
    Marco Travaglio

  4. Spanna ha detto:

    Non so se qualcuno ha cancellato il link al suo sito,io di sicuro l’ho messo tra i preferiti due volte ed ho cancellato altri link.
    Continua così,assolutamente.
    Grazie
    Ps:Non la stimo per il voto dichiarato ma per la libertà  che dimostra di avere

  5. generazionev ha detto:

    condividiamo la tua scelta…d’altronde un uomo libero lo é anche perché non ha nessuna paura di dire quello che pensa e chi vuole votare…ben sapendo di andare incontro alle critiche che ti fanno solo diventare piu trasparente
    sei da apprezzare 2 volte proprio per questo. ciao sempre e di più tra i link preferiti

  6. eddie ha detto:

    scelta coraggiosa la tua,
    da persona di indiscusso valore.
    scelta politica anche se non condivisibile senza dubbio da rispettare,coerente

  7. daniele ha detto:

    VASI AVANTI DANIELE, NOI SIAMO CON TE. PER UN’ITALIA LIBERA E PER UN’ INFORMAZIONE TRASPARENTE. W MARTINELLI!!!! SEI UN GRANDE!!!! SIAMO CON TE!!!! E LASCIA PERDERE I LECCACULO CHE TI CRITICANO… IL MONDO GIRA E GIRERA’ ANCHE PER LORO UN GIORNO… STANNE CERTO!!

  8. Claudio ha detto:

    X BIONDO:

    Ma non dovevi essere già  all’estero da 6 mesi? Continui a dire “fuggite” e “io me ne sto andando”…partenza un po’ lenta, eh?

  9. Claudio ha detto:

    X Biondo:

    Ma non dovevi essere già  all’estero da 6 mesi? Continui a dire “fuggite” e “io me ne sto andando”…partenza un po’ lenta, eh?

  10. marcello ha detto:

    caro rent…

    berlusconi cosa spera che facciano le persone informate che non lo voteranno?…

    ESATTAMENTE QUELLO CHE PROPONI TU!

    occhio!… riflettete!… il voto é l’unico momento in cui poter dare un segnale… non certo dalla poltrona di casa!!!!
    é ridicolo, ultrairrealizzabile e soprattutto controproducente mandare il messaggio dell’astensionismo. Nei paesi più civili c’é molto più astensionismo che in Italia.. ma non fa mica così scandalo!!!

  11. Rent ha detto:

    A tutti quelli che andranno alle urne voglio ricordare che alla casta interessa che tu vai a votare, non per chi voti ! Questo legittima tutte le porcate che faranno ! Quante volte sei andato a votare……COSA E’ CAMBIATO ? Solo il debito pubblico….siamo a 1630 miliardi !

  12. Lorenzo Bianco ha detto:

    Hai incentrato il tuo post sulla Rai, se domani il Pd vincesse le elezioni e ti ritrovassi a lavorare in quest’azienda statale( a modo suo) io non c’avrei niente contro,anzi sarebbe un buon motivo x pagare il canone. Quello che personalmente non condivido é che ti sei schierato a favore di una delle due squadre contravvenendo a molte delle tue stesse parole contro il partito in questione. Certo sarebbe la migliore scelta se fosse un’elezione bipolare in toto e se non fosse possibile votare per altri partiti.Ma per fortuna c’é stata molta gente che s’é fatta avanti, anche umilmente, “dal basso”. Senza fondare partiti o altro.Le liste civiche nazionali hanno poca ragione d’essere( i problemi che la lista civica di Belluno può tentare di risolvere possono non essere uguali a quelli della stessa lista di Ragusa), ma in questo caso é davvero “il male minore”.DiPietro é uno dei migliori, se non il migliore, di tutti i “pezzi da novanta” candidati,ma ciò non lo salva. Ha fatto bene ad allearsi con il Pd, era l’unico modo per poter contare “qualcosa in più” rispetto a quello che conta da solo.Credo che lo voterò al senato,dove sono più probabili gli “inciuci” o, per dirla con Veltroni, “intese per le grandi riforme”.Ma alla Camera credo che renderò “inutile” il mio voto barrando il simbolo d’una lista civica.E’ l’unico modo per far capire che nel mio piccolo sono stanco di vedere sempre gli stessi giochi di potere e poltrone.

  13. luca71 ha detto:

    non ci vedo niente di male se Daniele ha espresso la sua opinione. Preferisco uno che parla papale papale che non uno che nicchia.
    Nonostante questo continuo a dire che votare per me é sbagliato ma capisco anche che comunque chi vota Di Pietro o la lista Montanari é come se esprimesse un voto di protesta contro la casta attuale come lo fa chi come me non vota.
    Quindi forza Grillo, forza Travagli, forza Martinelli, forza Ricca
    tutti insieme dobbiamo smontare la casta

  14. nicola Rindi ha detto:

    Articolo 21 (se non sbaglio) della costituzione italiana, peraltro poco applicato, dice che ognuno e’ libero di manifestare il suo pensiero.
    Pertanto a te Daniele va il mio plauso per aver espresso sul tuo blog cio’ che pensi.
    Entrando nel merito del post, devo dire che in italia purtroppo si va avanti a suon di raccomandazioni e nepotismo (oltre che a lisciare il posteriore di qualche capuccio locale), e lo si fa nei comuni, provincie, regioni, poste, ferrovie e in tutto cio’ che e’ pubblico (RAI compresa), il male maggiore e’ che anche negli ospedali e nelle universita’ vanno avanti i mediocri raccomandati o parenti dei politici locali. Mi chiedo se cio’ eì parte del DNA degli italiani o c’e’ ancora speranza di un cambiamento.
    E’ chiaro che se non cambia la mentalita’ del cercare il posto per raccomandazione o per voto di scambio sara’ difficile rialzarsi.
    Devo dire (e concludo) che se non si cambiera’ rotta, non solo dall’alto ma anche dal basso, prima o poi andremo in bancarotta e faremo la fine dell’Argentina.

  15. tonycapace ha detto:

    bel post – grazie per averlo scritto

  16. Biondo ha detto:

    Travaglio omette nella sua analisi di considerare che e’ impossibile governare quando si ha il paese contro. Se VOI non votaste nessuno di LORO chiunque di LORO si spartisca la fetta si troverebbe in minoranza e, ovviamente, senza rappresentativita’ commetterebbe una usurpazione di potere. L’esito, sarebbe una guerra civile ovviamente ma e’ l’unico modo per abbattere un regime (qualunque regime).

    E’ un sogno in un paese di merda dove tutti pensano a votare quelli che gli danno piu’ promesse sui posti di lavoro. Ognuno vota per i cazzi suoi, o, come Daniele stesso, e’ convinto di votare il meno peggio ed alla fine affondate tutti quanti (Come da 100 anni a questa parte).

    Quanti anni si puo’ sognare, dovendo vivere una sola vita, prima di decidere che la nostra felicita’ e’ la cosa piu’ importante e non conta DOVE essa sia?

    Fate come me, invece di pensare a chi ve lo deve mettere in culo alle prossime elezioni, organizzatevi e fujitavenn’ !!!

  17. Marco M. ha detto:

    Io sono sempre stato abituato a rispettare le opinioni di tutti, e non cambierò idea né sul tuo sito, né sul tuo lavoro solo perché tu hai scritto che voterai Di Pietro, che secondo me resta, nonostante tutti i difetti da te precedentemente elencati, quello che al momento sembra, l’esempio del politico medio.
    Leggo saltuariamente (purtroppo) il tuo Blog (ho pochissimo tempo), ma continuo a considerarlo uno dei migliori per ricavare informazioni e per avere spunti di riflessioni. Qualunque cosa tu scriva andrebbe letta e pensata, se nò si finisce per essere come quei bovini che rappresentano l’italiano medio e prendono tutto quello che dice la tv, radio, giornali o qualunque altro metodo di propaganda della cata come l’unica verità .

    March.

  18. bardo ha detto:

    Ti do del tu. Ti apprezzo per queste tue posizioni da vero giornalista (e lavoratore) indipendente e onesto. Ma credo che i tanti commenti al post precedente (come pure a questo) si riferiscano all’endorcement (di sice così?) a Di Pietro. E non vorrei che con questo post tu abbia fatto finta di non sentire. Il problema, oggi, é continuare a credere in questi signori, che indicono e disdicono governi quando e come vogliono, chiedendoci solo di fare una crocetta per essere ‘democraticamente’ paraculati. E il signor Di Pietro, nuovo vaso da notte dell’ignobile signor veltroni (minuscolo), non fa eccezione.

  19. travis ha detto:

    Fare outing divide le coscienze ma é del tutto legittimo specialmente quando lo si fa in casa propria da un palcoscenico privilegiato .
    Non dubito che lo faresti ugualmente in casa d’altri , la libertà  di pensiero e di espressione con il rispetto delle opinioni altrui é la più grande forma di Democrazia conosciuta , quella che ultimamente non si percepisce in nessun settore della vita quotidiana .
    Personalmente dopo lunghe riflessioni la penso come te , i golpisti massoni di Gelliana memoria negli ultimi 25 anni hanno messo a segno tutti i colpi prestabiliti dal Gran Maestro del Grande Oriente D’Italia .
    Probabilmente se fosse stata eletta presidente della Repubblica Tina Anselmi ( allora Presidente della Commissione di inchiesta sulla loggia massonica P2 ) al posto di Napolitano mantenuto statale Italo-Sovietico dal dopoguerra ad oggi a quest’ora probabilmente staremmo iniziando a guardare un altro film , ed i bubboni purulenti che pasteggiano a champagne e Bologna sui banchi del Senato starebbero a fare compagnia con i furbetti del quartierino che scalano banche coi soldi pubblici al solo scopo di foraggiare i propri partiti e gli acquisti degli attici ai Parioli , in qualche bella oasi magari lontana dall’Italia .
    Auspico che DiPietro riesca a reinstaurare l’esilio forzato come per i Savoia nel dopoguerra , rimane l’unico sistema per toglierci dai coglioni l’Intera classe politica corrotta + Montezemolopiduista .

    Continua così che te ve ben . Distinti Saluti .

  20. Francesco ha detto:

    Caro Daniele era scontato che avresti smosso le opinioni di quanti seguono il tuo blog. Perché ti sei schierato, mentre fino all’altro ieri eri super partes.
    Per alcuni bloggers questo prendere posizione a favore di DP é significato tralaltro un invito a seguire la tua scelta ed ecco il motivo delle reazioni a volte contrariate di quanti non concordano.
    Il fatto é che ora che ti sei schierato a tutti gli effetti rappresenti una cassa di risonanza per l’IDV e quindi fai parte della loro propaganda.
    Nulla di male in questo e capisco ,come la maggior parte di chi ti segue, la tua scelta. Posso non condividerla , ma mi rendo conto che esiste solo il duopolio in questo girone infernale nel quale ci siamo cacciati in questi anni di distruzione dello stato di diritto( mi riferisco alla fine della sovranità  dle popolo, quel poco che c’era ovviamente).
    Vedremo come andrà  a finire, tanto non abbiamo scelta.
    Nella scatola magica si vedono solo Veltrusconi , Cretinotti , Casino e quell invertebrato di ferrara, ovvio quindi che la gente sceglierà  uno dei due carrozzoni di pregiudicati. Loro sono la parte più forte e ingorda della casta. Vogliamo sperare che Tonino possa fare qualcosa? Liberi di sperare, almeno quello.
    Buon lavoro

  21. silvia ha detto:

    Anch’io voto Di Pietro e sono contenta che tu l’abbia detto. Pur seguendo Grillo quotidianamente non condivido la sua dichiarazione di non votare. Se le elezioni si potessero boicottare mi starebbe bene, ma visto che in ogni caso qualcuno vincerà , io spero sempre che comunque non sia Berlusconi.

  22. Marco B. ha detto:

    Daniele dice:”Non mi aspettavo tante reazioni dalla mia dichiarazione di voto!”. Bene aggiungo io, così adesso SAI quanta gente ti segue(qui e in TV)e anche quanto POTERE hai verso i tuoi lettori/bloggers quando esprimi le tue opinioni. Poi scrive:”Ho scritto quel post solo come atto di trasparenza. Maturato con coscienza e con cognizione di causa. Senza altri fini”. Aribene! Adesso hai detto la tua e sai anche come la pensano altri. Ciò non toglie che i tuoi lettori/bloggers vorrebbero continuare ad apprezzarti per il tuo lavoro e per come lo fai, non TANTO per chi hai intenzione di votare. Quindi magari la prox volta prima fai una telefonatina o manda un e-mail a chi hai deciso di votare(nella fattispecie ADP)e poi magari PUBBLICHI la risposta(con il SUO consenso ovviamente)e POI fai la PROPAGANDA che ti pare .. così le persone hanno il PESO giusto per GIUDICARE il FATTO!! NON mi sembra tanto impossibile agire così e per un GIORNALISTA(quale tu sei)indipendente é sicuramente l’unica maniera (professionale e morale)di agire(Travaglio e Di Pietro si vedono e sentono abbastanza spesso per potersi confrontare e l’hanno anche fatto PUBBLICAMENTE!! Visto che il ministro risiede dalle tue parti non credo ti sarà  impossibile contattarlo o invitarlo in trasmissione .. no?!). Comunque la storia finisce qui anche perché siamo TUTTI(tu e i bloggers)adulti e vaccinati per capire le cose come stanno. Con la speranza di poterti leggere e sentire ancora INDIPENDENTE ti rinnovo il mio apprezzamento per il lavoro che hai fatto, stai facendo e farai, ovunque esso verrà  portato avanti(come vedi ho messo ancora una volta la CROCETTA sul tuo bel faccione rinnovandoti la mia preferenza!!). Ciao e buon lavoro!

  23. Alexix86 ha detto:

    Mah, stà  cosa della Rai non mi convince:
    io ti vedrei molto meglio a Mediaset, che so, al TG4 per esempio!
    eheh :-p

  24. Marco Corino ha detto:

    I have a dream: Antonio Di Pietro presidente del Consiglio, Marco Travaglio alla Giustizia, Stefano Montanari alla Sanità , Maurizio Pallante all’Ambiente, Daniele Martinelli alle Comunicazioni, Beppe Grillo alle Riforme, Piero Ricca agli Interni, Philippe Daverio all’Istruzione, Beppe Scienza all’Economia, Piergiorgio Odifreddi all’Università , Luciano Gallino al Lavoro, Vittorio Sgarbi ai Beni Culturali, Massimo Fini alle Pari Opportunità , Francesco Gesualdi allo Sviluppo, Michele Santoro agli Esteri, Carlo Petrini al Commercio, Marco Romano alle Infrastrutture. Gli altri ministeri li aboliamo ed andiamo avanti 5 anni così, poi ci rivediamo.

    http://www.marcocorino.it

  25. Paolo ha detto:

    Di Pietro vuole eliminare le Authorities che a suo dire ( giustamente ) non sono indipendenti ma nominate dai partiti.
    http://www.antoniodipietro.it
    GRANDE DI PIETRO!!!!
    e GRANDE MARTINELLI che lo sostiene!!!!

  26. Marco Corino ha detto:

    Grazie a tutti per ciò che scrivete: é un po’ più facile tenere duro sapendo di non essere soli!

  27. anonimo ha detto:

    Caro Daniele,

    hai fatto benissimo a dichiarare il tuo voto e condivido pienamente il tuo modo di vedere le cose.

  28. Marco Corino ha detto:

    Riporto parte della dichiarazione di voto di Travaglio (che condivido): “Per essere chiari: voterei molto più volentieri per un Einaudi o un De Gasperi redivivi. Ma, in attesa che rinasca qualcuno di simile e riesca a entrare in politica, penso che l’astensione – da cui sono stato a lungo tentato – finisca col fare il gioco della casta, anzi della cosca. Il non voto, anche se massiccio, non viene tenuto in minimo conto dalla partitocrazia: anche se gli elettori fossero tre in tutto, i partiti se li spartirebbero in percentuale per stabilire vincitori e vinti. E infischiandosene degli assenti, che alla fine hanno sempre torto. Dunque penso che si debba essere realisti, votando non il «meno peggio», ma ciò che si sente meno lontano dai propri desideri.
    A convincermi a votare per l’Idv sono le liste che ha presentato Di Pietro, che ospitano diverse persone di valore, alcune delle quali sono amici miei, di MicroMega, dei girotondi e di chi ha combattuto in questi anni le battaglie per la legalità  e la libertà  d’informazione”.

  29. pianura padana ha detto:

    Dal corriere .it: berlus. dice che Santoro fa ancora un uso criminoso della tv, é mai possibile che nessuno lo taccia?, invece i vari fede,mentana,riotta,vespa,facci ecc. cosa fanno? spero che stasera ad Anno Zero Santoro risponda per le rime. Complimenti Daniele, sei in gamba.

  30. Marco Corino ha detto:

    Sono contento di aver preceduto Travaglio e Martinelli nel fare outing e nella scelta di votare per Antonio Di Pietro! Però occorrerà  sempre vigilare affinché rispetti ciò che promette. Un’alternativa valida mi sembra anche la Sinistra Arcobaleno o il partito di Per il bene comune, di Stefano Montanari (anche se l’ho scoperto quasi per caso perché nessuno dei media di regime ne ha parlato). Tutto il resto invece é noia.

    http://www.marcocorino.it

  31. Gianfranco ha detto:

    Vai avanti così Daniele. Sei un esempio da seguire. Non dare retta agli imbecilli in malafede che sputano veleno sulla tua persona e perdona coloro che ti criticano senza essere attrezzati per farlo perché non é colpa loro.
    Ciao Daniele, sono sempre al tuo fianco.

  32. stefano ha detto:

    volevo solo dirti bravo! che ce la fai da solo in barba ai tanti bardagna o come si chiama, che preferisci non farti marcire il fegato piuttosto che soggiacere, che preferisci il poco pulito al molto torbido, che non devi dire “grazie padrone” a nessuno.Se ci fossero più persone come te….spero che studio tv resti sempre libera, perché magari qualcuno ha già  addocchiato le frequenze..e che poi ti soffocherà  anche lì. A me é successo e noné sempre facile ritirare su la testa. ciao daniele, grazie.

  33. Roberto ha detto:

    Vai Daniele!
    Vaiiiiiii
    VAiiiiiiiiiiii
    VAIIIIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!

    i 4 moschettieri della controinformazione:

    Daniele Martinelli
    Piero Ricca
    Marco Travaglio
    Beppe Grillo

  34. Antani ha detto:

    Mi associo ad Alex qui sopra.
    Un altro valsusino che come me ha votato Di Pietro alle scorse elezioni (non c’erano condannati nella sua lista, interventi sul suo blog contro Tav e inceneritori stando dalla parte dei cittadini…) e poi se lo ritrova pochi mesi dopo con un cambio di rotta stile Dr. Jekill- Mr. Hyde.
    A culo i politici, in massa a votare scheda NULLA ! E vediamo come reagiscono.

  35. Alex ha detto:

    Caro Daniele, rispetto ovviamente la tua opinione ma io credo che Di Pietro non sia quello giusto. Chi come me é contro lo scempio della TAV, degli inceneritori e di Cancronesi non può appoggiarlo.
    Voterò PER IL BENE COMUNE anche se so che saremo pochissimi. Ma sono stufo di tutti gli altri.
    Di Pietro si é alleato con Veltroni e hanno fatto le liste pulite e poi nel PD c’é Crisafulli? L’ennesima presa per il culo.
    Alle scorse elezioni votai IDV anche io

  36. VENOM ha detto:

    Grazie Giuseppe, avevo bisogno di qualche conferma… intanto ho gia scritto all’antitrust, anche se NON mi aspetto nulla da quegli altri babbei… poi, ho un amico in Finanza e chiederò a lui se é possibile fare regolare denuncia per la violazione della privacy. Sai in queste cose ci devi andare con i piedi di piombo, ti devi prima parare e poi esporti…
    L’italia é sempre un paese di merda!

  37. ugasoft ha detto:

    sei un grande!

  38. Matteo ha detto:

    Bravo Daniele, aprezzo la tua onestà  intelletuale oltre ovviamente a quello che fai, racconti le cose come sono, sei un vero giornalista, complimenti continua così… sono d’accordo anche se io non voterò Di Pietro solo perché é alleato con topo Gigio Veltroni… altrimenti lo farei.. ciao Matteo

  39. giuseppe fasani ha detto:

    Venom…secondo te non c’é violazione della privacy in un sms pubblicitario elettorale?
    dal mio punto di vista si….e mi aspetto soltanto che me ne arrivi uno per denunciarlo ai Carabinieri per violazione della privacy…
    chi gli ha dato il numero?
    chi gli ha dato l’autorizzazione per “rompere le palle”?
    chi gli ha dato il permesso di ledere i miei principi “consigliandomi” un candidato che non voglio e che mi fa pure VOMITARE?

    io la penso così, ciao Giuseppe

  40. giuseppe fasani ha detto:

    BRAVO DANIELE!
    TI AMMIRO E TI APPREZZO SEMPRE DI PIù E SONO CONTENTO DI AVERE “SCOPERTO” IL TUO BLOG GRAZIE A BEPPE GRILLO….

    CONTINUA COSì, C’é BISOGNO DI “GENTE CON LE PALLE QUADRATE” COME TE IN QUESTO PAESE DI MER.DA!

    COMPLIMENTI, Firmato Giuseppe Fasani

    Ps…scusa il maiuscolo, in questo caso serve soltanto a “gridare con rabbia” il mio “tifo”

  41. Leonardo Facco ha detto:

    Non credo che l’avere ambizioni, come GIUSTAMENTE ha Martinelli, sia da considerare un peccato. Ed io che lo conosco abbastanza posso testimoniare la sua buona fede ed onestà  intellettuale. Ovviamente, anziché chiedere possibilità  di accesso alla Rai, in un paese in cui ci fosse per davvero LIBERO MERCATO, Martinelli starebbe al posto dei Bragagna del cazzo, di cui la tv di Stato é piena!

  42. Rik ha detto:

    Per questa tua trasparenza ti stimo ancora di più e concordo con te con la scelta di voto fatta!
    Sono pienamente d’accordo con tutto quello che scrive Grillo meno che “non andare a votare” perché si farebbe il gioco del Pagliaccio di Arcore.

    ciao

  43. Massimiliano ha detto:

    Sei e rimarrai insieme a Marco Travaglio e Piero Ricca il punto di riferimento della mia l’informazione.
    Tu sei il mio TG quotidiano, la lettura che più aspetto durante la giornata.
    Ti stimo molto, continua così …libero …sincero … e senza paura.

    Con stima

    Massimiliano Pucci

  44. VENOM ha detto:

    Mi é appena arrivato un SMS sul mio telefonino che mi invita a votare Alemanno, sindaco di Roma….

    Ma queste merde che commerciano con i nostri dati, possiamo denunciarli?

  45. alexander777 ha detto:

    NON CAPISCO COSA CI SIA DI MALE A VOTARE DI PIETRO.
    ok che fà  parte della casta e che s’é alleato con topo gigio veltroni, ma le alternative quali sono voi che cancellate il blog di daniele dai preferiti???

    1) non votare significa dare campo libero allo psiconano mafioso di arcore.per me é un pò come arrendersi….

    2) la lista per il bene comune piace anche a me più dell’italia del valori, ma io che sono un assiduo frequentatore del web ho saputo della sua esistenza da poco….immagino chi non frequenta il web….non supererà  mai lo sbarramento e quindi immagino sia un voto inutile….
    ripeto:SAREBBE IL VOTO PERFETTO QUELLO DELLA LISTA PER IL BENE COMUNE,E’ LA LISTA CHE VOTEREI CON PIU’ VOGLIA…MA SAREBBE INUTILE PERCHE’ NON SUPERERA’ MAI LO SBARRAMENTO…

    quindi escluse queste due alternative l’unica rimasta é Di Pietro…ditemi voi degli altri chi rimane….capisco che non é che sia il massimo, ma meglio di niente! magari se ottenesse una percentuale alta potrebbe lui avanzare richieste a veltroni e dettare lui qualche regola…ad esempio metterlo alla giustizia!

    io concordo con travaglio e martinelli….non é il massimo, ma mi sembra la scelta più logica.

    Da siciliano invece,voto la lista civica AMICI DI BEPPE GRILLO CON SONIA ALFANO PRESIDENTE che a quanto sembra dai sondaggi,superà  già  ora lo sbarramento! speriamo bene….

    il video di Beppe Grillo che presenta questa lista civica all’indirizzo

    http://www.fermatetutto.blogspot.com

    ciao daniele.
    se qualcuno ti cancellerà  tra i preferiti ce ne faremo una ragione…magari tra i preferiti avrà  il sito di berlusca…

  46. VENOM ha detto:

    Ciao Daniele…
    Per quanto mi riguarda trovo inutile la tua precisazione in questo post, ti reputo una persona seria e onesta e NON posso cambiare idea solo perché voti Di Pietro con il PD.

    A Luciano, voglio dire che approvo tutto ciò che ha scritto, voglio solo aggiungere che NON occorre aspettare Grillo o chi per lui, già  in queste elezioni ci sono persone serie con programmi rivoluzionari, ma vengono oscurati e nessuno li aiuta. Lo stesso Grillo che aiuta le liste civiche comunali, NON spende una sola parola per Montanari e altri “rivoluzionari”. Professa il NON VOTO come se potesse realmente cambiare qualcosa. Anche Grillo NON ha capito che l’Italia é divisa in due, chi vuole cambiare e fare qualcosa per la comunità  e chi vuole continuare a farsi i cazzi propri.
    Saranni in tanti a votare il KRIMINALE di ARCORE e di questi saranno pochissimi disposti a disertare le urne!!!

  47. Sixpounder ha detto:

    Non sono d’accordo con te quando affermi che il contratto a tempo indeterminato é la morte della libertà . O meglio, sono d’accordo in parte.

    Il fatto del tutto e dovuto (e magari anche subito) porta inevitabilmente ad avere servizi di qualità  scadente come appunto le poste o il servizio pubblico di (dis)informazione. Ma occhio a prendere le cose con il dovuto distacco: quelle sono cosche autoalimentate, dove il fannullone può essere tale perché nessuno lo caccerà  mai, ma non é il contratto a tempo indeterminato che fa si che non venga cacciato. Io lavoro in una grande azienda, il mio contratto é (per fortuna, uno degli ultimi) a tempo indeterminato ma se non combinassi nulla dalla mattina alla sera verrei GIUSTAMENTE cacciato su due piedi. Un conto é la sicurezza del lavoro, un conto sono gli stimoli e il senso di responsabilità  di ognuno di noi verso il proprio dovere.

  48. Biondo ha detto:

    Caro Daniele, un abbraccio dalla California.

    Hai sbagliato a fare outing? Non credo, ho fiducia nella tua onesta’ intellettuale. Hai sbagliato a scegliere di votare Di Pietro?

    Sicuramente si.
    L’unico modo per abbattere il regime, e’ non votare. Quando va al governo il gatto e’ meglio di quando va al governo la volpe?

    E se ogni 4 anni si alternano, cosa cambia? Illudetevi che votando cambierete le cose…per cambiare le cose in Italia ci vuole il kalashnikov!

    Ma vi siete fatti bene i conti? Vi conviene rimanere?

  49. luciano ha detto:

    Daniele, per me non c’era bisogno di questa
    giustificazione.
    La tua scelta di voto é più che leggittima.
    Chi si ostina a dire che votare leggittima la casta,
    ha le idee poco chiare sui danni che può ulteriormente
    causare il KRIMINALE DI ARCORE.
    Siamo costretti a votare il meno peggio, sino a quando
    GRILLO o chi per lui, non formerà  una lista alternativa,
    con una politica innovativa, capace di spazzare via
    questa PUTRESCENTE CASTA.

  50. Vota Antonio ha detto:

    PS: il link all’immagine del post e’:

    http://83.224.70.2/www.danielemartinelli.itt/wp-content/uploads/2008/03/libro-indipendente.bmp

    che e’ st’IP 83.224.70.2?

  51. Vota Antonio ha detto:

    Ci credo: non sei un leccaculo. E il perche’ e’ semplice. In Itaglia i leccaculo che vogliono andare a leccare posteriori in televisione a tutti possono chiedere “consigli” meno che a Tonino di Pietro.

    Poniamo che uno volesse farsi imbucare dal Tonino.

    Deve considerare che:

    a) Il mafioso di Arcore ha detto che Di Pietro gli fa orrore (tra parentesi: fare orrore a Berluscone e ai suoi scagnozzi e’ un grosso titolo di merito, un punto a favore del Nostro), quindi vanno escluse come possibilita’ di imbucamento le reti Mafiaset + annessi troiai aggregati locali.

    b) Inoltre non si potrebbe accedere nianco a Rai 2 di Mazza-Marano delle Liberta’, ne’ a Rai 1 Del Noce-Vespa(siano) delle Liberta’+Riotta cerchiobottista ansioso di accreditamento con Scilvio.

    c) Rimarrebbe Rai 3 a vocazione piddista. Senonche’ non appena il Tonino si e’ azzardato a dire che per lui Berluscone non dovrebbe avere piu’ di una rete, e che Mafia4 deve andare immediatamente sul satellite, i primi a zittirlo sono stati i signori piddisti, quelli che dovendo scegliere hanno preso come responsabile delle Comunicazioni il buon Follini, e difendono il D.D.L. dell’ottimo Gentilone (con Berluscone).

    Piu’ recentemente gli hanno pure comunicato (al Di Pietro) che non puo’ fare il ministro della Giustizia, non ne ha i requisiti (al contrario di Mastella, uno che evidementemente i requisiti piddisti ce li aveva tutti).

    Quindi anche su Rai 3 ci metterei una bella crociona sopra.

    Riassunto e morale della favola: se si e’ un leccaculi e si vuole dichiarare il voto per imbucarsi, l’ultimo da prendere in considerazione e’ Di Pietro. Anzi, c’e’ il caso che se uno gia’ lavora in Rai e dichiara di votare Tonino lo mandano a spasso.

    Giudizio finale: assolto per non aver commesso il fatto.

  52. marcello ha detto:

    Bravo Daniele!

    Il precedente post sulla dichiarazione di voto dimostra solo una cosa: che HAI I COGLIONI.
    Come Travaglio. Più di Grillo.

    Continua così! Onesto, graffiante, trasparente e LIBERO.

  53. helena f. ha detto:

    Daniele, Daniele, sono mancata 3 giorni, stanotte apro il blog e che vedo?
    Che casino che hai scatenato con questo outing…
    Molti bloggers concordano con te… qualcuno ti cancellerà  dalla lista dei preferiti… qualcuno non concorda ma rispetta la tua idea.
    Che dire? Così a caldo quando ho letto la tua dichiarazione, sono rimasta un pò… non me l’aspettavo… Di Pietro.
    Io pensavo che tu ti orientassi verso piccoli partiti, senza condannati, ne inquisiti, ne prescritti ecc… Sapevo che avresti votato, l’hai sempre detto che non sei daccordo sul non-voto.
    Ma come ha scritto uno dei bloggers “non sono daccordo con quello che dici ma mi batterò fino alla morte perché tu possa dirlo” Voltaire… mi pare.
    E non per questa tua dichiarazione ti stimo meno.
    Tu mi hai aperto gli occhi insieme a Grillo ed altri qui, solo qui, in Internet, ed io non posso fare a meno di ringraziarti con tutto il cuore.
    Oggi sono più critica quando leggo notizie sui giornali o quando vedo telegiornali di Regime. A parte che… ti confesso che io da 20 giorni a questa parte non sto più guardando la tv, mi sono stancata, é perennemente spenta. Ascolto la musica, mi collego ad Internet, leggo un libro… é primavera, c’é il sole, vado a fare una bella passeggiata nel verde.
    Io non so ancora cosa fare, NON VOTERO’ Di Pietro e … vedremo. Ho ancora 12 giorni… per pensare, poi ti dirò cosa avrò deciso ed eseguito.
    Ti seguo, continuerò a seguirti, ti stimo lo stesso e ti considero un valido giornalista libero.
    p.s. Se sarai a Torino al V2-Day, io ci sarò… ce lo prendiamo un caffé? 🙂
    Un caro saluto
    Helena

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.