Massoneria tra realtà  e fantasia

massoneria.bmp 

Il sito disinformazione.it riporta un articolo a firma di Marcello Pamio che getta ombre di sapore massonico sul rapporto che lega Beppe Grillo al gestore del suo blog, la Casaleggio Associati di Milano, composta da 5 soci, 4 dei quali ex elementi chiave della Webegg spa, società  di consulenza controllata da Telecom Italia.
Il lungo articolo induce a ritenere che uno dei soci, Gianroberto Casaleggio, oracolo ispiratore e miccia di Beppe Grillo per molte sue legittime denuncie, nasconda dietro gli attacchi, in particolare a Telecom, l’obiettivo societario di conquistare l’azienda di telecomunicazioni!
Il video linkato sull’homepage del sito della Casaleggio Associati intitolato “Prometeus, il futuro dei media” che inizia dicendo “L’Uomo é Dio, é ovunque, é chiunque, conosce ogni cosa…” spingerebbe alla visione illuminata della dimensione umana proiettata in rete. 
Pamio collega la scelta dell’icona satanica simbolo di tutte le logge massoniche alla potentissima famiglia americana dei Rockfeller, che davanti alla propria sede newyorkese ha stagliato una grossa statua proprio di Prometeus.
Perché vi chiederete? Perché il silenzio di Beppe Grillo sul signoraggio monetario sarebbe forzato dal fatto che la Casaleggio Associati é partner della Enamics, società  americana che vanta tra i suoi “clienti” la banca d’affari JP Morgan spicchio dell’impero dei Rockefeller.
Premesso che stimo gli articolisti e i contenuti di disinformazione.it, trovo ridicolo parlare di massoneria e di “scalate” alla Telecom da parte di un comico e di una società  privata che si occupa di sfruttare internet!
Se tutto ciò fosse vero mi rallegrerei perché con Telecom in mano a Grillo e Casaleggio leggeremmo ogni giorno le conversazioni telefoniche dei nostri politici durante i loro affari privati in veste di funzionari pubblici!
Sapete che divertimento e che prova di democrazia sarebbe? Se questo fosse il loro “umile” obiettivo avrebbero tutto il mio appoggio!
Al di là  delle battute l’argomento mi stimola a promettere qualche post in futuro dedicato alla massoneria vera, quella eversiva che ci ha traghettato e ci traghetta ancora nella situazione di oggi.
Ma da domani, che sarà  un altr’anno…
Per ora tanti auguri per un 2008 migliore e più libero per tutti!

Condividi!

You can leave a response, or trackback from your own site.

9 Commenti a “Massoneria tra realtà  e fantasia”

  1. emanuela ha detto:

    Ciao Daniele.. apprezzo molto il tuo ‘spazio’.
    Ma come mai non sei anche su myspace?
    mi farebbe (molto) piacere poterti avere tra gli amici e pubblicizzare la ‘tua raccolta’ di informazioni senza filtro..
    Emanuela

  2. oriefeiro ha detto:

    Io non liquiderei così il legame Casaleggio-Grillo-Telecom.
    Parto da una semplicissima domanda: come mai adesso non si parla più di Telecom nel blog di Grillo?
    Vero, le priorità  sono altre: bisogna sponsorizzare le liste civiche e fare il warm up prima del V-Day 2.
    Ma se prima ogni tanto il post su Telecom appariva ora é letteralmente sparito. La società  improvvisamente si é rigenerata, tronchetto la sua buonuscita se l’é presa, Buora non costituisce più un dilemma (ma non ne chiedeva le dimissioni all’intervento tenuto presso l’assemblea Telecom???), Bernabé ha la più sfrenata fiducia di Grillo (mah… ).
    Vorrei far notare che Telecom é la proprietaria dell’infrastruttura di rete in Italia, non mi pare cosa di poco conto!!!

  3. Diego ha detto:

    Il signoraggio é stato proposto anche alla Gabanelli, la quale ha risposto come Grillo; “troppo grande per essere capito, mi occupo solo di truffe piccole”
    Non additerei Grillo come il salvatore del mondo, piuttosto direi che é riuscito ad coniugare interessi privati con quelli della gente.
    In merito al signoraggio avra valutato i pro e i contro e avrà  deciso in base alle sue priorità .
    Attualmente condivido la linea che sta conducente Grillo, la reputo giusta per svegliare le masse. Il risveglio dall’accidia dovrebbe essere dolce, altrimenti si finisce come l’Argentina (anche se personalmente siamo sulla buona strada)
    Per quanto concerne il sito disinformazione.it, fotunatamente lo hanno messo nel titolo che disinformano. Un sito che nega il riscaldamento globale e i suoi effetti non dovrebbe avere credibilità .

    Ciao
    Diego

  4. salvo ha detto:

    ….cmq é anche possibile che non voglia toccare qualcuno.
    del resto qualche cosa che mi turba c’é… io lo seguo Grillo, ma non sto con lui a prescindere. valuto ogni battaglia. aggiungo che mi ha deluso da come ha trattato piero ricca. ultimamente nake piero ha fatto una cosa non tanto bella… x nn dire brutta! ragà , manca solo che scopriamo che Travaglio é un farabutto e io cambio pianeta!!!

  5. salvo ha detto:

    complimenti per il blog. Anche io faccio presente che Grillo ha parlato tempo fa del signoraggio e penso che la gente non sia ancora pronta ad approfondire questo argomento. Se Beppe lo facesse diventare un argomento troppo presente, la gente lo prenderà  per matto.

  6. matteo maratea ha detto:

    Grazie Daniele!!!
    Non avevo dubbi
    sulla tua etica morale e professionale!
    Ti auguro un felicissimo 2008
    Viva La Libera Informazione!

    Matteo Maratea

  7. Marco B. ha detto:

    A proposito di CENSURATI e .. SATIRA!
    http://www.danieleluttazzi.it
    Giornalismo geneticamente modificato ( GGM )

    E’ ufficiale: nel 2008, il New York Times avrà  fra i suoi columnists Bill Kristol. Kristol fondò con Robert Kagan l’aberrante Progetto per il nuovo secolo americano ed é, fra i neo-con vicini a Bush, uno dei più spudorati sostenitori della guerra in Iraq. In questi anni, con discorsi, interviste e articoli, ha continuamente mentito agli americani e al mondo, spacciando propaganda guerrafondaia come notizie vere, bugie come fossero fatti. Scrisse sulle motivazioni, i costi, la pianificazione e le conseguenze della guerra in Iraq un cumulo di menzogne e di baggianate che lo rendono del tutto inattendibile come commentatore politico.

    Insieme a Rove, Ledeen, Perle e altri della combriccola Iraq group ( in Italia i loro interventi vengono citati spesso, e pubblicati, dal Foglio e da Panorama; Kagan é stato intervistato due settimane fa da Ferrara a Otto e mezzo su La7; l’ottava puntata di Decameron avrebbe parlato di tutto questo e del ruolo di Carlo Rossella, ora promosso capo di Medusa cinema, nella propaganda bellica, quando era direttore di Panorama ), Kagan aderisce alla filosofia neo-fascista di Leo Strauss, che giustifica l’uso sistematico di bugie in politica per ottenere i propri scopi: invece di informare i cittadini, li imbrogliano, abusando della propria posizione di potere. Sull’Iraq, non una delle “previsioni” di Kristol, Wolfowitz, Bolton, Cheney & Co. si é avverata. Hanno creato loro la paura da cui sostenevano di proteggere il mondo. Risultato: “il peggior disastro nella storia della politica estera americana”. ( Fonte: NY Times ! ) Ma loro continuano indefessi. In dieci anni, la guerra in Iraq e Afghanistan costerà  agli USA 2400 miliardi di dollari. 2400 miliardi di dollari! E’ più di quello che guadagnavo a La7 in un mese.

    Kristol dirige The Weekly Standard, un periodico conservatore finanziato da Rupert Murdoch ( Sky, Myspace ), é un opinionista di Fox News ( sempre Murdoch ) ed é a favore della guerra contro l’Iran: ha già  detto, come disse degli iracheni, che gli iraniani accoglieranno i soldati USA come liberatori!

    Molti lettori stanno cancellando il proprio abbonamento al NYTimes e all’Herald Tribune in segno di protesta: la credibilità  dei due giornali é compromessa dalla modifica genetica Kristol.

    ( Altri hanno già  cancellato l’abbonamento a Newsweek, dopo che il settimanale ha assunto come opinionista il famigerato Karl Rove, e si sono abbonati a Time perché ha licenziato Kristol. )

    Nel dare la notizia, il Corriere della sera resta sul generico circa i trascorsi di Kristol e riporta l’opinione di Andrew Rosenthal del NY Times che difende la scelta del suo giornale così: ” Commette un grosso errore chi non vuole ascoltare il parere del suo avversario ideologico. ” Ehi! Da quando le bugie sono “un parere” ? ( Da quando il giornalismo é stato geneticamente modificato a uso e consumo dei propagandisti di guerra. Tanto valeva richiamare in servizio Judith Miller. )

    E questo é il Quiz della settimana:

    Chi é più GGM in Italia? Foglio, Panorama, Corriere della sera, Tg1, Tg2, Tg5, TgLa7, o Repubblica?

    Direte: cosa cambia, saperlo ? Giusto.

    Buon anno!

  8. wpro ha detto:

    date un’occhiata a:

    http://www.dossiercemim.it

    ovvero come può fallire un Ente pubblico con almeno 10 miliardi di vecchie lire di attivo…

  9. Marco B. ha detto:

    gran bel post Daniele. L’articolo di disinformazione.it l’ho letto e postato qui anch’io. Personalmente spero che Beppe e i Casaleggio facciano anch’essi parte di una qualche “massoneria” popolare o popolana che ci permetta di RICONQUISTARE la Telecom e l’accesso al web(magari GRATUITO)per TUTTI. Sarebbe la FINE(almeno in Italia)di quei poteri forti e oramai intrisi(Beppe nel discorso agli italiani lo fà  presente utilizzando la parola NUCLEARIZZATO)con la società  della CASTA-POLITICA-MEDIA-ECONOMIA che ogni giorno rende peggiori le condizioni di vita nel paese.
    Attendo con ansia i tuoi prossimi LIBERI post(almeno fino a quando non mi darai indicazioni contrarie)su argomenti tabù quali BANCHE-SIGNORAGGIO, MASSONERIE&POTERE, le CASTE quali e quante sono e COME SCONFIGGERLE. Fino ad allora ti faccio i miei migliori AUGURI di BUON 2008, così come li ho fatti a Travaglio, Piero Ricca e pure al beppun!

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.